sabato 28 novembre 2020

Infine, alcune buone notizie per la cannabis Aurora

                                                                 

Lo stock di pentole più popolare al mondo sta per cambiare le cose all’estero?

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Nel caso non l’avessi notato, è stato difficile essere un investitore di azioni di marijuana nel passato 03 mesi. A seguito di un primo trimestre ardente che ha visto guadagnare più di una dozzina di stock di pentole 70%, scorte di cannabis hanno trascorso gran parte del passato 03 mesi in una forte tendenza al ribasso, con qualche spinta ai minimi pluriennali.

Questa debolezza è stata scatenata da problemi di approvvigionamento basati sulla regolamentazione in Canada, esorbitanti aliquote fiscali in un certo numero di stati degli Stati Uniti a livello ricreativo e una presenza resiliente del mercato nero in tutto il Nord America che ha prosperato al di fuori del errori di fase iniziale del settore.

Gli investitori hanno cercato qualsiasi tipo di buona notizia da agganciare e Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) , il indiscusso brodo più popolare , guarda a hanno finalmente fornito tali notizie lunedì 3 febbraio.

Fonte immagine: Getty Images.

Gli affari internazionali di Aurora (finalmente) stanno per riprendersi?

Prima di tutto, la società ha annunciato che, a seguito di una sospensione di due mesi delle vendite di marijuana medica in Germania, i suoi prodotti sono di nuovo disponibili per la vendita.

Per coloro che potrebbero non ricordare, Aurora ha annunciato a fine novembre che i suoi prodotti medici in vaso non sarebbero disponibili mentre le autorità sanitarie hanno condotto una revisione del processo di produzione di cannabis dell’azienda. Più specificamente, le farmacie tedesche hanno notato che la recensione ha avuto a che fare con un metodo usato da Aurora per garantire la shelf life del suo fiore di cannabis, secondo Marijuana Business Daily . Sebbene la società fosse alla base della qualità del suo prodotto e del suo processo di fabbricazione, questo era solo un altro dolore al collo per gli investitori verso la fine del 2019.

Tuttavia, considerando che la Germania è probabilmente la più redditizia opportunità di cannabis medica nell’Unione europea (UE), la capacità di vendere ancora una volta la cannabis medica è un chiaro passo nella giusta direzione.

Inoltre, anche la Aurora Cannabis, separatamente, ha annunciato di aver ricevuto la certificazione EU Good Manufacturing Practice per la sua struttura sul fiume Aurora . Se il nome non suona troppo familiare, è perché questo campus era chiamato Bradford quando MedReleaf lo possedeva. La struttura di Bradford offre 23, 000 chili di picco di capacità produttiva annuale, e segna il terzo della società 10 campus di coltivazione nazionali per ottenere il pollice in alto dai regolatori dell’UE. Con Aurora River che ora riceve A-OK dal punto di vista della qualità per esportare nell’UE, la capacità di Aurora di inviare cannabis nei mercati internazionali della marijuana medica è cresciuta di oltre 230%.

Fonte immagine: Getty Images.

Questa approvazione è particolarmente importante perché Aurora Cannabis ha probabilmente bancario sui mercati esteri più che su qualsiasi altro stock di marijuana. Tuttavia, ad oggi, le vendite internazionali sono state modeste, con solo $ 5 milioni canadesi di entrate internazionali riconosciute nel primo trimestre fiscale. Con le vendite di estratti con margini più elevati in qualche modo recentemente iniziate in alcuni mercati esteri, Aurora Cannabis potrebbe finalmente avere l’opportunità di realizzare dividendi dalla sua strategia di espansione all’estero.

Un passo avanti, ma un miglio da percorrere

Anche se questo rappresenta un importante passo avanti per l’azienda, è anche solo uno dei tanti che dovrà fare per dimostrare a Wall Street che ha un potenziale a lungo termine.

Ad esempio, Aurora Cannabis ha speso in modo aggressivo per aumentare la sua capacità di produzione e capacità della catena di approvvigionamento, e sembra aver seriamente compromesso il suo bilancio nel processo. Nonostante la conclusione del primo trimestre fiscale con quella che sembra una quantità sufficiente di liquidità, equivalenti di cassa e titoli negoziabili a disposizione (quasi CA $ 192 milioni), questo potrebbe rivelarsi insufficiente , considerando i suoi prestiti esistenti e le sue spese operative in corso. Anche con Aurora Cannabis che interrompe la costruzione in due delle sue più grandi aziende agricole e mette in vendita un’altra serra di 1 milione di piedi quadrati, non vi sono garanzie che abbia il capitale per sopravvivere a lungo termine.

Inoltre, l’unico modo in cui Aurora ha un facile accesso al capitale in questo momento è vendendo le sue azioni. Da giugno 700, il il conteggio delle azioni della società è aumentato in mongolfiera a partire dal 16 milioni probabilmente vicino a 1,1 miliardi. Tali enormi quantità di diluizione sono state difficili da assorbire per gli investitori.

Questa spesa eccessiva ha anche stimolato l’avviamento dell’azienda. Sebbene l’avviamento sia piuttosto comune a seguito di un’acquisizione, Aurora CA $ 3. 17 miliardi di avviamenti rappresentano 57% delle sue attività totali, a partire dalla fine di settembre. Questa cifra suggerisce che Aurora ha gravemente pagato in eccesso per le società che ha acquistato e che ci sono poche speranze di recuperare una parte significativa di questa volontà in futuro. A questo punto, una futura svalutazione potrebbe in realtà essere più grande dell’attuale capitalizzazione di mercato di Aurora.

Fonte immagine: Getty Images.

Ci sono altre preoccupazioni oltre al solo bilancio della società. I noti problemi di approvvigionamento in Canada, come l’incapacità dell’Ontario di aprire un numero adeguato di dispensari, non saranno una soluzione durante la notte. Per fortuna, l’Ontario sta abbandonando il suo sistema di lotteria a favore di un sistema di licenze al dettaglio più tradizionale. Tuttavia, ci vorranno numerosi quartieri prima che la provincia più popolosa abbia una presenza commerciale sufficiente. Ciò significa strozzature di approvvigionamento in corso per fiori secchi e derivati ​​ad alto margine per Aurora e i suoi coetanei.

È anche altamente improbabile che la redditività è ovunque all’orizzonte. Con la crescita delle vendite ostacolata in Canada e le vendite internazionali che generano solo noccioline del loro potenziale immaginato, Wall Street non immagina che la cannabis Aurora consegni un profitto ricorrente fino almeno al bilancio 2022 (l’anno fiscale dell’Aurora termina a giugno 30).

Non c’è dubbio che gli azionisti di Aurora Cannabis avessero bisogno di qualcosa di buono per accadere, e gli annunci di lunedì hanno colpito il posto. Ma su base generale, Aurora ha ancora l’aspetto di una società che non è stata provata, e quindi potenzialmente pericoloso per gli investitori .

                                                                                                                                                                                                                 Sean Williams non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com