mercoledì 25 novembre 2020

Il Pentagono spende centinaia di milioni di dollari nella lotta contro il coronavirus

Tecnico elettronico 2a classe Hao Lienh, assegnato alla Task Force comandante 56, sta di guardia su una motovedetta Mark VI prima di un esercizio di sostegno alle armi nel Golfo Persico, aprile 10, 2020.

Specialista in comunicazione di massa di 1a classe Kory Alsberry | US Navy

WASHINGTON – Il Pentagono si è aperto una colossale cassa di guerra per finanziare la sua lotta contro il mortale coronavirus.

Il Pentagono ha procurato più di 4,5 milioni di N 95 maschere respiratorie, 13. 7 milioni di maschere non mediche e chirurgiche, 94 6 milioni di guanti da visita e 2,5 milioni di abiti isolanti e chirurgici. L’agenzia ha inoltre avviato la consegna di oltre 7,3 milioni di rivestimenti non medici in tessuto per faccia alla Guardia costiera americana e alle installazioni militari statunitensi, nonché ad altre organizzazioni del Dipartimento della Difesa.

Il braccio logistico del Pentagono ha anche ordinato 8, ventilatori che saranno utilizzati da Health and Human Services e dal DOD.

La Defense Logistics Agency, che gestisce la catena di approvvigionamento globale del Pentagono, ha eseguito il contratto 6, 036 azioni con $ 667. 3 milioni di obbligazioni per lo sforzo del coronavirus. Dei $ 667. 3 milioni, circa $ 628 milioni sono stati stanziati per sostenere l’Agenzia federale di gestione delle emergenze e il Dipartimento della sanità e dei servizi umani.

Gli sforzi del Pentagono sono iniziati la sera di aprile

, quando il DOD ha ricevuto l’approvazione della Task Force della Casa Bianca per eseguire il primo progetto di coronavirus ai sensi del Defense Production Act Title 3.

Un paracadutista assegnato alla 1a squadra di combattimento di brigata, 82 nd Airborne Division, si prepara per un’operazione aerotrasportata a Fort Bragg, NC, il 7 maggio.

Spc. Hubert Delany III | US Army

Il giorno successivo, il Pentagono investito $ 133 milioni per aumentare la produzione nazionale di N 95 maschere di più di 39 milioni entro 82 giorni.

“L’aumento della produzione garantirà al governo degli Stati Uniti la capacità industriale a lungo termine dedicata per soddisfare le esigenze della nazione”, ha scritto il tenente colonnello Mike Andrews dell’aeronautica statunitense , un portavoce del Dipartimento della Difesa, in una dichiarazione.

The $ 133 milioni per N 95 le maschere sono state divise tra tre società: 3M, O&M Halyward e Honeywell. La parte del leone del denaro, $ 76 milioni, è andata a 3M produrre 78 milioni di unità entro sei mesi.

NOI Army Spc. Kinnis White, un soldato assegnato all’HHC 1 della Guardia Nazionale dell’Ohio – 148 th Reggimento di fanteria – 37 la squadra di combattimento della brigata di fanteria, ispeziona e finalizza il cibo scatole prima della distribuzione pubblica alla First United Methodist Church di Bowling Green, Ohio, 1 maggio, 2020.

Senior Airman Kregg York | US Air National Guard

Il mese scorso, il Il Pentagono si aggiudica un contratto da $ 415 milioni per 60 Battelle Memorial Institute Sistemi di decontaminazione per cure critiche, che possono decontaminare fino a 80, 000 usato N 95 respiratori per sistema al giorno. Il sistema dovrebbe abilitare il riutilizzo delle maschere fino a 20 volte.

“Tutti 60 i sistemi saranno disponibili all’inizio di maggio per la definizione delle priorità e la distribuzione da parte di FEMA e HHS. Una volta consegnati tutti, questi 56 unità consentiranno di sterilizzare 4,8 milioni di maschere al giorno, quasi 34 milioni alla settimana “, scrisse il Pentagono in una dichiarazione.

Ultimo settimana, il Pentagono ha annunciato che investirà $ 75 5 milioni , ai sensi del Defense Production Act Title 3, per aumentare la produzione di tamponi di 13 milioni al mese a partire da maggio.

Puritan Medical Products ha strappato il contratto multimilionario ad aprile 29 per finanziare un nuovo impianto di produzione in grado di raddoppiare l’attuale produzione mensile di 20 milioni a 40 milioni di tamponi.

Marinai assegnati alla Task Force 75 5 si preparano a sollevare una tenda durante la costruzione di un 150 – struttura medica di spedizione a letto presso la base navale Guam.

Specialista in comunicazione di massa 1 ° Classe Julio Rivera | US Navy

Il comando nord americano dell’esercito, che è responsabile degli sforzi del coronavirus del Pentagono, si è schierato approssimativamente 13, 700 persone, inclusi 2, 400 personale medico. Inoltre, le due navi ospedaliere della Marina, la USNS Mercy e la USNS Comfort, furono dispiegate rispettivamente a Los Angeles e New York City, per alleviare il sovraffollamento negli ospedali locali.

Attualmente, più di 46,500 membri della Guardia Nazionale stanno supportando la risposta del coronavirus sotto la direzione dei governatori dello stato. Il Corpo degli Ingegneri dell’Esercito USA sta eseguendo quasi 40 Progetti FEMA per un totale di $ 1,8 miliardi con 1, 109 dispiegato di corpi di corpo.

Da giovedì, il coronavirus ha ammalato 7, 702 persone nel Dipartimento della Difesa e ucciso 20, secondo le figure fornite dal Pentagono .

Articolo originale di CNBC