venerdì 25 settembre 2020

Il titolo petrolifero ONEOK ha deciso di non tagliare il proprio dividendo

ONEOK  ha dichiarato ultimamente di avere le risorse sufficienti per non tagliare il proprio dividendo con rendimento del 13,7%, nonostante la crisi del settore petrolifero.

Le azioni del gigante ONEOK (OKE) quest’anno hanno superato il 60%. Tale svendita ha spinto il rendimento da dividendi della società a uno strabiliante 13,7%. Uno dei principali fattori che pesano sulla sua valutazione è l’impatto della flessione del mercato petrolifero di quest’anno sui volumi e sul flusso di cassa di ONEOK. Questi venti contrari hanno esercitato una certa pressione sul suo bilancio, causando preoccupazioni sulla sostenibilità del dividendo.

Tuttavia, ONEOK ha fatto diverse mosse negli ultimi mesi per consolidare la propria posizione finanziaria e il team di gestione ha ribadito la propria fiducia nell’attuale dividendo sulla teleconferenza del secondo trimestre. Ecco perché al momento i manager dell’azienda non vedono la necessità di ridurre i pagamenti e ciò che potrebbe cambiare idea.

Nessuna urgente necessità di una riduzione del dividendo

Nonostante diversi problemi e un altro potenziale problema che incombe appena oltre l’orizzonte, la società ritiene di poter attraversare questo periodo difficile senza apportare cambiamenti drastici. Ha affermato che

“per quanto riguarda i nostri dividendi, con i nostri affari in miglioramento e il rafforzamento del volume, non vediamo la necessità di agire sui dividendi”.

Con i prezzi del petrolio in miglioramento negli ultimi mesi, i produttori hanno iniziato a riportare i loro pozzi online. ONEOK vede che questa tendenza continua attraverso il bilancio dell’anno, il che dovrebbe consentire al management di raggiungere la fascia bassa della sua gamma di orientamento rivista. Insomma si è sulla buona strada per generare più liquidità di quanto paghi tramite il dividendo quest’anno.

Un possibile cambio di rotta in vista

Mentre il dividendo è sicuro per ora, la società ha avvertito gli investitori che potrebbe invertire la rotta in futuro.

“Riconosciamo che (una riduzione del dividendo) è una leva che potremmo tirare se le nostre aspettative di riduzione dell’indebitamento non vengono soddisfatte. Finanzialmente, abbiamo preso le misure proattive per fornire ampia liquidità e proteggere i nostri rating creditizi investment grade durante la pandemia, pur continuando a restituire valore a lungo termine ai nostri azionisti “.

ONEOK ritiene di aver fatto abbastanza per consolidare il proprio profilo finanziario negli ultimi mesi per mantenere il suo dividendo ad alto rendimento durante l’attuale recessione. Tuttavia, non è ancora su un terreno solido perché ha bisogno delle condizioni del mercato petrolifero per continuare a migliorare in modo da poter raggiungere il suo obiettivo di leva. Se ciò non dovesse accadere, potrebbe comunque limitare il pagamento e utilizzare tali fondi per rafforzare il proprio bilancio. Ciò lo rende ancora troppo rischioso per gli investitori.