martedì 01 dicembre 2020

Il coronavirus innescherà tagli generalizzati dei tassi dei mercati emergenti e aumenterà le azioni, prevedono gli analisti

Un ufficiale navale indiano oltrepassa il logo della banca centrale indiana, la Reserve Bank of India (RBI), a Mumbai il 9 novembre , 2016.

Punit Paranjpe | AFP | Getty Images

Mercato emergente (EM) centrale le banche probabilmente inizieranno un allentamento più aggressivo della politica monetaria a seguito degli Stati Uniti Riduzione del tasso di interesse di emergenza della Federal Reserve , anticipano gli analisti.

Le prospettive economiche globali indebolite sulla scia del L’epidemia di coronavirus ha portato alla speculazione che una serie di importanti banche centrali di tutto il mondo abbasserà i tassi a seguito della Fed 50 punto base tagliato all’inizio di questa settimana.

Mentre l’allentamento della politica nei mercati emergenti è stato finora limitato all’Asia, dove si prevede che la ricaduta economica sarà la maggior parte gli analisti si aspettano che le banche centrali del panorama dei mercati emergenti stiano preparando il proprio arsenale di politica monetaria.

Mercoledì, l’economista Edward Glossop di Capital Economics Emerging Markets ha previsto ulteriori tagli dei tassi Asia emergente, ma anche in Brasile, India, Messico, Polonia e Sudafrica.

Glossop ha sottolineato che l’attività economica in emergenti i mercati continueranno a deteriorarsi e i dati pubblicati finora, come il PMI di febbraio ( letture dell’indice dei gestori degli acquisti), non avevano completamente compreso l’impatto del coronavirus, poiché erano state prese prima dell’impennata in casi al di fuori dell’Asia.

Più in generale, Capital Economics si aspetta che il virus continuerà a diffondersi e ad avere un impatto negativo sulla crescita del prodotto interno lordo (PIL) nella maggior parte dei principali paesi EM.

“Tra i grandi EM che colpiscono l’inflazione, il Messico e l’Egitto soffriranno un forte calo delle entrate del turismo (che ammontano rispettivamente al 7% e al 5% del PIL) “, ha detto Glossop.

” L’Europa centrale e orientale sarà colpita da un’interruzione dell’approvvigionamento catene e rallentamento della crescita globale. E artisti del calibro di Brasile, Cile, Sudafrica e Russia subiranno un colpo alle esportazioni a causa della riduzione dei prezzi delle materie prime. “

Incoraggiato dalla Fed

Inoltre, è improbabile che l’inflazione costituisca un ostacolo all’allentamento nella maggior parte dei casi, ha detto Glossop, evidenziando che i recenti cali delle valute dei mercati emergenti probabilmente faranno aumentare l’inflazione solo dello 0,2-0,3%, che nella maggior parte dei paesi sarà compensata dall’impatto della riduzione dei prezzi del petrolio.

“Analogamente i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento possono far salire i prezzi di alcuni beni, ma ciò dovrebbe essere ampiamente compensato da pressioni più deboli dal lato della domanda “, ha aggiunto.

A parte i mercati emergenti che seguono naturalmente la Fed a causa delle loro mollette rispetto al dollaro, Glossop ha sottolineato che anche le banche centrali in Messico, Turchia ed Egitto prestano molta attenzione alla politica monetaria degli Stati Uniti e potrebbero usare il drastico taglio della Fed come “copertura” per tagliare ulteriormente i propri tassi ufficiali. Anche quelli meno influenzati dalla Fed probabilmente si sentiranno più sicuri decisioni per allentare la politica, suggerì Glossop.

Entro la fine di 2020, Capital Economics prevede una riduzione di 60 punti base in India, 50 bps in Messico e 25 bps in Brasile, Colombia, Polonia, Repubblica Ceca e Sudafrica.

Superando le azioni EM

tassi più bassi e un dollaro più debole potrebbero fornire un vantaggio per le azioni dei mercati emergenti, secondo il CIO di Global Wealth Management UBS Mark Haefele, che ha valutato il sovrappeso delle azioni dei mercati emergenti in base alle aspettative che quest’anno supereranno i coetanei sviluppati.

nota Giovedi, Haefele ha sottolineato che i titoli azionari dei mercati emergenti hanno iniziato a sovraperformare i mercati sviluppati negli ultimi giorni, trainati in parte dai progressi comparativi della Cina nel contenere il coronavirus mentre gli Stati Uniti e l’Europa scendono nel panico. Ha previsto che questa sovraperformance continuerà nelle prossime settimane.

“Prevediamo che i differenziali di crescita tra i mercati emergenti e quelli sviluppati si allarghino a favore dei mercati emergenti quest’anno “, ha affermato.

” Inoltre, le valutazioni azionarie dei ME sono inferiori a quelle dei mercati dei mercati sviluppati, mentre a livello regionale prevediamo che i tassi di crescita degli utili più elevati in 2020 di essere in Asia, escluso il Giappone (12. 4%) e America Latina (15%), rispetto a solo il 6% negli Stati Uniti e una contrazione dell’1% in Europa. “

Tra i mercati emergenti, gli analisti di UBS sono particolarmente entusiasti del Brasile, che vedono come una” rara storia del ciclo iniziale in un mondo in crescita “come il paese passa da uno stato a un’economia guidata dal mercato.

“La ripresa dovrebbe favorire una crescita degli utili superiore (20% vs. 13% per gli EM in base alle nostre stime) “, ha affermato l’ufficio CIO di UBS in un recente aggiornamento.

“Record di bassi tassi di interesse reali supportano anche l’allocazione di fondi nazionali e internazionali in azioni, mentre il potenziale apprezzamento del BRL (Real brasiliano) potrebbe anche fornire un’ulteriore fonte di rialzo.”

Articolo originale di CNBC