venerdì 23 ottobre 2020

Il coronavirus sta accelerando la guerra del capitale tra Cina e Stati Uniti

 

La crisi del coronavirus potrebbe accelerare una guerra del capitale, degli scambi commerciali e della tecnologia tra le due maggiori economie del mondo.

Michael Howell, CEO di Crossborder Capital, ha fatto notare come l’accordo commerciale preliminare tra Stati Uniti e Cina sia in pericolo e che potrebbe esserci persino un nuovo campo di battaglia: l’investimento di capitale.

“Penso che la vera tensione in arrivo non sia solo guerre commerciali, ma guerre capitali – siamo in un mondo in cui le guerre capitali sono importanti”, ha detto, osservando che c’era “una terribile liquidità” riversata nei mercati nel mezzo della crisi del coronavirus.

I governi e le banche centrali di tutto il mondo hanno lanciato pacchetti di stimoli senza precedenti, nel tentativo di frenare lo shock economico dalla pandemia, con il presidente Donald Trump a marzo che approva uno storico $ 2 trilioni di dollari di rilievo in coronavirus.

Nel frattempo, la domanda del dollaro – generalmente considerata un rifugio sicuro in tempi di crisi – è cresciuta in seguito allo scoppio, creando carenze e influenzando altre valute. In risposta, la Federal Reserve ha ampliato le linee di swap in dollari esistenti, aggiungendo linee a più banche centrali – comprese quelle in Australia, Corea del Sud e Brasile – in modo che più istituzioni possano accedere ai finanziamenti in dollari.

Tuttavia, Howell ha detto alla CNBC martedì che credeva che i politici americani avessero ulteriori motivi per rendere la loro valuta più accessibile a livello internazionale.

“La decisione di condividere le linee di scambio del dollaro con 14 altre nazioni, formando effettivamente un gruppo di fatto di 15 paesi, inclusa l’America, che hanno accesso ai dollari, questo è uno sviluppo critico “, ha detto.

Howell ha definito la mossa” l’equivalente economico di La NATO “, che ha notato, è stata istituita per contenere l’Unione Sovietica militarmente.

” Questo sta cercando di contenere la Cina economicamente “, ha detto. “Ci saranno ulteriori salvatori sparati in questa guerra capitale, questa guerra tecnologica, questa guerra commerciale. Fondamentalmente, America e Cina sono chiaramente rivali e la crisi del coronavirus ha semplicemente accelerato queste tendenze.”

Il magnate degli hedge fund Ray Dalio ha previsto a novembre che le guerre di capitali segneranno la fase successiva del conflitto economico tra Stati Uniti e Cina, affermando che la lotta per il potere potrebbe presto evolversi in una lotta contro il posto di lunga data del dollaro come forma di scambio preferita del mondo .

Agathe Demarais, direttore delle previsioni globali di The Economist Intelligence Unit (EIU), ha anche detto alla CNBC che le tensioni geopolitiche preesistenti sarebbero probabilmente accelerato dalla pandemia.

“L’epidemia di coronavirus non cambierà la frammentazione in corso, la polarizzazione in corso del quadro geopolitico”, ha detto in una telefonata. “Ma pensiamo che accelererà i processi in corso di paesi come la Russia e la Cina che cercano di svolgere un ruolo più importante sulla scena globale e di riaffermare la loro posizione sulla scena globale.”

Stati Uniti e Cina hanno firmato un atteso accordo commerciale di “fase uno” a gennaio – poco dopo Covid – 19 è stato segnalato per la prima volta all’OMS – ma da allora le tensioni sino-americane sono state riaccese .

Il presidente Donald Trump ha incolpato apertamente la Cina per la pandemia e ha minacciato nuove sanzioni sul paese in rappresaglia per il coronavirus.

USA i funzionari hanno anche criticato il progetto di legge sulla sicurezza nazionale di Pechino per Hong Kong, con alcune minacciose sanzioni contro la legislazione che è stata accusata di essere utilizzata per destabilizzare la libertà di Hong Kong.