giovedì 26 maggio 2022

Il mondo è pieno di introversi: lo sono il 25-40% della popolazione

Timido non vuol dire introverso. Gli introversi tendono a concentrarsi maggiormente su pensieri, sentimenti e stati d’animo interni piuttosto che cercare stimoli esterni.

Spesso una persona timida viene definita a priori anche un introverso e viceversa. In effetti, l’introversione non è necessariamente associata alla timidezza.

Piuttosto, è un tipo di personalità che è tradizionalmente visto come l’opposto dell’estroversione. In effetti, gli introversi e gli estroversi sono spesso considerati due estremi opposti, ma la verità è che la maggior parte delle persone si trova da qualche parte nel mezzo.

Di solito, in media, il 25-40% della popolazione è un introverso, ma cosa significa veramente? Fino ad ora, ci sono molte idee sbagliate su questo tipo di personalità. Ad esempio, l’introversione non è la stessa cosa dell’ansia sociale o della timidezza. Solo perché sei un introverso non significa che sei socialmente ansioso o timido.

I termini introversione ed estroversione provengono direttamente da uno dei grandi “padri” della psicologia: lo psichiatra Carl Jung introdusse accuratamente questi due tipi di personalità (in “Tipi psicologici”). Secondo la sua teoria, una persona introversa tende a stare lontana dal mondo esterno perché è più attratta dal mondo interiore. Gli introversi tendono a concentrarsi maggiormente su pensieri, sentimenti e stati d’animo interni piuttosto che cercare stimoli esterni.

Il lavoro di Carl Jung è stato parte integrante di altre teorie psicologiche, incluso il modello della personalità dei Big Five. Le teorie psicologiche sugli introversi e sugli estroversi sono supportate anche dalla scienza, in particolare dalla fisiologia del corpo umano. A livello neurologico, una rete di neuroni situata nel tronco cerebrale noto come sistema di attivazione reticolare (RAS) è responsabile della regolazione dei livelli di eccitazione, compresa la veglia e le transizioni tra sonno e veglia. Il RAS svolge anche un ruolo nel controllare la quantità di informazioni che ricevi mentre sei sveglio. Di fronte a potenziali minacce nell’ambiente, il RAS aumenterà i livelli di attivazione per tenerti vigile e pronto ad affrontare il pericolo. Ogni persona ha un set di base quando si tratta di livello di eccitazione. Alcune persone hanno naturalmente un’impostazione molto più alta, mentre altre hanno un’impostazione molto più bassa.


Fonte: Thewom.it  |  Credit: Giulia Bocchi