Entra in contatto con noi

Attualità

Il costo enorme di cambiamenti climatici e disastri naturali

Pubblicato

il

Gli eventi meteorologici estremi hanno causato il 42% di danni in più quest’anno rispetto alla media dell’ultimo decennio. Il 2022 si chiude a un livello quasi record, con un conto che ha già raggiunto i 115 miliardi di dollari contro una media di 81 miliardi di dollari, un trend trainato dall’interazione tra calamità naturali e cambiamento climatico.

L’aumento dell’intensità e della frequenza degli eventi estremi continua ad aumentare linearmente la quantità di danni

Il 2022 è il secondo anno consecutivo in cui le perdite stimate superano la soglia psicologica dei 100.000 milioni di dollari: si conferma il trend degli ultimi dieci anni, che registra una crescita media del 5-7% annuo.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

È quanto emerge dal consueto rapporto annuale di Swiss Re, la compagnia svizzera di riassicurazione (il servizio che assicura gli stessi agenti assicurativi). Un mercato che da tempo si trova ad affrontare situazioni potenzialmente ingestibili proprio a causa del legame tra calamità naturali e cambiamento climatico.

Infatti, un aumento degli eventi estremi tende ad aumentare i costi assicurativi. La conseguenza di ciò è che o meno persone possono permettersi l’assicurazione sulla casa, oppure l’assicuratore stesso sceglie di non fornire servizi in una certa area se ritiene che, anche con premi più alti, rischi di chiudere i conti in rosso. .

Vedi anche: Il cambiamento climatico causato dall’uomo è dietro la furia dell’uragano Ian

Questo è ciò che abbiamo visto in Florida quest’anno. L’uragano di categoria 4 Ian si è abbattuto alla fine di settembre causando danni per almeno 50-65 miliardi di dollari, il secondo evento più grande dopo Katrina nel 2005. La stessa Swiss Re stima che questo evento da solo avrebbe comportato una perdita di 500 milioni di dollari sui suoi conti nel terzo trimestre poiché le richieste di copertura da parte di varie compagnie assicurative sono salite alle stelle.

Advertisement

“Lo sviluppo urbano, l’accumulo di ricchezza nelle aree soggette a disastri, l’inflazione e il cambiamento climatico sono fattori chiave nel trasformare le condizioni meteorologiche estreme in perdite sempre maggiori in caso di disastri. Quando l’uragano Andrew ha colpito 30 anni fa, non c’è mai stata una perdita di $ 20 miliardi, e ora ci sono stati sette uragani di questo tipo negli ultimi sei anni “, ha affermato Martin Bertogg, responsabile del rischio disastri presso Swiss King.

Advertisement

Trending