sabato 27 novembre 2021

Il petrolio diventa positivo in quanto l’Arabia Saudita ha ridotto la produzione di ulteriori 1 milione di barili al giorno

Serbatoi di petrolio in un impianto di lavorazione del petrolio di Saudi Aramco, una compagnia petrolifera e di gas di proprietà statale dell’Arabia Saudita, presso il giacimento petrolifero di Abqaiq .

Stanislav Krasilnikov | TASS via Getty Images

L’olio si è spostato più in basso su Lunedì, poiché i timori della domanda indotta dal coronavirus hanno superato l’Arabia Saudita, annunciando ulteriori tagli alla produzione nel tentativo di sostenere i prezzi.

West Texas Intermediate, il benchmark degli Stati Uniti, ha perso 60 centesimi, o 2. 43%, per stabilirsi a $ 24. 14 per barile. In una sessione volatile il WTI è stato scambiato fino a $ 25. 58 e come a partire da $ 23. 67. Il benchmark internazionale del greggio Brent è sceso di $ 1. 37, o 4,4%, per stabilizzarsi a $ 29. 60 per barile.

A partire dal 1 ° giugno l’Arabia Saudita ridurrà la produzione di un ulteriore milione di bpd, che combinato con i tagli concordati dall’OPEC e dai suoi alleati produttori di petrolio, porta il taglio totale dell’Arabia Saudita a circa 4,8 milioni di barili al di sotto del livello di produzione record di aprile. La produzione per giugno sarà ora pari a 7. 492 milioni di bpd.

L’Arabia Saudita ha anche affermato che ridimensionerebbe la produzione di maggio “in consenso con i suoi clienti. “

” Il Regno punta attraverso questo taglio aggiuntivo per incoraggiare i partecipanti all’OPEC +, così come altri paesi produttori, a rispettare i tagli alla produzione a cui si sono impegnati, e di fornire ulteriori tagli volontari, nel tentativo di sostenere la stabilità dei mercati petroliferi globali “, ha dichiarato una nota dell’agenzia di stampa saudita.

A seguito dell’annuncio dell’Arabia Saudita, del Kuwait e degli Emirati Arabi Uniti ha affermato che avrebbe anche implementato ulteriori tagli.

Rystad Energy ha affermato che con questi nuovi tagli, molto probabilmente lo stoccaggio globale non raggiungerà la capacità, che era stata una paura nel mercato. “Un ulteriore taglio di 1,2 milioni di bpd non riequilibrerà il mercato, ma rimuoverà sicuramente la tensione dall’infrastruttura di stoccaggio e guadagnerà tempo per aspettare il rimbalzo della domanda”, ha affermato l’analista senior dei mercati petroliferi Paola Rodriguez Masiu.

Il petrolio sta uscendo dalla sua seconda settimana consecutiva in quanto gli investitori hanno rallegrato i segnali che la ripresa della domanda è in corso tra i continui tagli alla produzione. WTI ha saltato 25% la scorsa settimana in una delle sue settimane migliori della storia, mentre Brent è aumentato 17%.

Tuttavia, i prezzi sono ben al di sotto dei massimi e il percorso verso la ripresa è tutt’altro che certo. Lunedì il petrolio si è abbassato per paura di una possibile seconda ondata di casi di coronavirus, dopo che i paesi pensavano di essere al di là del peggio del virus, inclusa la Corea del Sud, hanno riportato un balzo delle infezioni.

Articolo originale di CNBC