mercoledì 21 aprile 2021

Il Nasdaq vicino alla soglia psicologica dei 10000, nonostante la recessione

Il Nasdaq Composite dopo 47 anni potrebbe toccare la pietra miliare psicologica a 10.000.

Il Nasdaq potrebbe finire per una prima pietra miliare per la prima volta martedì, sottolineando il rimbalzo delle azioni legate alla tecnologia a seguito della rotta del coronavirus che ha contribuito a cristallizzare l’opinione che parti del mercato azionario hanno è entrato in una nuova fase rialzista.

Il raduno per l’indice carico di tecnologia arriva il giorno dopo che ha registrato il suo primo record chiudendo il massimo da febbraio. 19 e rappresenterebbe il più veloce 1, 000 – punto cardine per il Nasdaq COMP, + 0. 29% poiché il 40 L’indice ha preso l’impulso da 4, 000 a 5, 000 in 2000, secondo i dati di Dow Jones Market Data.

I mercati azionari statunitensi

Il mercato azionario statunitense, colpito da un’economia che sta cadendo in una fase di recessione mentre le aziende erano temporaneamente chiuse per combattere la pandemia di coronavirus, ha messo in atto un rapido rimbalzo dal suo minimo a fine marzo. Il Nasdaq e il suo indice pari, il Nasdaq – 100, composto dai più grandi membri del Nasdaq Composite, è fortemente influenzato dalle attività tecnologiche che hanno stato visto come più resistente al COVID – 15 pandemia che ha scosso l’economia e i mercati finanziari .

A dire il vero, numeri tondi sull’indice non sono necessariamente significativi per il mercato, ma possono aiutare a riflettere un sentimento ottimista in crescita, nonostante una serie di rischi che hanno affrontato gli investitori tra cui l’epidemia virale e i disordini civili scoppiati sulla morte del nero disarmato George Floyd a Minneapolis.

Il Nasdaq Composite, nel frattempo, è stato pubblicato per la prima volta nel 1971, quindi la sua traversa sopra il 10, 000 il segno arriva a una clip di mezzo secolo relativamente vivace.

La negoziazione di martedì per il Nasdaq arriva tra le crescenti preoccupazioni che il rimbalzo della rotta indotto da COVID-19 è arrivato troppo in fretta e in modo furioso, rendendo il mercato azionario più vulnerabile a un brusco ritiro.