martedì 19 gennaio 2021

Incontra l'anima che si connette a Crna Gora: il ministro della Cultura nel governo del Montenegro, Aleksandar Bogdanović

Aleksandar Bogdanović è un politico montenegrino, attualmente ministro della Cultura nel governo del Montenegro ed ex sindaco di Cetinje e rappresentante del Partito Democratico dei Socialisti al Parlamento del Montenegro.

Aleksandar è nato nell’antica capitale reale del Montenegro – Cetinje. Ha frequentato una scuola superiore in California e si è laureato alla Facoltà di Management di Belgrado a 707, come miglior studente della generazione. Ha completato la sua specializzazione presso l’Institute for European Policy di Berlino in 2003, mentre in 2004, su invito del Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha partecipato al programma di formazione per portavoce a Washington. Ha iniziato la sua carriera presso il Ministero dell’Economia del Montenegro, dove ha lavorato come consulente del Ministro e Portavoce del Ministero. A dicembre 2005, è stato nominato Consigliere del Presidente del Montenegro nel campo delle relazioni economiche, e in 2009 ha assunto la carica di deputato, il più giovane deputato all’epoca, nel Parlamento del Montenegro. Ha svolto la funzione di sindaco della vecchia capitale reale di Cetinje da dicembre 2010 a dicembre 2017, quando è stato nominato Ministro della Cultura nel governo del Montenegro.

Durante il suo precedente incarico, è stato anche membro del Gruppo permanente ad alto livello (PHLG) e un rappresentante del Montenegro nell’ambito del processo di Atene. È autore e coautore di numerosi progetti di ricerca scientifica e pubblicazioni professionali nel campo della finanza e delle relazioni economiche. In 2006, è stato nominato portavoce dei giovani per gli obiettivi di sviluppo del millennio a New York, per conto del sistema delle Nazioni Unite. Da 2007 a 2011, è stato docente presso il Facoltà di Stato e Studi Europei a Podgorica, nei corsi Public Sector Economics e EU Public Finance. È stato anche docente ospite presso l’Università di Belgrado, l’Accademia diplomatica e l’Università di Sofia. Inoltre, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti significativi, tra i quali spicca il prestigioso premio per il miglior sindaco della regione in 2014, che ha ricevuto alla cerimonia per la selezione del miglior manager e della migliore compagnia della regione sud-est e centro europea. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, gli ha addirittura conferito l’Ordine del Cavaliere della Stella d’Italia in 2014, che è il riconoscimento più significativo assegnato agli stranieri cittadini per meriti speciali nella promozione della cultura italiana. A maggio 2017, Aleksandar è stato nominato cittadino onorario di Miami Beach, Florida.

La rivista Global Millionaire ha recentemente incontrato Aleksandar ed ecco cosa è successo:

Cosa ti piace di più dell’essere il ministro della cultura del Montenegro?

Svolgere questa funzione di responsabilità è un grande onore, una grande responsabilità e, allo stesso tempo, un compito impegnativo, che mi è stato affidato dal Presidente e dal Primo Ministro, che sono immensamente grato per la fiducia che hanno riposto in me. Il fatto di avere l’opportunità di contribuire alla prosperità della cultura in Montenegro con un team di collaboratori eccezionali, con il mio impegno, le mie capacità e la mia creatività su base giornaliera, mi dà la più grande soddisfazione nello svolgere la mia funzione ministeriale.

Qual è stata l’esperienza più memorabile di essere il ministro della Cultura?

Creare le condizioni affinché la società montenegrina si arricchisca di cultura è certamente un’esperienza inestimabile per me. La cultura montenegrina ha una lunga ed estremamente ricca tradizione e ha sempre condiviso le sfide e i successi che la nostra società e il paese hanno attraversato. In questo contesto, l’opportunità di essere, per così dire, “sul posto” quando si tratta di attuare una politica culturale di successo basata su obiettivi chiari e altamente apprezzati dell’intero essere culturale montenegrino, mi rende estremamente orgoglioso di gestire questo dipartimento.

Qual è il più difficile decisione che hai dovuto prendere negli ultimi mesi?

I mesi passati sono stati e, purtroppo, lo sono tuttora, molto difficili per l’intera umanità , mentre assistiamo alla lotta implacabile del pianeta con il COVID – 19 pandemia, che ha paralizzato tutti i segmenti della società e dell’attività umana. A livello globale, la pandemia ha messo in discussione la sostenibilità di molti settori, quindi il campo della cultura non è rimasto immune a queste sfide. Per tutelare la salute umana, ogni giorno assistiamo all’annullamento, al prolungamento o al cambiamento della loro forma organizzativa e produttiva di molti grandi e noti progetti mondiali di cultura. La cultura in Montenegro condivide anche il destino degli eventi culturali nel mondo, perché non siamo in alcun modo specifici per quanto riguarda le tendenze epidemiologiche globali. In quel contesto, a fine marzo, nella prima ondata di pandemia, in accordo con le raccomandazioni del Coordinamento Nazionale Malattie Infettive, siamo stati costretti a decidere di chiudere le porte di teatri, gallerie, musei, cinema, biblioteche, sospendere l’attuazione dei progetti. festival … Sebbene la decisione sia stata presa per preservare la salute dei cittadini montenegrini, devo ammettere che personalmente trovo molto difficile.

A cosa fino a che punto le tue nozioni di cultura e politica culturale sono state accettate dal resto del governo a livello ideologico e filosofico?

Dall’inizio del mio mandato ufficio, ho cercato di affermare la cultura come un’opportunità di sviluppo per il Montenegro, sia nel campo dell’ulteriore costruzione dell’immagine del nostro paese in un’area più ampia, sia in campi come il turismo. A questo proposito, avevo bisogno di una forte cooperazione con tutte le entità, in particolare con quelle locali, dato che ogni parte del Montenegro ha caratteristiche culturali uniche che meritano un riconoscimento più ampio. Nell’attuazione di una visione così definita della politica culturale, ho avuto il sostegno e la comprensione indivisi sia del Presidente e del Primo Ministro che del resto del governo. Inoltre, a livello filosofico, come dici tu, condividiamo le stesse nozioni di cultura, il che significa che per il governo del Montenegro la cultura rappresenta molto di più di come la maggior parte delle persone la vive oggi – solo attraverso l’arte. La cultura è in realtà il fondamento più permanente dell’identità montenegrina e della memoria collettiva del nostro paese, uno dei pilastri principali per la costruzione di una società più umana a livello generale, ma anche tutto ciò che ci rende in grado di godere della complessa diversità dell’espressione umana.

Se dovessi guardare indietro al tuo mandato e fare una valutazione, di cosa sei stato contento e cosa ti ha lasciato deluso?

Negli ultimi tre anni come Ministro della Cultura, sono principalmente soddisfatto perché abbiamo aumentato gli investimenti nella cultura, migliorato le condizioni spaziali e infrastrutturali in un certo numero di istituzioni, ma anche abbiamo rilevato potenzialità nel campo del patrimonio che abbiamo valorizzato nell’ambito del turismo culturale, così ora abbiamo i primi hub creativi aperti in Montenegro in luoghi che solo ieri erano edifici trascurati. Inoltre, abbiamo incoraggiato lo sviluppo delle industrie creative e nella creazione artistica abbiamo riconosciuto i progetti e gli autori la cui creatività supera il significato locale e la cui poetica corrisponde agli sviluppi artistici attuali nel mondo. Tutto ciò rappresenta certamente un buon impulso per uno sviluppo ancora più dinamico e diversificato della scena culturale e artistica in Montenegro. Credo che una sana dose di autocritica sia un valido driver per andare avanti, quindi penso sempre che le cose possano e debbano essere fatte meglio.

Che tipo di effetti a catena avrà la crescita del settore dei media sull’economia del Montenegro?

Qualsiasi conversazione sul tema dei media è naturalmente un dialogo adeguato sul tema dell’organizzazione democratica di una società in cui la libertà di espressione è un diritto umano fondamentale. La libertà dei media per il governo del Montenegro è la base di una società democratica perché solo i media liberi e indipendenti affermano ciò che è un bene pubblico e il progresso della civiltà. In questo contesto, lo sviluppo del settore dei media in Montenegro è un vantaggio non solo per l’economia ma per la nostra società nel suo insieme. Poiché il settore dei media appartiene al Ministero della Cultura, consentitemi di sottolineare il nostro contributo diretto al miglioramento della legislazione sui media in Montenegro. Vale a dire, come risultato di una strategia mediatica ben ponderata, due leggi sui media sono state adottate nel parlamento montenegrino in agosto: la legge sull’emittente pubblica nazionale RTCG e la legge sui media, che rappresenta un passo avanti in questo settore, poiché come legge ombrello, garantisce il diritto alla libertà di espressione, libertà e indipendenza dei media in un ambiente pluralistico e si basa sui più elevati standard e principi europei di trasparenza, inclusività, non discriminazione … Vorrei anche segnalare che in passato 18 anni, dall’ultimo revisione della legislazione sui media, il Montenegro si è evoluto continuamente, in termini normativi, istituzionali e democratici, sulla via della creazione e della sostenibilità dell’ambiente generale della libertà dei media, quindi il livello raggiunto di riforme dei media e l’attuazione del patrimonio giuridico europeo, è stato generalmente valutato come un buon livello di conformità legale dalle organizzazioni internazionali

Cosa sono previste nuove azioni per rilanciare ulteriormente il turismo nel vostro Paese?

Credo che la situazione sanitaria a livello globale si stabilizzerà presto e che tutti continuiamo da dove avevamo lasciato quando si parla di turismo, perché, come ovunque, il COVID 19 la pandemia ha avuto un impatto negativo quest’anno sulla stagione turistica in Montenegro. La ripresa del settore turistico è estremamente importante per la società montenegrina perché il turismo è la componente più importante dell’economia nazionale. Dati i potenziali esistenti, in particolare quelli naturali, e l’attuale livello di sviluppo dell’industria del turismo, nonché la direzione strategica dello sviluppo del Montenegro come stato ecologico, il turismo dovrebbe essere una delle attività più promettenti nel futuro sviluppo economico del Montenegro. Lo sviluppo del turismo d’élite, gli investimenti di capitale straniero in infrastrutture, un’intensa campagna promozionale sui mercati esteri e l’ingresso di marchi globali sul mercato interno hanno contribuito alle tendenze positive nell’industria del turismo del Montenegro. Per ottenere effetti ancora migliori, sono necessari tempo e investimenti significativi. I principi su cui si basa la nostra strategia per l’ulteriore sviluppo del turismo montenegrino sono l’evidenziazione dei vantaggi comparativi del Montenegro, la differenziazione delle regioni, la standardizzazione secondo gli standard internazionali, l’individuazione dell’offerta e la differenziazione dell’offerta di ciascuna località turistica, quindi l’aumento della sistemazione alberghiera capacità secondo gli standard internazionali delle unità alberghiere, che soddisferanno le complesse esigenze degli ospiti stranieri. Abbiamo anche riconosciuto il grande potenziale di ulteriore sviluppo nel collegare il settore turistico con altre attività economiche, ma anche attraverso il turismo culturale, che il Ministero della Cultura sostiene con tutto il cuore.

La destagionalizzazione è uno degli obiettivi più importanti per qualsiasi destinazione turistica. Quali segmenti e attività stanno contribuendo ad aumentare il numero di visitatori in Montenegro durante tutto l’anno?

Il Montenegro è un piccolo paese nell’area, ma ha un’enorme ricchezza di risorse naturali: imponenti catene montuose e profondi canyon, ampie pianure, fiumi veloci, il lago di Scutari e la magnifica costa del mare Adriatico si alternano in poche ore di auto. La costa e le montagne, per la loro vicinanza, sono percepite come un tutt’uno, e questo è il principale vantaggio comparativo del Montenegro nella ricca offerta turistica tra la concorrenza, ma anche quando si parla di destagionalizzazione. Inoltre, forme selettive di turismo: nautico, rurale, culturale ed ecoturismo, combinate in un unico prodotto turistico, aumentano il numero di visitatori del nostro Paese durante tutto l’anno e, allo stesso tempo, contribuiscono all’equilibrata valorizzazione turistica tutte le regioni. Inoltre, il Montenegro ha un clima estivo piacevole, simile a quello della Costa Azzurra, che lo rende ideale per il turismo balneare, mentre l’inverno nelle nostre montagne è caratterizzato da ottime condizioni per tutti i tipi di sport invernali.

La globalizzazione e le nuove tecnologie hanno guidato molti dei cambiamenti nel turismo mondiale negli ultimi dieci anni. Quali altre sfide influenzeranno il futuro del settore nel vostro paese?

In un tempo relativamente breve, il Montenegro si è dimostrato in relazione a destinazioni competitive in la regione del Mediterraneo, principalmente a causa della straordinaria bellezza naturale e delle favorevoli condizioni geografiche e climatiche, ma anche di una politica prudente perseguita dal governo del Montenegro in quest’area, nonché degli sforzi e dei risultati dei fornitori di servizi turistici. In questo settore, abbiamo raggiunto il livello internazionale di qualità del servizio, ma abbiamo anche soddisfatto le aspettative in termini di valorizzazione e protezione delle risorse naturali, sostenibilità e innovazione. Stiamo assistendo al fatto che la globalizzazione sta cambiando rapidamente il comportamento dei consumatori, sviluppando i trasporti e la tecnologia dell’informazione, modificando le forme di organizzazione e lavoro, che hanno tutti un forte impatto sul turismo. In tale contesto, la sfida più ovvia del turismo montenegrino in futuro si rifletterà nella sua capacità di valorizzare economicamente numerose risorse non economiche, ma anche nella sua funzione generatrice e integrativa in relazione a settori complementari e attività non economiche. È perché il turismo è definito oggi, anche in senso globale, dalla volontà di creare partnership su tre livelli settoriali (pubblico, privato e civile), con l’obiettivo di uno sviluppo strategico dell’industria turistica e l’utilizzo delle risorse per il crescita economica della società.

Potreste anche inviarci maggiori informazioni sul Montenegro, nelle seguenti aree:

1) I luoghi più importanti da visitare.

L’intero Montenegro è una vera perla turistica da non perdere. Splendidi massicci montuosi, profondi canyon di fiumi irrequieti, mare cristallino con spiagge infinite, numerosi laghi, ma anche l’immensa ricchezza del suo patrimonio culturale consentono anche al visitatore più esigente del nostro paese di trovare il modo migliore per godersi una vacanza di qualità. In un solo giorno, puoi prendere un caffè mattutino sulla lunga spiaggia di Ulcinj, un tour di Kotor – una città dalla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, pranzare durante una crociera sul lago di Scutari e finirlo davanti a un camino e con specialità la cucina nazionale alle pendici del Monte Durmitor.

Spero non ti dispiaccia, ma sarò anche un po ‘un patriota locale, quindi auguro ai tuoi lettori, quando vieni in Montenegro, per visitare la sua vecchia capitale reale, la mia città natale – Cetinje, situata ai piedi del Lovćen. La storia di una città-museo, la secolare capitale del Montenegro, e l’origine della sua spiritualità e statualità dura da più di mezzo millennio, una città che, sia con il suo patrimonio culturale che con il suo significato in termini artistici, trascende confini nazionali. Ogni pietra di questa piccola città ha la sua storia o leggenda storica, e la patina dei secoli depositata sugli edifici di Cetinje porta messaggi di libertà dai tempi passati, rendendola grande e famosa. Ne troverete prova nei musei di Cetinje, che conservano preziose testimonianze delle secolari lotte dei suoi cittadini ribelli e orgogliosi per la libertà e per l’ascesa del proprio spirito attraverso la parola scritta e la tradizione.

2) Le principali ragioni e incentivi per gli investitori a investire in Montenegro.

Il Montenegro, in quanto sistema economico piccolo e altamente aperto, ha il potenziale per adattarsi in modo flessibile alle tendenze globali dei movimenti di IDE (investimenti diretti esteri), quindi è costantemente impegnato a migliorare il suo ambiente di investimento globale in questo considerare. Attrarre investimenti esteri è uno dei nostri obiettivi primari, tenendo conto del loro effetto positivo sulla dinamizzazione della produzione e sulla creazione di nuovi posti di lavoro, attraverso la costituzione di nuove società. Ecco alcuni motivi per investire in Montenegro – a causa della stabilità politica, monetaria e macroeconomica; semplice START UP; il regime economico liberale del commercio estero; politica fiscale favorevole; principi contabili internazionali; crescita delle libertà economiche e, soprattutto, ottima posizione geografica e condizioni climatiche che fanno del nostro Paese un gioiello raro in questa parte d’Europa.