venerdì 22 gennaio 2021

IKEA restituirà gli aiuti governativi ricevuti per il Covid-19

Ikea ha annunciato recentemente che la crisi scaturita dal Covid-19 ha avuto meno conseguenze del previsto.

A conferma di ciò, il gigante svedese ha dichiarato di essere in contatto con nove Paesi (Serbia, Spagna, Stati Uniti, Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Irlanda, Portogallo e Romania)

“per restituire gli aiuti governativi che abbiamo ricevuto durante la pandemia”.

A gennaio, Ikea aveva ordinato la chiusura di tutti i suoi 30 negozi in Cina “fino a nuovo avviso” a causa della diffusione di Covid-19. A marzo, circa 300 dei 380 negozi erano chiusi in tutto il mondo. La maggior parte è stata riaperta e solo 16 sono rimasti chiusi al momento.

Inizialmente, la società prevedeva un calo della domanda del 70-80%, ma immediatamente dopo la riapertura dei negozi, la domanda di mobili è aumentata e alla fine è aumentata di dieci volte. % Queste perdite riguardano solo gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Russia, che d’altra parte sono gli unici paesi che non hanno riaperto i loro negozi.

Tolga Oncu, responsabile delle operazioni di vendita al dettaglio:

” non è chiaro come andranno le cose, ma per ora il quadro dell’impatto della crisi sul gigante sembra più chiaro e, quindi, “abbiamo deciso di rimborsare il nostro business perché è la cosa giusta.  L’obiettivo è quindi quello di dare a chi ne ha più bisogno.”

Ikea si impegna con tutti i suoi 149.000 dipendenti

Alcuni paesi hanno già ricevuto rimborsi, ma non sanno quale sia l’importo. Il sostegno finanziario da parte dei governi mirava a pagare i salari dei lavoratori. Per tutti questi dipendenti che non hanno ricevuto il risarcimento completo nei mesi di marzo e aprile, Ikea si impegna a colmare il divario in modo che tutti i suoi 149.000 dipendenti in non meno di 29 paesi in tutto il mondo ottengano il loro stipendio completo.

Il commercio elettronico, potrà essere ancora per l’ennesima volta un’ancora di salvezza, e lo sarà anche per IKEA probabilmente visto il settore d’appartenenza.