domenica 28 febbraio 2021

Kelly Evans: le cose non finiscono con “V”

Io e mio marito suoniamo molto Scrabble. È uno dei pochi giochi in cui siamo abbastanza uniformemente abbinati. (Anche se non dimentichiamo che ho ottenuto un punteggio Wonderlic più alto di lui – BOOYA !!)

Ci faccio suonare da un 1985 Dizionario Merriam-Webster (che abbiamo ordinato su eBay per questo scopo), perché oggigiorno Scrabble in pratica permette qualsiasi cosa come una “parola”. “PWN”? “Za”? “Lulz”? Sì, tutto permesso. Ridicolo. Quindi per noi, se non fosse una parola in 1985 (il mio anno di nascita), non possiamo giocarci. (Certo, questo è tornato a mordermi quando ho provato a suonare “udon” e “naan”). In questo modo si tratta di un vero test del vocabolario, anziché della memorizzazione di stranezze.

Ma il mio punto è che non ci sono molte parole che terminano con “v.” Di solito puoi trovare alcuni modi per iniziare una parola con quella fastidiosa lettera (“vie”, “vocale”, “vuoto”, ecc.) E forse anche modi per farla scorrere nel mezzo (“sposta”, “immersione, “” even “), ma praticamente nulla finisce con questo. E ho pensato lo stesso al recupero del coronavirus.

Il rimbalzo a forma di “V” non è un sogno irrealizzabile. È una possibilità reale. Potrebbe non essere perfettamente simmetrico – il lato destro sarà più piatto e potrebbe non risalire fino in fondo – ma è una prospettiva più luminosa di quanto qualcuno avrebbe pensato qualche settimana fa. Il rimbalzo del mercato al di sotto dei minimi ti ha detto altrettanto. Le scorte di Internet stanno già raggiungendo nuovi massimi. L’S & P più ampio è solo circa 12% inferiore ai massimi precedenti. Le domande di mutui sono sostanzialmente tornate (in calo dell’1,5%) ai livelli dell’anno scorso, come ha sottolineato ieri Diana Olick.

E c’è anche una giustificazione teorica per questo, come ha scritto Michael Darda di MKM Partners. Le azioni della Fed hanno guadagnato molta più trazione nell’aumentare la massa monetaria ora; M2 è aumentato di circa 15% finora quest’anno contro solo un aumento del 4-5% nella seconda metà di 2008. “La Fed sembra compensare il crollo della velocità in modo più efficace questa volta, il che potrebbe iniziare una ripresa più vigorosa”, ha scritto Darda la scorsa settimana.

Va tutto bene, ma non è la fine della storia. Tanto sollievo quanto è che potremmo vedere un rimbalzo simile a quello di V nei mercati, nel PIL e forse persino nella disoccupazione a livelli quasi pre-Covid, la prospettiva di una forte crescita dopo quel punto sembra molto più fioco. Quindi i rendimenti obbligazionari ostinatamente bassi che vediamo adesso. Da qui il ritorno dei commercianti “coltivatori in un ambiente a bassa crescita” nel mercato che vede Microsoft, Chipotle, Amazon e altri riprendere la propria leadership. (L’energia è stata anche in una bella ripresa “V-rebound”, ma alla fine dovrà affrontare la futura crescita più lenta.)

Brian Reynolds della Reynolds Strategy ha chiarito bene questo punto : i massicci carichi di debito societario risultanti dalla raccolta di liquidità per superare Covid daranno all’economia una sbornia dopo il rimbalzo. (Caso in questione: American Airlines potrebbe finire con $ 35 miliardi di debito! Al momento vale solo $ 4 miliardi! Questo era un must -watch discussione sulle compagnie aeree su TEX ieri.)

Quindi ci vorranno due anni dispari; a volte, sentirsi “tornati alla normalità” e come i politici della Fed e del Congresso stanno andando troppo oltre i trilioni di aiuti economici. Altre volte, la sensazione che l’economia stia tornando alla recessione e in questo modo è necessario fare di più. Sospetto che probabilmente finiremo con un importante pacchetto di sgravi fiscali (che si trasformerà in stimolo un paio d’anni) ogni sei o dodici mesi per diversi anni, fino a quando le aziende non avranno finito di ripagare il proprio debito e potranno ricominciare a investire per la crescita.

Il governo sta sostanzialmente sostituendo gli investimenti aziendali persi e continuerà a farlo fino a quando non potrà fermare la spesa extra senza ridurre il PIL. Ricorda, per quanto sia doloroso vedere deficit di bilancio cronici e un mucchio crescente di debito pubblico, sarà anche peggio cercare di pagare quei conti con un’economia in calo . Evitare la contrazione del PIL è di vitale importanza.

(Questo è anche il motivo per cui la spesa pubblica dovrebbe essere finalizzata a aiutare le imprese a rimbalzare e ripagare i debiti il ​​più rapidamente possibile, senza ostacolarli. Da qui l’attenzione sul passaggio di uno “scudo di responsabilità” in modo che il contenzioso non diventi una “seconda pandemia”, come ha affermato il senatore Leader McConnell, per l’economia.)

Non c’è così tanto una lettera per quello che ho appena descritto, ma c’è un simbolo: è il recupero “radice quadrata”. La “V” seguita da più di una linea piatta. L’ho sentito di tanto in tanto. È un boccone.

E spero che sia sbagliato. Spero che otteniamo un volante V! Semplicemente non lo vedo nelle carte in questo momento, o meglio, sulla scacchiera Scrabble.

Ci vediamo alle 13:00 …

Kelly

P.S. Se non ricevi questa newsletter ogni giorno, il problema non sei tu, sono io che non la scrivo: -)

Twitter: @KellyCNBC

Instagram: @realkellyevans

Articolo originale di CNBC