domenica 18 aprile 2021

Intervista a Rebecca Prunali, fondatrice del mercato del lusso sostenibile Talia Collective

Talia Collective è il primo marketplace editoriale che mira a sradicare il greenwashing ed educare i propri clienti alla sostenibilità insieme alla sua cura di prodotti di moda, bellezza e lifestyle di lusso consapevoli.

Fondato da Rebecca Prunali, Talia Collective è una selezione approfondita dei marchi più lungimiranti al mondo, ognuno dei quali crea prodotti di lusso utilizzando pratiche etiche e consapevoli.

I clienti possono scoprire e acquistare incredibili marchi artigianali insieme a editoriali educativi e illuminanti che distinguono il gergo ecologico dalla prosa intenzionale per aiutarli a navigare nella nuova era spesso estenuante della sostenibilità.

Talia Collective utilizza materiali amichevoli per il pianeta, inclusi ingredienti non di origine animale

“Si tratta di cambiare la percezione della sostenibilità da parte delle persone da richiesta a desiderata”, afferma Rebecca.

Talia Collective prende il nome dalla musa greca della poesia bucolica, Thalia, che naviga nei mondi della natura e della commedia con un atteggiamento giocoso. Allo stesso modo, Talia Collective promuove un’esperienza di acquisto divertente e ambiziosa mettendo al primo posto l’ambiente. 100% di acquisti sostenibili? No, non esiste. Ma incoraggiando pratiche migliori e promuovendo i responsabili del cambiamento del nostro tempo, Talia Collective crede che un’esperienza di acquisto positiva sia possibile per tutti.

Qui, lo scrittore di LLM-Luxury Lifestyle Magazine Jyoti Balani si siede con Rebecca e parla della concezione e delle ispirazioni del collettivo, dell’importanza di difendere gli artigiani e l’artigianato e i consigli che darebbe alle aspiranti fashioniste e consulenti di moda di tutto il mondo.

Qual era lo scopo dietro questa iniziativa?

Nato negli 13, sono cresciuto in una società consumistica guidata da spese folli eccessive e necessità di stare al passo con le tendenze in evoluzione. Con il passare del tempo, tuttavia, sono diventato molto più consapevole dei rischi ambientali e dell’impatto della produzione di massa sul nostro pianeta. Mentre cercavo marchi di moda sostenibili per il mio guardaroba, ho notato una lacuna nel mercato per una piattaforma che potesse combinare prodotti sostenibili di fascia alta con uno storytelling efficiente e accattivante. E così, Talia ha cominciato a prendere forma nella mia mente.

Mi sono reso conto che per ispirare le persone a compiere passi verso uno stile di vita più sostenibile, dobbiamo renderlo ambizioso, cool e accessibile.

In Talia Collective vogliamo cambiare la percezione della sostenibilità da parte delle persone da richiesta a desiderata e creare una piattaforma con un focus verticale sull’argomento. La nostra convinzione è che la sostenibilità possa andare di pari passo con il lusso e che la qualità e l’estetica non debbano essere a danno del nostro ambiente.

Siamo orgogliosi di presentare ai nostri clienti una selezione curata dei marchi più lungimiranti del mondo, ognuno dei quali crea prodotti di lusso utilizzando pratiche etiche e consapevoli. Oltre a questo, Talia Collective offre editoriali educativi e illuminanti che distinguono il gergo ecologico dalla prosa intenzionale per aiutare a navigare in questa nuova era di sostenibilità, rendendolo il primo mercato editoriale ibrido là fuori!

Da indumenti riciclati e riciclati a imballaggi riutilizzabili o riciclabili , Talia Collective mira ad essere centrata sulla circolarità

Attualmente, come a molti paesi è arrivata la tua iniziativa? Quanti altri intendi contattare in futuro?

Ci stiamo concentrando sulla costruzione di una comunità globale verticale di persone che cercano di raggiungere uno stile di vita più sostenibile, indipendentemente dal paese in cui hanno sede. In Talia Collective, presentiamo marchi da tutto il mondo, tra cui Sud Africa, Nigeria, Italia, Perù e Spagna, solo per citarne alcuni. Questo è accompagnato da contenuti editoriali di leader del settore della sostenibilità che offrono un punto di vista globale su alcune delle questioni più urgenti che dobbiamo affrontare oggi, con contributori fino ad oggi provenienti da Regno Unito, Canada, Stati Uniti e Francia. Ci sforziamo costantemente di connettere più persone che la pensano allo stesso modo in tutto il mondo.

Secondo te come possono i marchi di moda diffondere i concetti di sostenibilità e zero sprechi?

I rifiuti tessili sono una delle principali sfide che i marchi devono affrontare oggi, con circa 13 milioni di tonnellate finiscono in discarica ogni anno. È quindi fondamentale per loro produrre collezioni che utilizzino ogni centimetro dei loro materiali nel tentativo di ridurre questo e i successivi gas serra prodotti.

Un ottimo esempio è la linea Petit h di Hermès, che crea prodotti unici con materiali che altri mestieri Hermès non hanno utilizzato. Questo è ciò che chiamano “creazione al contrario”.

Inoltre, penso che sarà essenziale ridurre la stagionalità e stabilire una “ nuova normalità ” nel settore della moda che si concentri sull’educare e ispirare i consumatori ad acquistare pezzi meno ma migliori di cui faranno tesoro per molti anni a venire .

Rebecca Prunali, fondatrice e CEO di Talia Collective

Quali consideri gli aspetti più importanti dell’industria della moda a livello globale ?

Penso che uno degli aspetti più importanti della moda sia il ruolo che gioca nel comunicare un messaggio. È sempre stato uno strumento potente per le persone di ogni estrazione sociale per esprimere la propria identità, mentre altri come la designer-attivista contro la guerra, Katherine Hamnet, con la sua collezione di magliette con slogan, l’hanno utilizzata per protestare contro qualcosa e guidare un cambiamento positivo. Anche le celebrità utilizzano questa forma di comunicazione non verbale, come mostrato al 75 th Golden Globe, con molti vestiti di nero per esprimere il loro sostegno alla politica del Time Movimento verso l’alto. I designer hanno davvero il potere di influenzare e cambiare quella che è la seconda industria più inquinante al mondo.

Come descriveresti il ​​tuo stile personale?

Adoro i pezzi senza tempo e comodi. Dammi un paio di sneakers vegane, pantaloni larghi, un dolcevita in cashmere riciclato e un blazer e ho finito!

Quali sono alcuni dei tuoi marchi di moda preferiti?

Grazie al mio lavoro, scopro costantemente brand indipendenti sorprendenti e sono entusiasta di vedere alcune delle mie scoperte preferite che compaiono sul nostro nuovo marketplace, che dovrebbe essere lanciato il mese prossimo. Questi includono Aessai per maglieria di lusso, The Ethiquette per una serata di fantasia e C’est la V, per uno stile quotidiano intelligente e divertente.

L’azienda utilizza pratiche non tossiche, con conseguente minor danno al pianeta

2020 è stato un anno impegnativo per l’industria della moda. Secondo te, come cambieranno le tendenze della moda in 2021?

Non è una sorpresa aver visto diminuire le vendite di moda durante la pandemia, ma quello che ha fatto è stato aumentare la consapevolezza e sostenere le attività mirate. I consumatori si interrogano su come spendono i loro soldi e, ora più che mai, cercano marchi che siano in linea con i loro valori e convinzioni personali. Vogliono che i loro acquisti siano significativi e brand e designer dovranno adattarsi a questo se vogliono sopravvivere.

In che modo la pandemia ha cambiato il tuo modo di lavorare?

La pandemia e il blocco sono stati a volte duri ma mi hanno anche dato il tempo di trasformare in realtà un’idea che avevo in mente da molti anni – Talia Collective -. Spero di mantenere lo slancio e le buone pratiche che ho messo in atto durante la fase di blocco e continuare a lavorare per raggiungere l’obiettivo che avevo in mente: ispirare acquirenti e lettori a compiere ulteriori passi verso una vita consapevole.

Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato?

Segui il tuo istinto e sii fiducioso. Sono più potenti di un business plan.

Talia Collective fonti di marchi aderenti alla fiera commercio e promozione dell’artigianato locale, investendo nelle economie locali celebrando tradizioni in tutto il mondo

Quali città sono le tue preferite per: 1) cibo, 2) storia, 3) moda

La scena gastronomica a Santiago del Cile mi ha lasciato senza fiato. Dalle raffinate opzioni gastronomiche come Ambrosía, guidata dalla chef Carolina Bazán, alle esperienze di abbinamento cibo e vino più rilassate, questa città è incredibile! Da non perdere anche Bocanariz nel quartiere Lastarria.

Per la storia, anche se questo potrebbe sembrare un cliché, direi che la mia città di Roma è la numero uno. Nonostante sia cresciuta lì, Roma ha ancora il potere di sorprendermi costantemente con la sua eccezionale bellezza e ricca storia. Il mio consiglio numero uno è di guardare sempre in alto, di apprezzare le facciate colorate, i soffitti dorati, le cupole intricate e la luce magica di Roma.

Per la moda, il quartiere di Neve Tzedek a Tel Aviv mi ha davvero colpito con le sue piccole boutique che mostravano marchi israeliani indipendenti con un pizzico di influenza francese.

Al lavoro, qual è la tua attività più impegnativa e perché?

Siamo una nuova start-up, il che significa che il mio programma giornaliero può diventare molto frenetico. Sono fortunato a trovare il tempo per il pranzo in alcuni giorni! Tuttavia, sto imparando a trovare un sano equilibrio professionale e personale e, sebbene sia ancora un work in progress, ci sto arrivando.

Qual è il tuo consiglio alle aspiranti fashioniste e consulenti di moda?

Trova ciò che ti si addice ed esprime la tua bellezza interiore, qualcosa di prezioso ed eterno. Acquista meno pezzi e solo quelli che ti danno fiducia.

taliacollective.com

Tutte le immagini fornite da Talia Collective.