martedì 27 ottobre 2020

In che modo la ditta Fintech Flutterwave si è adattata per aiutare le piccole imprese africane durante il blocco

CEO di Flutterwave Olugbenga Agboola

Flutterwave

Flintwave, società fintech statunitense-nigeriana, ha creato una piattaforma di e-commerce per aziende africane, diventando l’ultimo start-up per vedere le opportunità nei blocchi che sono stati imposti a seguito del coronavirus.

Originariamente un’azienda di elaborazione dei pagamenti, il CEO di Flutterwave Olugbenga Agboola ha visto come i blocchi temporanei in tutto il continente stavano distruggendo le attività con cui lavorava.

Ha anche notato l’impatto sui negozi più piccoli, molti dei quali non erano ancora operativi online, insieme alla maggiore domanda di e-commerce .

In risposta, Flutterwave ha ideato una piattaforma di e-commerce per consentire alle aziende di aprire i propri negozi online, con pagamenti e consegna integrati.

Fino al 90% delle imprese nell’Africa sub-sahariana sono piccole e medie imprese, secondo l’International Finance Corporat ion.

Nel frattempo, uno studio condotto dalla società di analisi dei dati e ricerche di mercato Kantar, pubblicato giovedì, ha scoperto che quasi tre consumatori su cinque in Nigeria hanno pianificato di aumentare gli acquisti online in futuro.

Ciò ha rappresentato il più grande aumento di tutti i paesi nel suo sondaggio, che ha sondato 45 , 000 consumatori in tutto il mondo.

Tempo di valutazione

Dal suo lancio alla fine di aprile, Flutterwave ha dichiarato che più di 1, 000 imprese in Ghana, Nigeria, Kenya e altri paesi in Africa, avevano creato account sulla sua piattaforma di e-commerce.

Agboola ha dichiarato alla CNBC che una delle più grandi lezioni che aveva imparato dallo sviluppo e dal lancio di una nuova parte del business mentre era in stato di blocco era quella di “comunicare in modo eccessivo ed essere in anticipo con il team” su come la pandemia di coronavirus avesse avuto un impatto sulla società.

Mentre la maggior parte delle imprese ha avuto effetti negativi da e pandemia, Agboola ha detto che è stato anche un ottimo momento per rivalutare la tua strategia, conoscere il tuo prodotto e correggere ciò che non funziona.

Flutterwave non è l’unica società tecnologica attingendo al boom dell’e-commerce durante la pandemia e la più ampia crescita dello shopping online in Africa.

Jumia, che è stata soprannominata “Amazon of Africa”, ha ampliato e lanciato il suo piattaforma in Sudafrica in aprile, che vende prodotti essenziali.

Anche se è arrivato dopo un anno difficile per lo start-up, si ritiene che sia il primo start-up tecnologico africano ad essere elencato alla borsa di New York – dopo aver chiuso la sua attività in tre paesi: Ruanda, Tanzania e Camerun.

Una tecnologia ‘powerhouse’ “

L’espansione di Flutterwave nel commercio elettronico si basa sulle sue attività di servizi di pagamento esistenti, facilitando le transazioni globali in valute locali in Africa.

L’Africa sub-sahariana è considerata una delle più veloci al mondo ala dei mercati dei pagamenti digitali, con la più grande popolazione di persone non bancarie e non bancarie al mondo.

Flutterwave è stata fondata a 2016 da “un team di ex banchieri, imprenditori, ingegneri”. Ciò includeva Agboola, il cui background è come ingegnere del software che lavora per artisti del calibro di Paypal. Ha assunto la carica di CEO del co-fondatore Iyinoluwa Aboyeji in 2018.

La società fintech ha iniziato a San Francisco ma dopo aver preso parte al prestigioso acceleratore di avviamento YCombinator ha istituito la sua sede operativa a Lagos, in Nigeria.

Flutterwave dice che ora vale oltre $ 200 milioni, dopo aver raccolto $ 35 milioni nel suo ultimo round di raccolta fondi a gennaio, quando ha anche collaborato con WorldPay e Visa.

Agboola ha sostenuto che l’Africa è dove La Cina era 15 anni fa.

Ha detto che i “mattoni che richiedono all’Africa di il salto in avanti era già stato costruito “in termini di pagamenti, logistica e tecnologia di e-commerce, ma dovevano riunirsi per far avanzare il continente in termini di imprenditorialità.

” I pensa che l’Africa sia al culmine … (di diventare) un vero motore per la tecnologia “, ha aggiunto.

– Kate di CNBC Rooney co Attribuito a questo articolo.

Articolo originale di Cnbc.com