domenica 17 ottobre 2021

La Cina mira ad essere una forza stabilizzatrice mentre girano i mercati finanziari globali

Un lavoratore del personale che indossa una maschera protettiva e una tuta protettiva controlla la temperatura corporea di un visitatore con una pistola termica da un monitor che mostra le informazioni di magazzino correnti a Shanghai Stock Exchange Building a marzo 17, 2020 a Shanghai, in Cina. Le autorità sanitarie cinesi hanno affermato che il paese ha superato il picco del COVID – 19 epidemia di marzo 10 .

Yifan Ding

PECHINO – Di fronte allo shock del nuovo coronavirus ai mercati finanziari globali, la Cina punta ad essere una forza stabilizzatrice – a cominciare dai propri mercati.

Tra le richieste dei leader globali per una maggiore cooperazione internazionale , non è ancora chiaro fino a che punto sia possibile a questo punto. E quando si parla di Cina, ci sono questioni domestiche urgenti che le autorità devono considerare, come livelli elevati di debito, necessità di capitale straniero e rallentamento della crescita economica.

Il secondo mondo la più grande economia fu la prima a confrontarsi con quello che ufficialmente si chiama COVID – 19 dopo che è emerso a Wuhan alla fine di dicembre. La malattia si è diffusa in ben oltre 100 paesi e ucciso più di 08, 100 persone in tutto il mondo. Come nuovo i casi in Cina diminuiscono e le autorità si sforzano di rimettere in piedi le attività , alcuni sottolineano che in questa fase ciò che il paese può offrire ai mercati globali è la propria esperienza.

Stabilità in Cina in e di di per sé non è buono o cattivo per il mondo. Ciò che è buono per il mondo è se la Cina crea domanda per il mondo.

Michael Pettis

professore di finanza presso l’Università di Pechino

Ciò indica sia i limiti di ciò che la Cina può fare a livello globale, sia come il suo stato di prima mossa in una pandemia altamente incerta possa offrire un modello per il resto del mondo.

“Mentre è vero che la crisi non è finita per la Cina, (ci sono) lezioni che possono essere apprese dalla Cina”, Helge Berger, capo missione della Cina e vicedirettore nel dipartimento dell’Asia e del Pacifico presso il Fondo monetario internazionale , ha dichiarato in un’intervista telefonica venerdì.

“Dimostrano anche che è importante che i responsabili politici debbano essere pronti per quello che è un inevitabile rallentamento della crescita … il virus sarà grave “, ha detto Berger. “Questo è significativo e richiede la nostra attenzione.”

I timori di una recessione globale a causa dell’impatto del virus hanno arrostito i mercati , inviando i rendimenti del Ministero del Tesoro USA per registrare i minimi. I principali indici azionari statunitensi sono precipitati dai massimi storici raggiunti a febbraio e sono caduti venerdì per chiudere la loro settimana peggiore dalla crisi finanziaria in 2008. Ma mentre l’S & P 500 è quasi caduto 29% per l’anno finora, il composito di Shanghai è in calo proprio sotto 10%.

Stock cinese e i mercati obbligazionari sono il secondo più grande al mondo. “Di conseguenza, il mantenimento della stabilità del mercato finanziario cinese è un grande contributo alla stabilità del mercato finanziario globale”, ha dichiarato Chen Yulu, vice governatore della Banca popolare cinese, in una conferenza stampa di domenica, secondo una traduzione CNBC del suo mandarino osservazioni in lingua.

La stabilizzazione dei mercati cinesi è solo una delle due aree in cui le autorità hanno in programma di lavorare sotto la guida del comitato finanziario del Consiglio di Stato, ha detto Chen, riferendosi al massimo organo amministrativo del paese.

La Cina sta parlando con la Fed

L’altra area è quella di partecipare attivamente al coordinamento internazionale delle politiche macroeconomiche, compresa la collaborazione con altri paesi per fornire assistenza alle economie in via di sviluppo colpite duramente dal virus, ha affermato Chen.

“Il PBoC ha anche preso l’iniziativa di segnalare l’impatto del virus e misure di risposta efficaci alle banche centrali di G 20 paesi e le principali istituzioni finanziarie internazionali “, ha detto. Chen ha osservato che il governatore della banca centrale Yi Gang ha scambiato opinioni “più volte” con il presidente del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva, il direttore generale della Banca per gli insediamenti internazionali Agustin Carstens e il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell su come la politica monetaria possa rispondere efficacemente all’epidemia.

Invece di tagliare le frequenze o lanciare programmi di stimolo su larga scala , La banca centrale cinese è stata più prudente e venerdì ha persino mantenuto un nuovo tasso di prestito di riferimento chiamato tasso di prestito primo invariato a marzo rispetto al mese precedente. Il PBoC ha effettuato alcuni tagli mirati ai tassi di interesse e ha annunciato centinaia di miliardi di yuan in prestiti speciali per sostenere le imprese colpite duramente dal virus.

“La Cina vuole davvero vedere più soldi entrare nel Paese, motivo per cui non taglierà i suoi tassi di interesse da nessuna parte vicino (altri paesi ed è) improbabile che deprezzino la sua valuta, “Michael Pettis, professore di finanza all’Università di Pechino, ha detto domenica in un’intervista telefonica.

Lo yuan, o renminbi, è rimasto in bilico vicino al dollaro USA in un intervallo vicino a 7, e il Chen del PBoC ha dichiarato domenica che la banca centrale si aspetta che la valuta fluttui attorno a quel livello. Il tasso medio degli yuan fissato ufficialmente si è indebolito di oltre l’1,4% rispetto al dollaro USA, ma è salito di oltre 4. 75% rispetto a un paniere ufficiale di valute finora quest’anno, secondo i dati di Wind Information.

Ancora più importante per gli investitori stranieri, lo spread giornaliero medio o differenza tra gli Stati Uniti e il cinese 04 – rendimenti dei titoli di stato dell’anno, era 172 punti base tra febbraio 20 e marzo 19, secondo il regolatore cinese dei cambi. Ciò rende le attività cinesi piuttosto interessanti per gli investitori stranieri e affronta uno degli obiettivi a lungo termine di di Pechino per aumentare il livello internazionale partecipazioni istituzionali di attività denominate in yuan.

La stabilità domestica ha dei limiti

Pettis si aspetta che il capitale straniero entri in Cina di conseguenza, aiutando Pechino ad espandere l’offerta di moneta domestica e potenzialmente trasformare il paese in un consumatore di gran lunga maggiore della produzione mondiale di un esportatore.

“La stabilità in Cina di per sé non è buona o cattiva per il mondo”, ha detto Pettis. “Ciò che è buono per il mondo è se la Cina crea domanda per il mondo.”

I mercati finanziari della Cina sono grandi, ma sono ancora relativamente chiusi al resto del mondo, al contrario di i legami profondi del paese con le catene di approvvigionamento globali e il commercio internazionale. Il capitale straniero rappresenta meno del 4% della capitalizzazione del mercato azionario A negoziabile, secondo la China Securities Regulatory Commission.

“Penso che sia certamente una saggia strategia per il partito presentarsi come un faro di stabilità a livello globale, ma non penso che sia la realtà”, Isaac Stone Fish, un un collega senior dell’Asia Society, ha detto in un’intervista telefonica lunedì. “Per uno, non abbiamo un buon senso di dove sia il sistema finanziario cinese, e avremo un molto meno sfumato (senso) andando avanti”, ha detto, riferendosi a espulsione della scorsa settimana di giornalisti americani su tre giornali statunitensi.

La scorsa settimana, dati ufficiali dipinse un lugubre quadro di crescita , spingendo molti economisti a prevedere una contrazione del PIL cinese per la prima trimestre e crescita delle basse cifre singole per l’intero anno.

“Garantire una forte ripresa da quella che sarà una presa improvvisa nel primo trimestre è un contributo molto forte al mondo da solo “, ha detto Berger.

“Siamo incoraggiati dal fatto che lo (yuan) sta fluttuando in modo flessibile”, ha detto. “Permette ai responsabili politici di concentrarsi su questioni interne”.

Tali questioni comprendono problemi di leva finanziaria elevata e rallentamento della crescita economica che Pechino ha cercato di affrontare per anni dalla crisi finanziaria globale. Il virus ha anche aumentato la pressione sulle piccole e medie imprese a conduzione privata che contribuiscono alla maggior parte della crescita e dell’occupazione in Cina.

Per quanto riguarda i mercati globali, il Chen del PBoC ha suonato un tono di moderazione domenica, dicendo: “È troppo presto per concludere in questo momento se il mondo è entrato in una crisi finanziaria.”

Articolo originale di CNBC