venerdì 23 ottobre 2020

JC Penney ha in programma di presentare istanza di fallimento il giorno successivo, dicono fonti

Robert Barnes | Getty Images

J.C. Penney sta pianificando di presentare istanza di protezione fallimentare, dicono le persone che hanno familiarità con la questione.

I suoi consulenti stanno attualmente lavorando a una dichiarazione di fallimento che potrebbe arrivare venerdì mattina presto, hanno detto. Hanno avvertito che esiste ancora una possibilità che le trattative finali tra il rivenditore e i suoi finanziatori si riversino nel fine settimana e ritardino la presentazione.

J.C. Penney impiegava all’incirca 90, 000 dipendenti a tempo pieno e part-time a partire da febbraio. Sta lavorando a un piano che prevede di chiudere 180 a 200 negozi durante il fallimento. Il rivenditore aveva 846 grandi magazzini a febbraio.

Il rivenditore con sede a Plano, in Texas, sta pianificando di presentare istanza di fallimento a Corpus Christi, in Texas, secondo la gente. Sta negoziando con i suoi primi prestatori di pegno un prestito di $ 450 milioni per finanziare il fallimento, che richiederebbe al commerciante in difficoltà di raggiungere determinati obiettivi per riceverne la seconda metà, CNBC ha riferito in precedenza.

Poiché sta lavorando così rapidamente per finalizzare i suoi documenti fallimentari, potrebbe non riuscire a completarli tutti in tempo per attingere ai fondi iniziali il primo giorno di fallimento. Pertanto, potrebbe essere necessario attendere fino all’udienza del 2 giugno per iniziare a beneficiare del prestito.

Le persone hanno richiesto l’anonimato perché le informazioni sono confidenziali. Un portavoce di J.C. Penney ha rifiutato di commentare.

Nel presentare istanza di fallimento, J.C. Penney si unirà ai compagni grandi magazzini Neiman Marcus e Stage Stores come vittime della pandemia, che ha costretto a chiudere le porte ma i cui disturbi hanno preceduto di molto il virus. I grandi magazzini hanno faticato a mantenere un punto d’appoggio nella vendita al dettaglio negli Stati Uniti, poiché i marchi li hanno elusi vendendo direttamente agli acquirenti e gli acquirenti hanno abbandonato il centro commerciale in cui molti hanno sede. caduto ogni anno dal 2016. La sua impronta del negozio all’incirca 846 è inferiore a un quarto della sua base del negozio in 2001 e i suoi quasi $ 11 miliardi di vendite dell’ultimo anno fiscale sono quasi un terzo delle sue vendite quell’anno .

Il rivenditore risale al 1913, quando James Penney convertì una catena di 34 memorizza nella società JC Penney. J.C. Penney offrì all’America rurale il suo primo deposito, fornendo agli agricoltori e ad altri uno sportello unico per acquistare beni di prima necessità a prezzi stracciati. Il rivenditore ha rotto la strada evitando il credito, in base alla convinzione di Penney che è meglio addebitare ai clienti ciò che potrebbero permettersi senza che debbano assumersi un debito.

Con 1928, ha funzionato il suo negozio base fino a 1, 000 negozi – un anno prima che la società diventasse pubblica e la Grande Depressione.

Nel 1960 s mette gli occhi sull’America suburbana e si dirige verso il centro commerciale, dove l’America suburbana stava facendo shopping. Ha spinto in una moda accessibile, che ha promosso in 1, 000 – cataloghi di pagine che ha lanciato 1963, decenni dopo Sears era uscito con il suo rivale.

Di 1994, il rivenditore aveva $ 20 4 miliardi di vendite al dettaglio, con un reddito netto prossimo $ 1 miliardo.

Negli anni successivi, tuttavia, ha lottato per competere contro l’ascesa di Walmart. Come grande magazzino, non ha mai raggiunto Macy’s. Quando l’investitore attivista Bill Ackman ha rivelato una partecipazione nella società 2010, ha creduto di poter cementare il ruolo del rivenditore come power player dei grandi magazzini.

Ackman è entrato a far parte del consiglio di amministrazione e ha assunto Ron Johnson, che in precedenza aveva supervisionato la divisione retail di Apple, in qualità di CEO. Molte delle idee di Johnson e Ackman, come la creazione di concetti “store-in-store” si sono rivelate visionarie, ma sono state implementate troppo rapidamente, hanno detto gli analisti all’epoca. I clienti hanno abbandonato il rivenditore. JC Penney ha riportato una perdita di quasi $ 1 miliardo durante il primo anno intero di Ron Johnson nel ruolo.

Johnson alla fine si è dimesso, e JC Penney ha vinto $ 2. 25 prestito di miliardi per sostenere le sue finanze.

Nel decennio successivo, JC Penney ha lottato per stabilizzare bilancio, nel frattempo in competizione con i cambiamenti nel comportamento di acquisto mentre gli americani abbandonavano il centro commerciale.

Ha portato Jill Soltau, ex CEO di Jo-Ann Stores a ottobre 2018. Soltau aveva iniziato a provare a rivitalizzare JC Penney e riportarlo alle sue radici: concentrandosi sul servizio clienti, abbigliamento e prezzi bassi.

Articolo originale di CNBC