Entra in contatto con noi

Lifestyle

In Scozia gli assorbenti per il ciclo mestruale sono gratis: un paese amico delle donne e delle loro esigenze

Pubblicato

il

Le donne scozzesi non dimenticheranno la data del 15 agosto e la disponibilità del loro Paese a sostenere le donne con il ciclo. Le mestruazioni fanno parte della natura non sono una scelta e quindi occorre aiutare a gestire i costi degli assorbenti o di prodotti similari

Come funziona il bonus per i tamponi?

Coloro ne hanno  bisogno possono ottenere gratuitamente assorbenti o prodotti per il ciclo mestruale. È infatti entrata in vigore un’importante legge, il “Period Products Act”, per contrastare la cosiddetta “period poverty” e garantire a tutte le donne l’accesso agli assorbenti e a tutti i prodotti per l’igiene intima e la tutela della propria salute mestruale. La nuova legge  è stata presentata nel 2019 dalla parlamentare Monica Lennon ed è stata approvata nel novembre del 2020 ed entrata in vigore il 15 agosto 2022.

La Scozia è quindi  il primo Paese al mondo a fornire gratuitamente alle donne questo genere di prodotti che saranno distribuiti anche da strutture pubbliche come farmacie o centri di aggregazione giovanili ed anche da scuole e università, dove già prima della legge si distribuivano questi prodotti gratis in maniera diffusa.

Cosa accade nel Belpaese?

In Italia ce n’è ancora tanta strada fare, ma almeno la Scozia ha tracciato un precedente:  la novità sul tema  più rilevante risale all’ultima legge di bilancio, quando è stata ridotta l’IVA sui prodotti mestruali dal 22% – la fascia più alta – è stata adeguata al 10%. Si potrebbe fare molto di più. Altri Paesi si stanno già muovendo in tale senso: In Brasile è stata approvato un sostegno simile destinato solo alle donne in difficoltà. In Spagna il governo ha dato il via libera a un disegno di legge che prevede un permesso retribuito di tre giorni durante il ciclo mestruale o a seguito dell’interruzione di gravidanza. Inoltre, sotto controllo medico, il congedo potrà essere esteso fino a cinque giorni per le donne che soffrono di mestruazioni particolarmente invalidanti.

Advertisement
Advertisement