martedì 20 ottobre 2020

Kelly Evans: cose che mi fanno andare “hmmm”

Per quanto confortante sia sapere che il peggio del coronavirus potrebbe presto essere alle nostre spalle, mi rimane un sentimento inquieto.

Non sarà solo la strana “nuova normalità” che ci rimarrà per un po ‘; l’abbigliamento casual delle maschere per il viso, le lunghe e confuse linee di pagamento al supermercato, l’apprensione per coloro che ci circondano. Come sarà in chiesa quando finalmente riapriranno per le messe e troppo tardi per Pasqua? Siamo seduti l’uno accanto all’altro questo autunno ad eventi sportivi? Parigi ha davvero bisogno di vietare il jogging all’aperto?

Sono anche gli aspetti economici che mi vengono in mente. Per quanto mi stancassi della folla “Chicken Little in recessione” degli ultimi due anni, l’inversione della curva dei rendimenti un anno fa ha segnalato un rallentamento – persino una recessione – stava arrivando. Potrebbero aver impiegato un paio di anni in più se non per il coronavirus. Ma era nelle carte.

Non sto dicendo che i mercati sapessero che Covid – 19 stava arrivando. Quello che mi chiedo è (a) se questa brutta recessione autoimposta “conta” come una recessione, (b) se abbiamo riavviato il ciclo economico, dal momento che non si è realmente concluso da solo, e (c) se ciò significa la fine del ciclo economico incombe ancora nel prossimo futuro.

Inoltre, cosa succede ora che siamo sellati dalle enormi fatture necessarie per evitare che la recessione del coronavirus si trasformi in depressione? Il deficit potrebbe essere in esecuzione 15 – 20% del PIL quest’anno. Il bilancio della Fed è cresciuto di più nelle ultime due settimane che in tutti i suoi primi sforzi per combattere “08 – 09 crisi.

Stavo pensando a ciò che l’economista David Rosenberg ha avvertito l’altro giorno: “Ne usciremo con più inflazione di quanto chiunque avrebbe mai pensato.” Ho risposto: “Le persone non ci crederanno”. Al che ha risposto, “Monetizzazione del debito definitivo, ti dirò, che dire che questo non sarà l’inflazione lungo la strada è dire che stai scommettendo contro la storia”. (E Rosenberg non è stato un falco dell’inflazione.)

Non dobbiamo monetizzare (cioè avere l’acquisto della Fed) il debito, ovviamente, ma l’unica altra vera opzione per pagare perché sta aumentando enormemente le tasse, il che minerà la ripresa e la crescita del PIL. Non vedo molte “vie d’uscita” fantastiche qui. Con un po ‘di fortuna, si tratterà di una ripresa relativamente rapida con bassi tassi di interesse che ci consentiranno di ridurre gradualmente il disavanzo. Questo è probabilmente il caso base in questo momento, in realtà, ma questa è una danza terribilmente delicata.

Penso che la storia guarderà favorevolmente alla risposta finanziaria americana al coronavirus. Penso che potremmo anche essere sorpresi dalla rapidità con cui l’economia si riprende da essa. Sono solo nervoso per quello che succederà dopo.

A domani alle 13!

Kelly

Twitter: @KellyCNBC

Instagram: @realkellyevans

Articolo originale di CNBC