martedì 24 novembre 2020

Il Nasdaq verso i massimi storici? Ci sono alcune possibilità

Il rally del mercato statunitense ha portato il Nasdaq Composite a meno dell’1,6% di un nuovo massimo storico all’inizio della settimana scorsa, ma i timer di mercato focalizzati sul Nasdaq a breve termine non mostrano l’esuberanza irrazionale che altrimenti ci si aspetterebbe.

È comprensibile. Chi avrebbe osato pensare in fondo al mercato orso a metà marzo che all’inizio di giugno avremmo persino parlato di nuovi massimi per il Nasdaq COMP, + 2. 06% ?

Gli analisti sono stati per lo più scettici su questo sin dall’inizio

La verità è che i marketer sono stati per lo più scettici su questa manifestazione sin dall’inizio. Quasi un mese fa ho riferito che, a causa del loro scetticismo, “la manifestazione ha più spazio per correre”. Da quando è apparsa quella colonna, il Nasdaq è aumentato del 7,6% e l’S&P 500, + 2. 62% ha guadagnato l’8,8%.

Fortunatamente per i tori, i timer rimangono sorprendentemente scettici. Ciò è particolarmente evidente tra quei timer di mercato a breve termine che si concentrano sul mercato Nasdaq. Il livello medio di esposizione raccomandato di questi timer al momento è pari a 47. 2% (come misurato dall’indice Hulbert Nasdaq Newsletter Sentiment, o HNNSI). Ciò significa che il timer del mercato medio di Nasdaq sta allocando quasi la metà del suo portafoglio di trading azionario a breve termine in contanti, il che è incredibile quando il mercato è così vicino a un nuovo massimo storico.

Questo quadro di bullishness relativamente contenuto è confermato anche da molti altri indicatori di sentiment. Ecco lo stato attuale dei tre indicatori di sentiment importanti.

• Il sondaggio sul sentiment dell’American Association of Individual Investors sta dimostrando ancora meno rialzismo rispetto all’HNNSI. Si basa sul numero dei membri dell’Associazione che si trovano nei campi rialzisti, ribassisti o neutrali.

• Un indice del sentiment recentemente introdotto dalla Federal Reserve Bank di San Francisco indica anche una penombra diffusa.

• Un altro ritratto della relativa oscurità viene dall’indice di incertezza della politica economica, che misura l’incertezza economica sulla base di “la frequenza dei riferimenti dei media all’incertezza della politica economica, il numero di disposizioni del codice fiscale federale che scadranno negli anni futuri e l’entità del disaccordo tra le previsioni sull’inflazione futura e sugli acquisti del governo federale”

Indubbiamente, c’è così tanta incertezza e oscurità dovute in parte ai nostri vividi ricordi del declino di febbraio e marzo. Ricordi che stanno mantenendo forte la preoccupazione.

I contrari in genere non provano a prevedere quanto durerà, lasciando che i dati del sentiment raccontino la storia su base giornaliera. Sarebbe un brutto segno se i timer del mercato nei prossimi giorni saltassero sul carrozzone rialzista, ad esempio.

Ma, se l’umore dei timer del mercato rimane attenuato, questa incredibile manifestazione avrà il potenziale per continuare ancora a lungo.