mercoledì 21 aprile 2021

Il dollaro statunitense potrebbe perdere ancora terreno secondo gli analisti di Goldman Sachs

Dopo le recenti news secondo cui la Cina ha deciso di vendere in massa titoli di Stato statunitensi, il pensiero di una imminente ulteriore svalutazione della moneta USA si fa sempre più forte.

Secondo Goldman Sachs, il deprezzamento della valuta statunitense potrebbe acutizzarsi.

“Il dollaro USA è entrato nella recessione causata dal coronavirus già sopravvalutato”. “Durante i picchi di marzo, il tasso reale ponderato per il commercio del dollaro aveva raggiunto circa il 2% dei massimi registrati nell’ultimo ciclo del dollaro, conclusosi nel febbraio 2002. Il dollaro potrebbe ricadere nuovamente al 20% se la ripresa economica dovesse continuare “.

Come si può vedere nella tendenza dell’indice del dollaro, il biglietto verde per antonomasia aveva iniziato l’anno registrando un aumento: un aumento dell’indice del dollaro, che collega il dollaro all’euro, allo yen e ad altre valute attraverso un promessa ponderata geometrica. , aveva mostrato una moderata forza nella valuta americana, solo per dedicarsi sempre più al ribasso.

“La nostra misura giornaliera è scesa di oltre il 5% dalla media di aprile a metà maggio. In parte questa debolezza deriva dal rafforzamento di altre valute storicamente correlate inversamente al dollaro, come il dollaro e i pesos. Messicani, per non parlare del rimbalzo a cui sono stati sottoposti i mercati “.

Tuttavia, questi fattori, secondo Goldman Sachs, sono solo l’inizio di una tendenza al ribasso che durerà a lungo:

“Crediamo che ciò a cui stiamo assistendo sia solo l’inizio, la tendenza al ribasso del dollaro potrebbe durare più a lungo del previsto dato i fondamentali a medio termine. e mercato valutario a lungo termine “.

Gli ETF interessanti post Coronavirus