lunedì 02 agosto 2021

Il CEO di Morgan Stanley afferma che la recessione è “esattamente il tipo di motivo” per l’accordo E-Trade

Morgan Stanley Il presidente e CEO James Gorman ha dichiarato mercoledì che il drammatico ritiro delle azioni nel primo trimestre è un esempio del perché la banca sta acquisendo un broker online E-Trade.

“Penso che le persone di E-Trade abbiano gestito questo brillantemente Hanno avuto poche interruzioni nella loro piattaforma, e questo è esattamente il tipo di motivo per cui volevamo acquistare questo business “, ha detto Gorman su” Closing Bell .”

“Questo ci offre capacità tecnologiche di livello mondiale, e in particolare poiché le persone ora hanno imparato a gestire molto più da remoto, aumenterà ciò che stiamo facendo con i nostri consulenti finanziari.”

L’acquisizione aiuterà i ricavi della banca ad essere meno influenzati dalle mosse del mercato, ha detto Gorman.

“Fornisce più equilibrio al nostro modello di business. Sono più entrate da gestione patrimoniale, è più stabilità, è meno volatile rispetto al mercato principale “, ha affermato Gorman. “Così net-net, sono più felice ora che abbiamo fatto l’affare quando l’abbiamo fatto.”

Morgan Stanley ha annunciato l’accordo, una transazione di tutte le azioni allora valutato in $ 13 miliardi , il febbraio 20, il giorno dopo il S&P 500 ha raggiunto il record attuale. Lo stock della banca si è chiuso a $ 56. 31 per azione il giorno prima dell’annuncio e chiuso sotto $ 32 per azione mercoledì, un calo di oltre 43%.

Le azioni di E-Trade sono in calo di quasi 29% in quel periodo, nonostante un pop iniziale dopo l’annuncio dell’accordo. L’accordo dovrebbe concludersi nel quarto trimestre, secondo l’annuncio originale .

“Poiché entrambi i titoli si sono mossi e si sarebbero spostati dopo la crisi, mi sento molto a mio agio con aver fatto un affare di tutte le azioni”, ha detto Gorman.

S&P 500 solo 22 giorni di trading dal suo record di febbraio 19 fino all’autunno 30%, il più veloce calo nella storia .

Gorman ha anche affermato di pensare che il mercato abbia “visto il peggio” delle questioni di liquidità dopo le azioni della Federal Reserve e che 90% degli impiegati e degli appaltatori della banca lavorano in remoto a causa del coronavirus.

Articolo originale di CNBC