venerdì 23 ottobre 2020

Il più grande produttore di chip della Cina ha raccolto 2,8 miliardi. In arrivo una nuova e durissima guerra commerciale?

Le forniture di semiconduttori a Huawei sono state prese di mira da Washington come parte della più ampia guerra commerciale USA-Cina.

Il più grande chipmaker cinese, Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC), ha presentato domanda per una quotazione a Shanghai che genererà 20 miliardi di yuan ($ 2,8 miliardi).
La mossa arriva poiché la società cerca di sostenere gli investimenti nella sua tecnologia tra le crescenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, che potrebbero costringere SMIC ad assumere più produzione.

SMIC, che è già elencato a Hong Kong, ha cercato di raccogliere fondi per farlo. Il mese scorso è stato investito $ 2,2 miliardi da investitori statali.

La società fa parte della più ampia spinta cinese per l’autosufficienza quando si tratta di semiconduttori, un campo in cui la seconda economia più grande del mondo è vista dietro gli Stati Uniti, ma la Cina gli sforzi hanno avuto un maggiore impulso mentre Washington continua la sua guerra tecnologica con Pechino.

Huawei è stata una delle società cinesi colpite dalle sanzioni statunitensi. L’anno scorso, è stato inserito in una lista nera degli Stati Uniti chiamata Entity List che ne limitava l’accesso alla tecnologia americana. A maggio, l’amministrazione Trump ha introdotto una norma che impone ai produttori stranieri che utilizzano apparecchiature di produzione di chip statunitensi di ottenere una licenza prima di poter vendere semiconduttori a Huawei.
È probabile che questa regola influisca sul TSMC di Taiwan, che rende la maggior parte dei chip progettati da Huawei per dispositivi come gli smartphone. Se Huawei non riesce a procurarsi semiconduttori da TSMC, potrebbe essere necessario cercare alternative come SMIC. Ma gli esperti hanno precedentemente detto a CNBC che la tecnologia di SMIC è molto indietro rispetto a TSMC.

La recente iniezione di liquidità, pertanto, potrebbe essere una spinta per l’azienda in quanto cerca di espandere rapidamente le sue capacità.

Nel suo prospetto di quotazione, SMIC ha affermato che gli attriti commerciali tra Stati Uniti e Cina e le ultime regole di Washington sui semiconduttori potrebbero essere un ostacolo per l’azienda.