martedì 11 maggio 2021

La Cina ha “zero possibilità” di acquisire imprese tecnologiche “vulnerabili” in Europa, poiché l’UE sollecita gli Stati a prendere quote

Il logo Infineon può essere visto su un chip sulla scheda di un kit di microcontrollore durante l’Assemblea Generale Annuale Infineon nel Centro Congressi di il centro espositivo di Monaco. Infineon è considerata una delle principali aziende tecnologiche europee nello spazio dei semiconduttori.

Matthias Balk | alleanza di immagini | Getty Images

L’Europa è stata a lungo un’attrattiva posto per le aziende cinesi che desiderano investire e acquisire – e il recente attacco di debolezza delle scorte, in particolare delle principali società tecnologiche, potrebbe ulteriormente suscitare il loro interesse.

Secondo un analista, alcune delle principali società tecnologiche europee sono “vulnerabili” a causa della crisi del mercato, ma un politico di spicco dell’Unione europea ha invitato i paesi a prendere parte a aziende per fermare le acquisizioni cinesi.

Lo scoppio del coronavirus in Cina, che si è diffuso in tutto il mondo, ha portato a un crollo dei corsi azionari in tutto il mondo. Alcune aziende tecnologiche europee che fanno parte di settori considerati strategici, come le telecomunicazioni o i semiconduttori, hanno subito un colpo quest’anno.

L’Europa è vulnerabile perché il continente è in ritardo rispetto alla Cina e agli Stati Uniti sia nella crescita economica che nell’innovazione.

Neil Campling

Mirabaud Securities

produttore finlandese di apparecchiature di rete Nokia è sceso di oltre il 9,6% da inizio anno. Il suo rivale Ericsson è sceso del 2%. Nel frattempo, le società di chip Infineon e STMicro sono diminuiti 20% e 7,5% rispettivamente.

“Direi che l’Europa è vulnerabile perché il continente è in ritardo rispetto alla Cina e agli Stati Uniti sia nella crescita economica che nell’innovazione”, Neil Campling, responsabile della tecnologia, dei media e delle telecomunicazioni una ricerca presso Mirabaud Securities, ha dichiarato a CNBC.

“La Cina ha da tempo usato una politica di” compralo è più veloce che costruirlo “per ridimensionare rapidamente e sicuramente penserà che le recenti interruzioni e i valori di mercato più bassi potrebbero presentare opportunità”

Acquisizioni cinesi in Europa

Le società cinesi hanno fatto notevoli acquisizioni e investimenti in società tecnologiche europee.

In 2016, gigante della tecnologia cinese Tencent ha acquistato un partecipazione di maggioranza nel produttore finlandese di giochi per cellulari Supercell e Midea, un produttore cinese di apparecchi elettrici, hanno acquistato la società tedesca di robotica Kuka . E l’anno scorso, Ant Financial, l’affiliata della tecnologia finanziaria di Alibaba , ha acquistato Cambio valuta con sede nel Regno Unito WorldFirst .

Ma il controllo sui tentativi di acquisizione cinesi è aumentato di recente, in particolare negli Stati Uniti attraverso il Committee on Foreign Investment negli Stati Uniti o CFIUS.

Ha bloccato le società cinesi che tentano di acquisire aziende americane, in particolare quelle viste in settori tecnologici chiave. Un esempio era in 2018, quando CFIUS ha bloccato l’acquisizione della società americana di test dei semiconduttori Xcerra da parte della cinese Hubei Xinyan.

E a gennaio, CFIUS ha acquisito maggiori poteri per controllare gli affari per le minacce alla sicurezza nazionale.

Quella crescente preoccupazione per le acquisizioni cinesi si sta diffondendo in Europa.

Margrethe Vestager, commissario per la concorrenza dell’Unione Europea (UE), suggerito in un’intervista con il Financial Times pubblicato lunedì, che i paesi dovrebbero prendere in considerazione l’assunzione di partecipazioni in società per respingere la minaccia di un’acquisizione cinese.

“Non abbiamo alcun problema degli stati che agiscono come partecipanti al mercato, se necessario, se forniscono azioni in una società, se vogliono impedire un’acquisizione di questo tipo “, ha detto Vestager.

In questo contesto è in atto la guerra commerciale USA-Cina, che è anche una battaglia per la supremazia tecnologica. Al centro c’è chi dominerà la prossima generazione di tecnologie, come il 5G e l’intelligenza artificiale.

Esistono assolutamente zero possibilità che le grandi aziende … cadano in preda a L’interesse cinese in quanto tutti hanno importanti affari e clienti negli Stati Uniti e ti aspetteresti che gli Stati Uniti blocchino un accordo del genere.

Neil Campling

Mirabaud Securities

Ma l’Europa è stata catturata nel mezzo, in particolare per quanto riguarda il 5G, o nuove reti mobili che promettono velocità dati superveloci e la capacità di sostenere le infrastrutture critiche.

Gli Stati Uniti hanno condotto una campagna per bloccare la Cina Huawei dal maggior numero possibile di mercati sostenendo che si tratta di una minaccia alla sicurezza nazionale perché le sue attrezzature potrebbero essere utilizzate da Pechino per lo spionaggio. Huawei ha ripetutamente negato tali affermazioni. Ma Washington ha spinto nazioni europee come la Germania a non utilizzare gli equipaggiamenti Huawei per il suo lancio sul 5G.

Nel frattempo, gli unici due principali concorrenti di Huawei – Ericsson e Nokia – sono europei.

Con le parole forti di Vestager, l’Europa è rischia di essere più critico nei confronti di qualsiasi tentativo da parte delle aziende cinesi di acquisire società tecnologiche chiave nel continente.

“L’Europa sarà molto cauta nel consentire alla Cina di avanzare ulteriormente e cercherà di rallentare i propri progressi”, ha detto Campling. “L’Europa è su di loro adesso, proprio come negli Stati Uniti negli ultimi due anni. Non c’è assolutamente nessuna possibilità che le grandi aziende … cadano in preda all’interesse cinese in quanto tutte hanno importanti affari e clienti negli Stati Uniti e ti aspetteresti dagli Stati Uniti per bloccare un simile accordo. “

” E ora è probabile che anche piccoli affari debbano affrontare ostacoli data questa ideologia più aggressiva che Vestager sembra prendere “, ha aggiunto.

Articolo originale di CNBC