sabato 27 novembre 2021

Il sorvegliante dell’ETF petrolifero affronta i rischi di investimento in fondi a base di greggio

Gli ETF si sono trovati all’epicentro del crollo del greggio.

Un fondo negoziato in borsa, in particolare il Fondo petrolifero degli Stati Uniti, ha subito forti pressioni nel a seguito del crollo dei futures sul prezzo del petrolio della scorsa settimana.

Il passaggio senza precedenti in territorio negativo ha costretto l’USO a ristrutturare più volte scaricando contratti a breve termine per evitare l’implosione sui suoi numerosi investitori al dettaglio. Ha inoltre reso il fondo un obiettivo delle vendite allo scoperto che scommettono contro la sua sopravvivenza.

Tutto ciò ha sollevato alcune domande nel settore se occorrano più istruzione o avvertenze da parte delle società che offrono prodotti ETF che commerciano futures contratti.

La chiave è la trasparenza, ha affermato Jason Bloom, che sovrintende all’Invesco Oil Fund (DBO), il principale fondo rivale dell’USO.

Mentre USO e DBO hanno caduto precipitosamente quest’anno, DBO ha retto rispetto al suo pari, con una perdita 51% rispetto a USO 83 % di declino.

“USO e DBO sono simili in quanto sono entrambi ETF ed entrambi detengono contratti futures su WTI, ma è qui che finisce”, ha detto Bloom lunedì sull’ETF Edge di CNBC. “

” DBO sin dalla sua nascita 10 anni fa ha sempre utilizzato un processo di ottimizzazione per selezionare a quali contratti futures proprio “, ha affermato Bloom, direttore di Invesco per la strategia macro ETF globale. “Occasionalmente, possiedono la parte anteriore della curva, che USO era solita possedere fino ai recenti cambiamenti di recente.”

Quel “processo di ottimizzazione” comporta un calcolo del rapporto costo-efficacia da parte di DBO. Prima che i suoi contratti a termine vengano rinnovati, il fondo determina quale contratto a termine ha il miglior “costo di trasporto”, ha detto Bloom.

“In alcuni casi, in realtà è un reddito positivo se i mercati a termine sono arretrati- “, che accade quando il prezzo attuale sale al di sopra del prezzo dei futures a più lungo termine, ha detto.

In questo momento sta accadendo il contrario con i prezzi del petrolio – sono in contango, il che significa i prezzi dei futures a più lungo termine sono più alti del prezzo spot del greggio.

“Contango significa che c’è un costo negativo, c’è un onere di costo per l’investitore, per mantenere tale esposizione a termine nel tempo”, Bloom disse. “DBO cerca di minimizzare quel costo in un mercato di contango. Al momento siamo in possesso del contratto a termine di marzo 2021, che è abbastanza lontano dalla curva, e non è stato realmente soggetto ad alcuni di questi problemi che abbiamo visto nella parte anteriore della curva. “

Ecco dove entra in gioco la trasparenza. Gli azionisti di DBO sanno che l’ETF terrà quel marzo 2021 contratto fino a circa tre settimane prima che scada, quindi effettuare quel calcolo di ottimizzazione e capovolgerlo, ha detto Bloom.

“Quindi, hai una grande trasparenza su ciò che la tua esposizione sta andando essere in DBO, e poi puoi fare i conti “, ha detto. “Se acquisti DBO oggi e quel contratto a termine è $ 29 al barile, sai che se sei sopra $ 29 un barile meno le commissioni di gestione, hai la possibilità di trarne profitto. Quindi, dipende solo dalle tue aspettative e dai tuoi tempi. “

“Pensiamo che sia il miglior equilibrio tra prevedibilità, trasparenza e avere una sorta di ottimizzazione dinamica”, ha detto Bloom di DBO.

Tom Lydon, CEO di ETF Trends e ETF Database, ha convenuto che gli investitori devono essere consapevoli di ciò che possiedono quando acquistano azioni di ETF su materie prime.

“Penso che molti investitori stessero pensando che acquistando USO, potrebbero essere in grado di trarre profitto dai prezzi del petrolio futuri quando le persone inizieranno guidare automobili e volare di nuovo in aereo, ma ciò che effettivamente acquistarono furono persone che non riempivano il serbatoio e un gruppo di petroliere piene di petrolio che sedevano al largo della costa “, ha detto nella stessa intervista di” ETF Edge “. “E non si è tradotto in loro. Quindi, … devi guardare sotto il cofano.”

Todd Rosenbluth, direttore senior dell’ETF e ricerca di fondi comuni di investimento presso la CFRA, ha fatto eco quel punto nella stessa intervista.

“Questi tipi di prodotti che usano il futuro sono più pericolosi per gli investitori”, ha detto Rosenbluth. “Rende più difficile per loro capire cosa stanno effettivamente possedendo.”

Rosenbluth ha sottolineato che sebbene USO sia leggermente più economico da possedere di DBO, con un rapporto di spesa di 73 punti base rispetto a DBO 78, la sua sottoperformance è stata notevole. Negli ultimi tre anni, USO è diminuito 79% rispetto al calo del DBO 39%.

“Quindi, hai davvero bisogno di capire cosa c’è all’interno del portafoglio, come questi sono diversi e quindi determinare se questi sono persino appropriati per te e i tuoi clienti”, ha detto Rosenbluth.

USO, il più grande ETF sul mercato del petrolio per attivo netto, è sceso di quasi il 3% nella sessione di martedì. DBO ha chiuso la giornata in lieve calo.

Informativa: Invesco è lo sponsor di “ETF Edge.” Di CNBC

Disclaimer

Articolo originale di CNBC