sabato 06 marzo 2021

Il governatore della California afferma di non essere preoccupato per il fatto che Musk trasferisca Tesla fuori dallo stato “in qualsiasi momento presto”

Il Governatore della California Gavin Newsom ha detto martedì alla CNBC di non essere “preoccupato” del CEO di Tesla, Elon Musk, che sposta le attività della società fuori dallo stato.

“Non sono nemmeno preoccupato che Elon se ne vada presto”, ha detto Newsom in un’intervista trasmessa su “Fast Money”.

“Ho avuto molte conversazioni con lui e ci impegniamo per il successo, l’innovazione e l’economia a basse emissioni di carbonio e verde che promuove da decenni e lo stato della California sta accelerando “.

Musk ha dichiarato all’inizio di questo mese su Twitter di essere pronto a spostare il quartier generale di Tesla e le sue future operazioni fuori dalla California in una disputa con funzionari della sanità pubblica nella contea di Alameda, dove il produttore di veicoli elettrici produce delle sue auto per gli Stati Uniti e l’Europa.

Tesla fece anche causa alla contea per le sue restrizioni commerciali legate al coronavirus, che avevano limitato la produzione di Tesla da marzo. Per volere di Musk, Tesla ha riaperto per la produzione ha fatto nuove auto nella sua fabbrica di Fremont dal fine settimana della festa della mamma, e ha funzionato per giorni sfidando gli ordini sanitari locali.

Come precedentemente riportato dalla CNBC, le comunicazioni interne di Tesla hanno mostrato che i turni di produzione erano ripresi completamente, meno alcuni lavoratori temporanei e alcuni impiegati amministrativi e altri che erano ancora in grado di lavorare in remoto, invece di venire alla fabbrica di Fremont.

Newsom, un democratico, ha affermato di conoscere Musk da decenni e di “grande rispetto e ammirazione per il suo spirito innovativo”. Ha sostenuto che la California è stata un partner chiave per Tesla in quanto è cresciuta fino a diventare il protagonista mondiale dei veicoli elettrici.

“Penso che sia nel nostro interesse continuare a trovare aree di terreno comune e che, tra l’altro, è esattamente quello che facciamo nello stato della California con Tesla”, ha detto Newsom. “E sono stati sistemati e hanno iniziato a riaprire mentre la produzione, la logistica e il deposito in tutto lo stato hanno funzionato e riaperto nelle ultime settimane.”

I commenti di Newsom arrivano come basati su Palo Alto Tesla ricerca un luogo per il suo nuovo impianto di assemblaggio finale. La scorsa settimana CNBC ha riferito che la società si stava concentrando sul Texas o sull’Oklahoma. Musk ha affermato che il prossimo impianto sarà il “Cybertruck” Gigafactory dell’azienda.

Tesla non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento sulle osservazioni di Newsom.

L’analista automobilistico Morgan Stanley Adam Jonas ha dichiarato alla CNBC la scorsa settimana che crede che la quota di veicoli Tesla prodotti in California si ridurrà nei prossimi anni. Ha detto che è economicamente “impegnativo” produrre veicoli nello stato.

“Non c’è dubbio nella nostra mente che nel tempo la percentuale di produzione globale di Fremont diminuirà e pensiamo il prossimo impianto sarà chiaramente in Texas “, ha dichiarato Jonas, uno dei primi analisti rialzisti di Wall Street su Tesla.

Newsom ha dichiarato di ritenere che fare affari in California sia vantaggioso per le aziende, inclusa Tesla. “Potremmo non essere il posto più economico per fare affari ma siamo il posto migliore per fare affari”, ha affermato.

Le azioni di Tesla hanno chiuso la sessione di martedì leggermente inferiore a $ 808 ciascuna. Lo stock è aumentato 93% finora quest’anno.

– Lora Kolodny della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

Articolo originale di Cnbc.com