giovedì 26 novembre 2020

Il coronavirus potrebbe effettivamente rendere il lavoro da casa più comune

L’aumento della disoccupazione a causa della pandemia di coronavirus ha molti lavoratori che si spostano verso altri settori. Un’opzione è il lavoro remoto, una pratica che è cresciuta 159% da 2005.

mapodile | Getty Images

La piattaforma di social media Twitter ha sollecitato i suoi dipendenti lavorare da casa, nell’ambito dei suoi sforzi per limitare l’ulteriore diffusione del coronavirus.

Gigante della tecnologia Google e banca di investimento JPMorgan sono anche tra le aziende che testano le politiche di lavoro a distanza come precauzione.

Solo un terzo delle persone negli Stati Uniti attualmente lavora in remoto, secondo un sondaggio di 2, 613 lavoratori a tempo pieno in America dalla piattaforma Workhuman, pubblicata mercoledì.

Tuttavia, un sondaggio globale di 2018 della società di dati e approfondimenti Kantar ha scoperto che di 33, 000 persone, 32% ha valutato un lavoro in cui potevano lavoro da casa.

Joe Hirsh, un esperto di leadership e comunicazione, ha detto alla CNBC di ritenere che l’epidemia del coronavirus abbia il potenziale per rendere il lavoro da casa una pratica più comune.

Ha sostenuto che se più aziende seguiranno le orme di Twitter e Google, ciò potrebbe “spostare le dinamiche sul posto di lavoro”.

Jon Addison, vicepresidente delle soluzioni per i talenti EMEA di LinkedIn, ha convenuto che le imprese troverebbero inevitabilmente più difficile continuare con “gli affari come al solito” nelle attuali circostanze, se mancano l’infrastruttura tecnologica per lavorare in remoto o politiche di lavoro flessibili.

Per alcuni, ha detto, l’epidemia di coronavirus potrebbe agire come una “sveglia” per attuare questo cambiamento.

Ha detto che lavorare da casa potrebbe effettivamente rivelarsi vantaggioso per determinati compiti, come quelli che richiedono “attenzione profonda o privacy a causa della natura sensibile di ciò su cui si sta lavorando”.

Stephen Shih, che è partner della società di consulenza gestionale globale Bain & Company e ha sede nell’ufficio di Shanghai dell’azienda, ha ritenuto che il coronavirus fosse uno dei numerosi fattori che hanno guidato l’aumento di telelavoro.

Ha sostenuto che anche lo sviluppo di tecnologie di videoconferenza e strumenti di collaborazione più economici e ampiamente disponibili ha avuto un ruolo. Inoltre, la pressione per offrire un lavoro più flessibile per conservare il talento e tenere maggiormente conto delle impronte di carbonio degli individui, sono stati altri fattori che hanno spinto il cambiamento nelle politiche aziendali.

Tuttavia, ha aggiunto che lo scoppio di COVID – 19 stava accelerando questa tendenza.

Bob Cordran, partner dello studio legale internazionale Dorsey & Whitney, ha affermato che le aziende potrebbero anche essere costrette a diventare più indulgenti nel lavorare da casa, con alcuni lavoratori che devono assumersi compiti di assistenza all’infanzia tra le chiusure scolastiche.

“Ciò può richiedere una certa flessibilità poiché gli accordi di lavoro a casa spesso prevedono che il lavoratore non si prenda cura dei bambini (in particolare dei giovani) mentre lavora da casa”, ha spiegato.

Come aiutare i dipendenti a lavorare in remoto

Più della metà di i lavoratori del rapporto Workhuman hanno dichiarato di aver sperimentato il burnout nella loro carriera, con la causa principale che era troppo lavoro e non abbastanza fonti.

Hirsch ha affermato che questa sensazione potrebbe essere aggravata quando si lavora da soli da casa. Ha suggerito ai manager di contrastare questo “rafforzando la loro presenza”, effettuando frequenti check-in tramite video o conversazioni telefoniche con il personale.

Allo stesso modo, ha detto che il vecchio detto di “lontano dagli occhi, lontano dal cuore” può suonare particolarmente vero per i lavoratori remoti, che “possono sentirsi emarginati dalla loro decisione di lavorare da home. “

Ha citato un’azienda che crea emoji speciali per i team remoti quando raggiungono determinati obiettivi, mentre un altro dei suoi clienti manda torte di compleanno a casa dei dipendenti.

Quando i team parlano in gruppo, ha raccomandato ai manager di “ritagliarsi il tempo delle riunioni per ascoltare da ogni dipendente qualcosa di divertente o frustrante che accade a casa, nel tentativo di umanizzare il luogo di lavoro virtuale “.

Shih concordò, dicendo che anche dopo che l’epidemia di coronavirus si è placata, è importante assicurarsi che le relazioni e la cultura sul posto di lavoro “non si perdano nel lavoro da casa”.

Check-out: L’assicurazione di viaggio della tua carta di credito copre le cancellazioni del coronavirus?

Articolo originale di CNBC