venerdì 24 settembre 2021

Il metabolismo è stabile dai 20 a 60 anni: lo dicono i ricercatori della Duke University e dell’Università di Aberdeen

Il metabolismo dopo il picco nel primo anno di vita rimane stabile fino alla mezza età e inizia a rallentare solo dopo i 60 anni. Quindi se ingrassi, non è colpa del metabolismo lento, ma della dieta sbagliata.

Lo dimostra un nuovo studio di un gruppo internazionale di ricercatori guidati da John Speakman dell’Università di Aberdeen e Herman Ponzer della Duke University. Il team ha analizzato il numero medio di calorie bruciate da una media di oltre 6.600 persone di età compresa tra una settimana e 95 nel corso della loro vita in 29 paesi.

In precedenza, la maggior parte degli studi su larga scala misurava la quantità di energia utilizzata dal corpo per svolgere funzioni vitali di base come la respirazione, la digestione del cibo e il pompaggio del sangue. In altre parole, hai solo bisogno di calorie per rimanere in vita. Ma questo rappresenta dal 50% al 70% delle calorie che bruciamo ogni giorno. Non tiene conto dell’energia che spendiamo per tutto il resto: lavare i piatti, portare a spasso il cane, sudare in palestra, anche solo pensare o agitarsi.

Il fabbisogno energetico aumenta durante i primi 12 mesi di vita, quindi al suo primo compleanno un bambino di un anno brucia calorie il 50% più velocemente di un adulto. I dati mostrano che dopo questo picco iniziale nell’infanzia, il metabolismo rallenta di circa il 3% ogni anno fino all’età di 20 anni, quando si stabilizza.

Sebbene l’adolescenza sia un periodo di crescita accelerata, i ricercatori non hanno riscontrato alcun aumento del fabbisogno calorico giornaliero. La mezza età è stata un’altra sorpresa. Se le cose peggiorano dopo i 30 anni quando si tratta di mantenere un peso sano, non è metabolico.

In effetti, i ricercatori hanno scoperto che i costi energetici nei decenni successivi ( anni 20, 30, 40 e 50) erano stabili. Anche durante la gravidanza, il fabbisogno calorico di una donna non è né più né meno del previsto.