martedì 01 dicembre 2020

Impensabile qualche settimana fa, Wall Street vede una probabilità che i tassi scendano a zero quest’anno

Con la Federal Reserve che dovrebbe agire presto in risposta allo spavento del coronavirus, c’è una possibilità che la banca centrale possa riportare la politica sul luogo in cui si trovava durante la crisi finanziaria.

Gli economisti di Goldman Sachs hanno detto domenica di vedere i tassi di taglio della Fed di 50 punti base dalla riunione di marzo o prima, e probabilmente 100 punti base quest’anno, una previsione circa in accordo con l’attuale prezzo di mercato.

Ma poiché i tassi a breve termine continuano a scendere, c’è una possibilità che possano arrivare quasi a zero dove si trovano durante la crisi finanziaria.

Gli operatori nel mercato dei futures sui fondi alimentati indicano una probabilità del 9% circa che il tasso dei fondi alimentati, che funge da punto di riferimento per altri tassi a brevissimo termine, cadrà da zero a 25 punti base entro dicembre, secondo il tracker FedWatch del CME.

JPMorgan Chase vede le possibilità ancora più elevate.

“Uno dei temi ricorrenti nella politica monetaria ottimale vicino al limite inferiore zero è che quando si verificano rischi di crescita con tassi di politica all’interno del vicinato pari a zero, allora il la banca centrale dovrebbe agire in anticipo e in modo aggressivo “, ha dichiarato in una nota il principale economista statunitense di JPMorgan, Michael Feroli. “Questo ci suggerisce che esiste una ragionevole possibilità (soggettivamente mettiamo le probabilità a uno su tre) che i tassi di polizza tornino a zero prima della fine dell’estate.”

Cambio di approccio

Mentre quella possibilità è ancora piccola, è qualcosa che era impensabile solo un poche settimane fa, quando i responsabili politici erano stati all’unisono, dicendo di essere a proprio agio con l’attuale livello politico e di non anticipare alcuna mossa almeno nel resto dell’anno.

Tuttavia, la ricerca suggerisce che è meglio agire in modo aggressivo quando i tassi sono già così bassi potrebbe portare a un’azione ancora più drammatica.

Il presidente della Fed di New York John Williams ha suscitato scalpore a luglio 2019 quando notò la stessa ricerca che puntava a tagliare i tassi in modo drammatico anziché incrementale quando sono già bassi .

“Quando hai solo così tanti stimoli a tua disposizione, vale la pena agire rapidamente per abbassare le tariffe al primo segno di econ omic angoscia “, ha detto Williams in un discorso. Dovette rapidamente tornare indietro alle osservazioni , tuttavia, quando i mercati presero il suo discorso per significare che la Fed stava contemplando un’azione.

Mentre la paura del coronavirus si intensifica, i mercati stanno anticipando una sorta di azione politica coordinata tra la Fed e le sue controparti globali.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha rilasciato una dichiarazione venerdì promettendo di “agire nel modo appropriato” qualora il COVID – 19 la situazione si intensifica. La Bank of Japan ha emesso la propria dichiarazione lunedì affermando che anch’essa “seguirà da vicino gli sviluppi futuri e si adopererà per fornire ampia liquidità e garanzia di stabilità nei mercati finanziari attraverso opportune operazioni di mercato e acquisti di attivi. “

L’ex governatore della Fed Kevin Warsh ha detto Venerdì CNBC che la Fed, la BOJ, la Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra e altri dovrebbero agire di concerto con un taglio sull’ordine di 50 punti base. Gli economisti di Goldman hanno affermato di assistere anche a più banche centrali.

Il tasso sui fondi alimentati è scambiato in un intervallo compreso tra 1,5% e 1. 75%. È superiore a qualsiasi fattura, nota o obbligazione del Tesoro statunitense, la prima volta che è accaduto da allora 2008, secondo FOREX.com.

Articolo originale di CNBC