lunedì 30 novembre 2020

La Cina espelle i giornalisti dal New York Times, dal Wall Street Journal e dal Washington Post

I giornalisti del Wall Street Journal Josh Chin (R) e Philip Wen attraversano l’aeroporto di Pechino Capitale prima della loro partenza a febbraio 24, 2020.

Greg Baker | AFP via Getty Images

Martedì la Cina ha dichiarato che espellerà i giornalisti americani che lavorano nel paese per The New York Times, The Wall Street Journal e The Washington Post, le cui credenziali stampa dovrebbero scadere tra 2020.

Il ministero degli Affari esteri del paese ha dichiarato in una nota che i giornalisti statunitensi per tali pubblicazioni devono restituire le loro carte di stampa all’interno 10 giorni.

“Non saranno autorizzati a continuare a lavorare come giornalisti nella Repubblica popolare cinese, comprese le regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao”, ha affermato la nota.

La Cina ha anche richiesto a Voice of America, al Times, al Journal, al Post e al Time di fornire informazioni sulle loro operazioni nel paese, comprese le informazioni sul personale e sulle finanze.

Non è stato immediatamente chiaro quanti giornalisti americani sarebbero stati colpiti, e i portavoce di ciascuno dei punti vendita e Voice of America, un’emittente internazionale finanziata dal Congresso, non hanno fornito cifre in risposta alle indagini.

Ma i leader della redazione hanno criticato la mossa della Cina, che arriva nel mezzo di una crisi globale della salute pubblica per COVID – 19, la malattia causata dal coronavirus.

L’editore esecutivo del Washington Post Marty Baron ha dichiarato in una dichiarazione che era “particolarmente deplorevole” durante il COVID – 19 pandemia, quando sono essenziali informazioni affidabili sulla risposta internazionale. “Limitare gravemente il flusso di tali informazioni, che la Cina ora cerca di fare, aggrava solo la situazione”, ha detto Baron.

Matt Murray, redattore capo del Wall Street Journal, ha dichiarato in una nota che “l’attacco senza precedenti della Cina alla libertà di stampa arriva in un momento di ineguagliabile crisi globale. Notizie attendibili da e verso La Cina non è mai stata così importante. “

” Siamo contrari alle interferenze del governo con una stampa libera in qualsiasi parte del mondo. Il nostro impegno a riferire in modo completo e approfondito sulla Cina è invariato “, ha affermato Murray.

Il direttore esecutivo del New York Times, Dean Baquet, ha dichiarato che il giornale aveva più reporter in Cina che in qualsiasi altro luogo oltre agli Stati Uniti. questa disputa e consentire ai giornalisti di svolgere l’importante lavoro di informazione del pubblico. “

” La salute e la sicurezza delle persone in tutto il mondo dipendono da rapporti imparziali sulle sue due maggiori economie, entrambe ora combattendo un’epidemia comune “, ha detto.

VOA, in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web , ha affermato che le restrizioni cinesi sulla stampa libera sono sbagliate e siamo fermi nel nostro impegno per operazioni di stampa gratuite in Cina e nel mondo. “

La mossa della Cina continua una battaglia tit-to-tat tra Washington e Pechino, iniziata a febbraio dopo il Journal ha pubblicato un articolo di opinione con il titolo “ China Is the Real Sick Man of Asia.

The il titolo ha fatto infuriare il governo cinese, che ha risposto revocando i passaggi di stampa di tre reporter per la divisione di notizie del Journal, che opera indipendentemente dalle sue pagine di opinione.

In risposta, il 2 marzo, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha imposto un limite al numero di persone autorizzate a lavorare per organizzazioni mediatiche controllate dal governo cinese negli Stati Uniti. La mossa ha ridotto il numero di dipendenti in 100, giù da 160.

Nella sua dichiarazione di martedì, il ministero cinese degli affari esteri ha sbattuto quelle che ha definito le “restrizioni ingiustificate alle agenzie e ai media cinesi”.

La Cina ha affermato che le sue mosse di ritorsione erano “del tutto necessarie e reciproche contromisure che la Cina è costretta a prendere in risposta all’irragionevole oppressione che le organizzazioni dei media cinesi sperimentano negli Stati Uniti.”

“Ciò che gli Stati Uniti hanno fatto è prendere di mira esclusivamente le organizzazioni dei media cinesi, e quindi guidato da una mentalità della Guerra fredda e da una propensione ideologica”, ha affermato il ministero. “Ha gravemente offuscato la reputazione e l’immagine delle organizzazioni dei media cinesi, ha gravemente compromesso il loro normale funzionamento negli Stati Uniti e interrotto gravemente gli scambi interpersonali e culturali tra i due paesi.”

Il ministero ha affermato che gli Stati Uniti “hanno denunciato l’ipocrisia dell’avvocato autoproclamato della libertà di stampa” e hanno esortato Washington a “cambiare immediatamente rotta, annullare il danno e fermare la sua oppressione politica e le restrizioni arbitrarie alle organizzazioni dei media cinesi”

Il ministero ha avvertito di ulteriori contromisure se gli Stati Uniti “decidessero di proseguire sulla strada sbagliata”.

Pompeo, parlando durante una conferenza stampa martedì, ha affrontato la mossa della Cina, dicendo “Mi rammarico per la decisione della Cina di precludere ulteriormente la capacità del mondo di condurre operazioni di stampa gratuite.”

“Francamente, sarebbe davvero buono per il popolo cinese, davvero buono per il popolo cinese in questi tempi globali incredibilmente difficili in cui più informazioni, più trasparenza sono ciò che salverà la vita.”

Amanda Macias della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

Articolo originale di CNBC