giovedì 26 novembre 2020

Il Sudafrica guarda alle riforme strutturali in quanto perde il suo ultimo rating di credito investment grade

PRETORIA, SUDAFRICA – MARZO 16: Il ministro delle finanze, Tito Mboweni, informa i media sui dettagli degli interventi del governo in vari settori dei portafogli dipartimentali su COVID – 19 presso DIRCO Media Center.

Phill Magakoe / Gallo Immagini via Getty Images

Il Sudafrica ha perso il suo ultimo importante rating creditizio sovrano di livello investment grade, poiché l’attuale debolezza economica è aggravata dal potenziale impatto della pandemia globale di coronavirus.

Il Sudafrica non ha rating creditizio sovrano di livello investment grade da nessuna delle principali agenzie di rating per la prima volta dal suo ritorno sui mercati globali in 1994.

Moody’s ha annunciato venerdì di aver ridotto l’ultimo rating di investment grade del paese a “junk, “invio del Rand ad un minimo storico di sotto 10 al dollaro. Standard & Poors e Fitch hanno entrambi declassato l’economia più industrializzata dell’Africa a sub-investment grade in 2017.

Nel suo comunicato, Moody’s ha citato una crescita strutturalmente debole, una capacità limitata di stimolare l’economia e un “inesorabile aumento” del debito pubblico a medio termine come ragioni chiave per il declassamento e il mantenimento del suo “negativo “outlook.

La situazione è stata esacerbata dall’atteso impatto economico della pandemia di coronavirus. I casi confermati in Sudafrica hanno ormai superato 1, 300, anche se il governo spera che misure drastiche di blocco anticipato impediranno la diffusione esponenziale osservata in Europa e negli Stati Uniti

“Energia elettrica inaffidabile offerta, persistente debolezza e investimenti delle imprese, nonché rigidità strutturali del mercato del lavoro di lunga data continuano a limitare la crescita economica del Sudafrica “, ha detto Moody’s, aggiungendo che questi fattori indicano che il Sudafrica sta entrando in un periodo di crescita globale molto più bassa in un contesto” economico ” posizione vulnerabile. “

Debito verso PIL (prodotto interno lordo) aumentato di 10 punti percentuali da 1994 – 18 e Moody’s si aspetta che questo aumenti ulteriormente 22 punti percentuali tra 2019 e 2023, con il deficit che si allarga in 2020 a circa l’8,5% del PIL.

Continueranno le tensioni fiscali derivanti dal pagamento degli interessi e dal sostegno alle imprese statali, ha previsto l’agenzia. L’onere del debito pubblico dovrebbe aumentare dal 69% del PIL in 2019 per 91% entro il 2023.

‘Spetta al Sudafrica’

“Il rating del credito del Sudafrica ha deteriorato a causa della crescita economica molto bassa (e attualmente negativa), dei grandi deficit fiscali e del forte aumento del debito pubblico, delle entità statali in perdita e della profonda contestazione delle proposte riforme di politica sociale ed economica “, ha spiegato Jeff Gable, responsabile della ricerca presso Absa Bank del Sud Africa.

Lunedì, Gable ha suggerito che se il Sudafrica tornerà al livello degli investimenti o scivolerà più lontano, si affida al paese che dimostra “un miglioramento significativo” nel suo riforme.

“È difficile sostenere che il Sudafrica non abbia assistito a un forte deterioramento dei fondamentali, in parte a causa della nostra incapacità di agire nell’ultimo decennio e io in parte a causa dei nuovi rischi dovuti al virus globale “, ha detto Gable.

“E quindi è dovere delle agenzie riflettere questo nei loro rating. Allo stesso modo è chiaro che spetta al Sudafrica, e non alle agenzie di rating del credito, quanto a quale direzione quel paese vorrebbe prendere andando avanti. “

Riflessioni strutturali audaci

Domenica, il ministro delle finanze Tito Mboweni e il governatore della Banca della Riserva sudafricana (SARB), Lesetja Kganyago, hanno tenuto una conferenza stampa in cui Mboweni ha dichiarato che lui e il presidente Cyril Ramaphosa aveva promesso di muoversi “più coraggiosamente” nel loro programma di riforme strutturali.

Mboweni ha annunciato la creazione di un’unità all’interno del ministero delle finanze chiamata “Vulindlela” – che significa “aprire la strada” in isiZulu – che “diventeranno i primi soldati delle riforme strutturali nell’economia sudafricana”, secondo una nota di ricerca di lunedì di NKC African Economics.

Il presidente Cyril Ramaphosa durante un briefing sulla colazione prima del Forum economico pre-mondiale a gennaio 18, 2018 a Johannesburg, in Sudafrica.

Moeletsi Mabe | Sunday Times | Immagini di Gallo | Getty Images

Il ministro delle finanze ha anche suggerito in un’intervista con il giornale City Press durante il fine settimana che la Banca mondiale, e non il Fondo Monetario Internazionale, sarebbe stato il primo scalo per il finanziamento del prestito.

“La Banca mondiale, a differenza del FMI, in genere non applica condizioni ai suoi prestiti. Ecco perché sarà un’azione politicamente più appetibile per il governo del Sudafrica, in cui l’opinione pubblica è generalmente sospettosa del FMI e gli effetti che le sue prescrizioni politiche hanno avuto nei paesi poveri “, ha detto lunedì l’economista politico senior NKC Francois Conradie.

Tuttavia, Conradie ha suggerito che i tipi di riforme che affronteranno le questioni che ha portato al declassamento di Moody’s, come tagli profondi alla bolletta dei salari del settore pubblico, la privatizzazione delle imprese statali (SOE) o il rilassamento della rigorosa legislazione del lavoro, sarà una dura vendita politica.

“Il governo è stato bravo, nelle ultime settimane, a comunicare la sua risposta alla pandemia spiegando come funziona il blocco, ma ora dovrà essere chiaro anche nel comunicare la sua risposta di politica economica”, Ha aggiunto.

Articolo originale di CNBC