martedì 22 giugno 2021

Il divieto americano di Huawei non sta andando via — si sta espandendo

Quasi due anni fa, l’amministrazione Trump ha emesso un ordine esecutivo che vietava alle società di telecomunicazioni cinesi di fare affari negli Stati Uniti, che alla fine includeva Huawei e il suo business degli smartphone. Ora è in atto una nuova amministrazione e sta ampliando quel divieto. Con il cambio nelle amministrazioni presidenziali, non era chiaro se il divieto di Huawei continuasse. Ora l’amministrazione Biden ha emesso un ordine esecutivo che conferma l’ordine precedente e lo amplia per coprire più aziende tecnologiche e di difesa cinesi, portando il totale a 59. Ma ha apportato diverse modifiche al precedente ordine esecutivo, sia per rafforzare che per espandere il divieto. La prima parte del rafforzamento del il divieto comporta lo spostamento della responsabilità per la selezione delle società sulla lista dal Pentagono al Dipartimento del Tesoro. Il precedente decreto esecutivo era stato impugnato con successo in tribunale perché non esponeva con sufficiente chiarezza le ragioni del divieto. Il Dipartimento del Tesoro ha esperienza con le sanzioni, che potrebbero aiutare a rafforzare gli sforzi per sopravvivere alle sfide in tribunale. Come afferma l’Ordine Esecutivo:

Questo EO modificherà EO 13959 creando un quadro sostenibile e rafforzato per imporre divieti agli investimenti nelle società cinesi di tecnologia di difesa e sorveglianza. L’EO vieta alle persone degli Stati Uniti di impegnarsi nell’acquisto o nella vendita di titoli negoziati pubblicamente di qualsiasi persona elencata nell’allegato dell’EO o determinata dal Segretario del Tesoro, in consultazione con il Segretario di Stato, e, in qualità di Segretario del Tesoro ritiene opportuno, il Segretario della Difesa: Operare o aver operato nel settore della difesa e dei materiali connessi o nel settore della tecnologia di sorveglianza dell’economia della RPC; o Possedere o controllare, o essere posseduti o controllati da, direttamente o indirettamente , una persona che opera o ha operato in uno dei settori sopra descritti, o una persona elencata nell’allegato della presente OE o che è stata altrimenti determinata essere soggetta ai divieti in questa OE Come indicato nell’ordine esecutivo “citato sopra”, anche gli individui e le società non possono investire nelle società quotate, il che mantiene Huawei nella stessa barca in cui si trova ora. Anche vendere parti dell’azienda a un’azienda americana o americana non funzionerebbe, motivo per cui Huawei ha venduto Honor a una società di nuova costituzione che è di proprietà dello stato cinese. Significa anche che Huawei dovrà continuare con il suo piano per una versione di Android senza Google, soprannominata HarmonyOS.

Interessante sono le società non nominate nell’ordine esecutivo aggiornato, la società madre che ora possiede Honor, Xiaomi e ZTE. Il divieto su Xiaomi è stato revocato all’inizio di quest’anno e ZTE semplicemente non viene menzionato. Delle società citate, la maggior parte si occupa di decisioni aerospaziali, con Huawei e Panda Electronics tra le poche eccezioni . Huawei ha contratti aziendali ed è fortemente investito nella tecnologia 5G, quindi la sua inclusione segue una certa logica. Il nuovo Lo York Times, tuttavia, riferisce che i funzionari dell’amministrazione hanno indicato che l’elenco delle società vietate è destinato a crescere. Se e quando ciò accadrà, ti faremo sapere.

Fonte: Casa Bianca