domenica 28 febbraio 2021

Il 2020 annus horribilis del Pil. Si salva solo la Cina

AGI – Il 2020 sarà ricordato come l’annus horribilis per l’economia globale. Tutti i Paesi del mondo hanno risentito dell’emergenza coronavirus e la maggior parte ha assistito a un crollo record del Prodotto interno lordo. Eccezion fatta per la Cina, rimbalzata fuori dal Covid già con il +4,9% del Pil del terzo trimestre e che ora ha ripreso a correre a un ritmo più veloce di prima della pandemia, con una crescita in media d’anno del 2,3%. Peggio del -8,8% italiano ha fatto la Spagna con -11%, mentre la Francia ha chiuso a poco meglio a -8,3%.     

Ecco come hanno archiviato l’anno appena trascorso le maggiori economie mondiali.  

Eurozona, -6,8%

Nuova contrazione del Pil dell’area euro nel quarto trimestre, seppure limitata a un-0,7% rispetto al trimestre precedente, in cui era rimbalzato del 12,4%

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo