giovedì 29 luglio 2021

Il coronavirus ridurrà i prezzi delle case negli Stati Uniti del 2-3% a livello nazionale, secondo Zillow, ma potrebbero essere in serbo immersioni più profonde

Una casa attende la vendita a un prezzo richiesto ridotto a Glendale, California.

David McNew | Getty Images

I prezzi delle case sono diminuiti solo a livello nazionale una volta dalla Grande Depressione, e questo seguiva la crisi dei mutui subprime e la Grande Recessione. Ora, appena otto anni dopo aver toccato il fondo, e dopo una poderosa ripresa, si prevede che i prezzi diminuiranno nuovamente a livello nazionale, in calo del 2-3% quest’anno, secondo Zillow.

La società di quotazione immobiliare nota che sta basando la sua previsione su dati proprietari e una previsione di base di una diminuzione del 4,9% del PIL degli Stati Uniti in 2020 e un successivo aumento del 5,7% di 2021.

Prevede anche molto velocemente 50 – 60% di calo delle vendite di case, che raggiungerà il fondo entro la fine di questa primavera e si riprenderà a un ritmo di circa 10% ogni mese fino a 2021.

“I fondamenti dell’edilizia abitativa sono forti – molto di più di quanto stessero conducendo alla Grande Recessione – e questo fa ben sperare per l’edilizia abitativa in generale”, ha dichiarato Svenja Gudell, capo economista di Zillow . “Nonostante le difficoltà, stiamo vedendo diversi segnali che indicano che esiste ancora una buona quantità di domanda di alloggi e che acquirenti, venditori e agenti stanno diventando sempre più a proprio agio nel portare avanti le transazioni ove possibile”.

Gudell punta su una tecnologia in rapida evoluzione che aiuta gli acquirenti a fare acquisti e a chiudere le case a distanza in mezzo alla pandemia di coronavirus.

In confronto, i prezzi delle case sono scesi di poco 27% a livello nazionale durante la Grande Recessione, dal loro picco in 2006 al trogolo in 2012, secondo gli indici S&P Case-Shiller. In alcune delle più grandi città della nazione, caddero ancora più duramente. A febbraio di quest’anno, i prezzi erano 15. Più alti del 5% rispetto al 2006 picco e oltre 59% dal trogolo 2012.

Le previsioni di Zillow includono uno scenario più pessimistico in cui i prezzi scenderebbero del 3-4% senza recupero fino alla fine di 2021 . Vedono una probabilità 25% di quello. Altri, tuttavia, vedono lo scenario pessimistico come più probabile.

Alla fine di marzo, gli economisti di Capital Economics avevano previsto che i prezzi delle case sarebbero scesi del 4% all’inizio del minimo 2021, con valori appiattiti fuori per il resto dell’anno.

“La nostra aspettativa che le vendite di case riprendano nella seconda metà dell’anno man mano che l’economia inizia a migliorare impedirà anche un sostanziale calo dei prezzi. Ma ci vorrà del tempo per redditi delle famiglie e risparmi da recuperare “, ha scritto Matthew Pointon, economista immobiliare di Capital Economics.

Nel frattempo Lawrence Yun, capo economista della National Association of Realtors, ha predetto che quest’anno i valori delle case non calerebbero affatto, ma “rischiano di ottenere un vantaggio a un nuovo record. ”

Yun ha dichiarato che i prezzi aumenteranno dell’1,3% per l’anno, con variazioni del mercato locale. L’estremità superiore del mercato, ha osservato, vedrebbe calare i prezzi.

Aumentare i prezzi è una grave carenza di case in vendita. Le inserzioni erano in calo anche prima del successo della pandemia, e ora sono scese a livelli minimi, poiché i potenziali venditori ritardano la quotazione e quelli già sul mercato tirano le loro inserzioni.

L’offerta di case per la vendita è ora in calo 22% ogni anno e nuova gli elenchi sono in calo di circa il , secondo un rapporto Redfin della scorsa settimana. Quelli sul mercato, tuttavia, non stanno abbassando i prezzi. Solo il 3% delle case sul mercato ha avuto un calo dei prezzi la scorsa settimana, lo stesso dell’anno scorso in questo momento e inferiore alla media di gennaio e febbraio del 4%.

I prezzi, storicamente, seguono le vendite, in ritardo di alcuni mesi. Le vendite caleranno drammaticamente questa primavera, ma ci sono già segnali che gli acquirenti stanno tornando sul mercato. Il traffico web sui siti immobiliari è in aumento e diversi costruttori di case hanno affermato che la domanda è aumentata solo nelle ultime settimane. Molto, ovviamente, dipenderà dalla ripresa economica complessiva e da quanto duramente e per quanto tempo la fiducia dei consumatori continuerà a diminuire.

Articolo originale di CNBC