Entra in contatto con noi

Mondo del Lavoro

Impara a difenderti dal mobbing: il lavoro deve essere un posto sereno

Pubblicato

il

Il mobbing è il comportamento oppressivo, aggressivo e intimidatorio di uno o più aggressori (mobber) nei confronti della vittima nell’ambito del lavoro. L’oggetto di tale comportamento è l’emarginazione, l’isolamento e l’eliminazione definitiva della vittima. Il comportamento molesto include essere licenziato da un lavoro, isolarsi, avere un carico di lavoro eccessivo o avere un controllo eccessivo e indebito.

Le molestie possono essere fatte da coetanei o da un capo

Questo può avvenire in qualsiasi contesto lavorativo (azienda, scuola). Sebbene oggi non sia riconosciuto a livello di prassi giudiziaria, le azioni che lo caratterizzano molto spesso costituiscono reati punibili dalla legge. Pertanto, riconoscere il bullismo, cercare aiuto e denunciarlo è fondamentale per fermare questo fenomeno sociale in rapida crescita.

Il fenomeno si manifesta principalmente nei luoghi di lavoro, nelle aziende, ma può manifestarsi anche in contesti diversi. Il momento più importante che determina il comportamento del mobbing è l’attenzione su una persona che diventa “vittima”, con l’obiettivo di espellerla. Ma può manifestarsi anche nell’ambiente scolastico. In questo caso il comportamento oppressivo è commesso nei confronti dello studente dal docente, verso il docente da altri docenti o superiori, verso il preside dai compagni di classe, docenti o dirigenti scolastici.

Il fenomeno può riferirsi, anche se meno frequentemente, ai docenti come “vittimizzati” da un subordinato, come ad esempio uno o più studenti, o come supervisori da uno o più docenti. L’obiettivo è isolare la vittima, portarla via.

Advertisement

Un altro contesto in cui si verifica il bullismo è quello della famiglia

In questo caso, il comportamento oppressivo si fissa nell’ambiente familiare in relazione alla famiglia. L’obiettivo è spingere quel componente a prendere decisioni che altrimenti non potrebbe prendere, o metterlo in discussione agli occhi degli altri componenti. Una persona che crede di essere vittima di mobbing  può inviare una lettera di avvertimento al proprio datore di lavoro. Il lavoratore è tenuto a conservare copia dell’avviso inviato. Con questa lettera, segnala la presenza di comportamenti oppressivi nei confronti di se stesso.

Pertanto, è chiaro che queste azioni hanno creato disagio psicofisico e che, se continuano, potranno affrontare un giudice. Questo tipo di comunicazione dovrebbe essere preferibilmente scritta da un avvocato di fiducia che sappia offrire alla vittima tutti gli strumenti e spiegare le diverse e migliori opzioni per agire nei confronti del datore di lavoro.

I comportamenti di mobbing possono essere segnalati presso gli sportelli mobbing della zona, che forniranno anche informazioni su aiuti e strade da seguire. Inoltre, sarà possibile richiedere l’assistenza legale per la copertura delle spese legali qualora sussistano le condizioni di reddito necessarie.

Un dipendente, dopo aver intentato una causa civile, può ricevere un risarcimento per danni morali, fisici, psicologici e professionali. Se le molestie e le azioni erano di competenza penale, il lavoratore può avviare un procedimento penale nei confronti del datore di lavoro.

Advertisement

Come reagire se sei una vittima

Ovviamente il primo passo è la pazienza. Non essere arrabbiato e non soccombere alle provocazioni, non mollare. Dovresti sempre ricordare che non sei solo e che il bullismo è molto più comune di quanto pensi. Purtroppo non è molto conosciuto e riconosciuto dalle aziende. Tuttavia, a livello legale, questo non è il caso, un reclamo è possibile.
Il secondo passo è cercare di resistere il più possibile senza affrontare conseguenze a lungo termine. Quindi se hai ferie non godute, richiedile, se puoi ammalarti e prenderti qualche giorno di ferie, fallo nel rispetto delle normative e della policy aziendale. Prenditi una pausa dalle situazioni lavorative e dai conflitti sul posto di lavoro.

Raccogliere e documentare tutto, ogni fatto, ogni rifiuto di permesso immotivato, ogni ordine in più. Cerca alleati e testimoni della persecuzione che è stata commessa contro di te.
Segnala comportamenti violenti, contatta i sindacati ove possibile e unisciti a gruppi e associazioni anti-bullismo che possono aiutarti ad accelerare la risoluzione dei conflitti.
Mettiti in contatto con centri di ascolto, centri specializzati, professionisti sanitari e forze dell’ordine che possono fornirti tutti gli strumenti utili per metterti in viaggio.

Advertisement