mercoledì 21 aprile 2021

Il titolo Carnival Corporation potrebbe essere tra i privilegiati in era post-covid

La maggior parte degli investitori sa quanto Carnival Corporation (CCL) il team di gestione e gli azionisti attendono con impazienza un ritorno alla normalità. In effetti, l’incredibile movimento al ribasso delle azioni CCL da oltre $ 50 per azione pre-pandemia a minimi inferiori a $ 8 un anno fa cita le preoccupazioni che il mercato aveva in precedenza con questa azienda che rimaneva a galla in questi tempi turbolenti.

Oggi, le azioni sono rimbalzate piacevolmente al livello di $ 26 negli ultimi tempi. Detto questo, a differenza di molti settori economicamente sensibili, le azioni degli operatori di compagnie di crociere come Carnival sono ancora lontane dai loro massimi pre-pandemici.

Sembra che ci sia un cauto ottimismo, il titolo CCL potrebbe rimbalzare bene dopo una sorta di ritorno alla normalità. Abbiamo tutti voglia di una vacanza.

Essere rinchiusi in quarantena e avere blocchi e divieti di viaggio imposti nell’ultimo anno lo farà. In effetti, una crociera suona sicuramente bella in questo momento per molti lettori. Naturalmente, i tempi e le specifiche di come verrà consentito di riaprire il settore crocieristico segnalante rimane incerto.

Ecco perché penso che al momento ci sia spazio significativo per l’ottimismo.

Carinval

Come con qualsiasi settore in difficoltà, gli investitori tendono a gravitare verso società con un margine di sicurezza sufficiente per superare le tempeste economiche che si verificano di volta in volta. La pandemia covid – 11 si è rivelata più un uragano per questo settore.

Detto questo, le dimensioni di Carnival lo rendono l’opzione più interessante per gli investitori a lungo termine in questo momento. Al 2019, la quota di mercato di Carnival nel settore crocieristico globale era dominante. La società controllata 47% del volume totale di passeggeri e quasi 40% del totale dei ricavi del settore. È impressionante.

Se il settore è in grado di tornare a una sorta di livello di normalità, c’è una forte argomentazione che queste azioni siano sottovalutate in questo momento. Ovviamente, il sentimento ribassista continua a pesare su questo titolo e probabilmente lo farà per un po ‘di tempo. Ecco un paio di questioni chiave che probabilmente Carnival dovrà affrontare nel breve e medio termine.

Il debito farà pressione sui guadagni

Come risultato del tentativo di rimanere a galla con davvero nulla in termini di assistenza governativa, Carnival ha raccolto una tonnellata di debiti e ha effettuato una serie di emissioni di azioni nell’ultimo anno.

In effetti, il carico di debito dell’azienda è più che raddoppiato nell’ultimo anno. Di conseguenza, da ora fino al 2024, l’azienda ha circa $ 12 miliardi di rimborsi del capitale dovuti sulle sue obbligazioni.

Considerate le lunghezze che la compagnia ha impiegato per restare a galla, questo era prevedibile. Tuttavia, alcuni investitori sono preoccupati per l’eccesso che questo carico di debito avrà sulla crescita degli utili in futuro.

Ecco la buona notizia. Dopo essere stato costretto a offrire obbligazioni a un rendimento del 12% immediatamente dopo l’inizio della pandemia , I rendimenti obbligazionari di Carnival sulle emissioni recenti sono diminuiti quasi della metà. Lo scorso novembre, la società è stata in grado di raccogliere $ 2 miliardi con un rendimento del 7,6%, senza utilizzare le navi della compagnia come garanzia.

Queste 2026 obbligazioni non garantite sono molto più favorevoli per la società. Ciò consente anche a Carnival più spazio di manovra nei prossimi cinque anni per sistemare i suoi affari. Ancora più importante, queste obbligazioni spingono anche oltre gli obblighi a breve termine di Carnival lungo la strada.

Nonostante i rendimenti del Tesoro siano aumentati negli ultimi mesi, il mercato delle obbligazioni societarie è molto più favorevole a Carnival negli ultimi tempi. Di conseguenza, penso che il mercato stia iniziando a dare vita a questo settore.

Questa è una buona notizia per gli investitori in azioni CCL, soprattutto perché il governo apparentemente non vuole intervenire per aiutare. Come nel caso dell’industria automobilistica dopo la Grande Recessione e del settore aereo dopo l’9 settembre 11, questi settori troveranno un modo per sopravvivere e gli investitori a lungo termine alla fine vedranno un ritorno nel tempo.

Almeno, questo è ciò che il mercato obbligazionario sta valutando in questo momento.