Entra in contatto con noi

Attualità

Il diritto ad un ambiente sano dovrebbe essere riconosciuto per tutti è una priorità per tutti

Pubblicato

il

Perché una cosa così impattante non è un diritto fondamentale?

La maggior parte di noi conosce e gode ogni giorno dei propri diritti inalienabili. Sono contenuti in un documento composto da 30 articoli e si chiama Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Fu adottato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948 a Parigi e da allora è diventato un vero punto di riferimento. Oggi si potrebbe estendere per riconoscere il diritto a un ambiente salubre.

Un diritto che potrebbe davvero difendere il nostro mondo

Il diritto alla vita, il diritto alla libertà di religione, il diritto alla salute, al lavoro, all’istruzione. Ciò che diamo per scontato, ma in realtà non lo è. Ancora oggi, molti di questi diritti non sono universalmente applicati; tuttavia, non si può negare che, una volta adottati, hanno portato un vero progresso nel mondo. Il 18 luglio 2022 si è tenuta la 76a sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e alle ore 10 si è tenuto il primo evento dedicato alla Giornata Internazionale di Nelson Mandela. Il mondo di oggi ha un’opportunità che, se colta, potrebbe essere la forza trainante di un futuro più sostenibile. Infatti, il diritto a un ambiente pulito, salubre e sostenibile potrebbe essere aggiunto all’elenco dei diritti universalmente riconosciuti.

L’ambiente è per tutti e di tutti

Molti ancora non capiscono il fatto che questa crisi leda tutti gli altri diritti di cui godiamo oggi. Facciamo alcuni esempi.

  • 9 bambini su 10 in tutto il mondo sono esposti alle particelle fini nell’aria. La relazione tra questo tipo di esposizione e lo sviluppo di tumori nell’infanzia è scientificamente provata, ma non solo (qui trovate un’interessante pubblicazione) è una chiara violazione del loro diritto alla salute.
  • In  alcune regioni del mondo, secondo la BBC, muoiono 4 persone a settimana e nel 2020 227 persone sono state uccise per la protezione delle risorse naturali che devono essere preservate (foreste, riserve idriche e oceani). ): una palese violazione del diritto alla vita.