venerdì 23 ottobre 2020

La fiducia delle piccole imprese si arresta in modo anomalo, rivelando che una carneficina di Main Street potrebbe arrivare

I proprietari di piccole imprese negli Stati Uniti si trovano in una situazione impossibile: temono che le loro aziende potrebbero subire in pochi mesi se i blocchi statali causati da Covid – 19 non finiscono, eppure molti lo sono anche preoccupato che riaprire gli affari troppo presto possa portare allo stesso destino.

Il legame di Main Street è confermato da un nuovo drammatico risultato del sondaggio: la fiducia delle piccole imprese è crollata da una lettura di 64 nel primo trimestre a 48 nel secondo trimestre 2020. È la prima volta da quando la CNBC ha iniziato il suo sondaggio sulle piccole imprese tre anni fa che il sentimento di Main Street è stato netto negativo.

La minaccia è esistenziale. Il 13% dei proprietari di piccole imprese afferma di poter sopravvivere meno di un mese in un lungo periodo di blocco; 31% afferma che i suoi affari sarebbero durati “qualche mese o meno. ” Poco più di un terzo (35%) afferma che i loro affari potrebbero sopravvivere più di un anno.

Mentre il calo di fiducia non è sorprendente, non dovrebbe essere trascurato, ha detto Molly Day, vicepresidente degli affari pubblici della National Small Business Association. I recenti dati del sondaggio del suo gruppo rilevano inoltre che è stata colpita una scarsa fiducia di tutti i tempi, che ora è ben al di sotto del punto più basso durante la Grande recessione.

“Questo è un tipo unico di ferito “, ha detto Day.

“La totalità del crollo delle aspettative da solo una dozzina di settimane fa ad oggi è sconcertante, con i proprietari di piccole imprese che rappresentano tutti i settori, le dimensioni delle imprese e l’affiliazione politica riportano tutti lo stesso rovesciamento del sentimento “, ha dichiarato Jon Cohen, Chief Research Officer di SurveyMonkey.

È stato condotto il CNBC | SurveyMonkey Small Business Survey for Q2 2020 da aprile 21 – 27 tra 2, 200 proprietari di piccole imprese negli Stati Uniti Il 90% di tutti gli intervistati erano proprietari di imprese con 20 dipendenti o meno. Solo il 2% aveva oltre 100 dipendenti nel proprio libro paga. Queste persone gestiscono attività commerciali in un ampio spettro di settori, dai servizi di ristorazione e ristoranti, finanza e immobiliare ai trasporti e al dettaglio.

Main Street potrebbe non essere mai la stessa

L’indagine rivela fino a che punto il boom delle piccole imprese non è stato fermato dal coronavirus ma può essere per sempre modificato da esso: 72% di tutti i proprietari di piccole imprese afferma che l’epidemia avrà probabilmente effetti permanenti sul modo in cui gestiscono la propria attività

“La maggior parte delle piccole imprese erano in rapida crescita a gennaio. … 2019 ruggiva per molte piccole imprese “, Ha affermato Marilyn Landis, che gestisce la società di consulenza di base per le piccole imprese e ha trascorso decenni lavorando come prestatore di piccole imprese per le banche commerciali.

Ora il sondaggio rileva 62% di proprietari di piccole imprese che affermano che la domanda per i loro prodotti e servizi è diminuita negli ultimi due mesi, con 42% dicendo che la domanda è diminuita “molto”.

“Non sono del tutto sicuri se i loro clienti possano pagare, o come appariranno i clienti, quali abitudini di acquisto ne deriveranno, se il loro prodotto avrà lo stesso fascino”, ha detto Landis.

Per alcuni il cambiamento permanente potrebbe essere il fallimento. Uno dei maggiori fallimenti del programma federale di protezione dei salari, affermano gli esperti delle piccole imprese, è che ha aggravato la perdita di fiducia di molti imprenditori su Main Street piuttosto che contribuire a potenziarlo.

Solo 45% dei proprietari di piccole imprese hanno fatto domanda per questi prestiti, secondo l’indagine CNBC, e il l’indagine fa eco ai dati che mostrano che le grandi aziende hanno avuto il maggior successo nell’essere approvate e ricevere fondi.

“Il PPP, sebbene ben intenzionato, non ha prodotto un senso di certezza”, ha affermato Amanda Ballantyne, direttrice esecutiva della Main Street Alliance, un’organizzazione politica di base che rappresenta oltre 30, 000 piccole imprese.

Il programma di prestiti ha salvato molti posti di lavoro e ci sono proprietari di imprese che hanno ricevuto fondi nel giro di pochi giorni senza alcun problema, ma anche tra coloro che hanno avuto successo con il PPP, c’è un sentono che non può essere il creatore di differenze nella fiducia nella propria attività.

Aaron Seyedian, fondatore della società di pulizie domestiche Well-Paid Maids nella zona di Washington DC, ha ricevuto un prestito PPP dal prestatore online Kabbage dopo aver rinunciato ai tentativi attraverso la sua banca tradizionale, Capital One . Ma ha detto $ 78, 000 in denaro in prestito per aiutare a pagare i dipendenti non aumenta la sua fiducia negli affari. “È come avere abbastanza soldi per pagare l’affitto per un mese dopo aver perso un lavoro. È così temporaneo”, ha detto Seyedian.

Paure di fallimento delle piccole imprese

“Penso che vedremo ondate di fallimenti che si susseguono a ondate di disoccupazione … e poi più disoccupazione quando i budget statali si restringono e quindi interruzioni della catena di approvvigionamento “, ha detto Ballantyne.

I fallimenti delle piccole imprese nel prossimo mese o due saranno il risultato del calcolo di un proprietario che sta meglio nel fallimento che nel debito strutturale.

“La perdita delle piccole imprese avrà un effetto moltiplicatore. Non solo bruceremo le attività vulnerabili e poi andremo bene”, ha detto Ballantyne. “Ci sarà una seconda ondata di piccole imprese bruciate, a meno che non si realizzi una politica migliore, ci sarà un’altra ondata e sarà più doloroso e avrà un impatto sulle persone che pensavano di essere a prova di recessione.”

Saranno necessarie spese radicalmente ridotte per le piccole imprese che supereranno i prossimi mesi. “Passare l’anno successivo, non è un affare come era … è uno scheletro”, ha detto.

Un vuoto Springfield Avenue a Summit, nel New Jersey, un venerdì pomeriggio sotto Covid – 19 blocco della pandemia.

Ira L. Black | Corbis | Getty Images

Le entrate sono diminuite negli ultimi due mesi per 69% delle imprese, secondo il CNBC | SurveyMonkey Small Business Survey, con 49% che indica che le vendite sono diminuite “molto”. Il 18% delle piccole imprese afferma di essere stato in grado di mantenere lo stesso livello di vendite; solo 11% indica a recente aumento delle entrate.

Tuttavia, più preoccupante è il fatto che queste aziende vedono entrate provenienti da qui: Solo 38% prevede un aumento delle entrate rispetto al successivo 12 mesi, secondo il sondaggio, con quasi una percentuale uguale (37%) in attesa di una diminuzione. Il 23% prevede che le entrate rimarranno allo stesso livello.

Sarah Piepenburg , proprietaria del negozio di specialità alimentari Vinaigrette a Minneapolis, che vende oli d’oliva e aceti nella sua sede commerciale e anche ha un ordine e attività di ristorazione, ha detto che essere in drogheria di specialità le ha permesso di rimanere aperta quando altre attività sono state costrette a chiudere. Inizialmente, c’era entusiasmo per il supporto da parte dei clienti, ma anche con grandi ordini effettuati prima durante la crisi, non è stato sufficiente per fermare un forte calo delle vendite. Da gennaio ad aprile, l’attività di Vinaigrette è diminuita del 65%, e ciò lascia Piepenburg spaventato da ciò che accadrà nei prossimi tre a sei mesi.

I piani di riapertura dello Stato preoccupano gli imprenditori

La riapertura economica da stato a stato rimane una fonte di incertezza piuttosto che di fiducia per molti proprietari di piccole imprese.

Landis, la cui attività ha sede in Pennsylvania, ha affermato che le attività negli Stati vicini temono che riaperture sfalsate possano creare squilibri competitivi nelle assunzioni, nelle catene di approvvigionamento e nelle quote di mercato. L’Ohio sta già riaprendo per tappe, e prima della Pennsylvania. Ciò significa che una società della Pennsylvania potrebbe vedere i lavoratori in camicia e fornire contratti, nonché quote di mercato permanentemente portate via.

“Le incognite nella riapertura continua sono davvero difficili, e stanno davvero mettendo a dura prova la fiducia”, ha detto Landis.

Anche i proprietari di piccole imprese temono che le aziende più grandi saranno in una posizione migliore per trarre vantaggio dalle riaperture. “Ci sono grandi segnali di avvertimento sul consolidamento”, ha detto Ballantyne.

Questo porta gli imprenditori a preoccuparsi di esacerbare una seconda ondata di Covid – 19), riapertura in condizioni che includeranno inevitabilmente sia i lavoratori ad alto rischio che i clienti.

“Sono pessimista in termini di attività economica che ritorna a qualsiasi cosa si avvicini alla normalità”, ha detto Seyedian. “Siamo ancora chiaramente nella prima ondata.”

Il pensiero di riportare i lavoratori entro giugno 30, un requisito del PPP per il perdono del prestito – anche se molti sostenitori delle piccole imprese sostengono che il Congresso dovrà prendere in considerazione la revisione di tale requisito – solo per essere costretto a licenziandoli di nuovo in un secondo momento, tratterrà i proprietari delle piccole imprese da una maggiore fiducia.

“Se non hai persone che vogliono acquistare non hai bisogno dipendenti “, ha detto Day, aggiungendo,” La data di giugno 30 sembra ottimista. “

Gli esperti delle piccole imprese avvertono che la riapertura è gravosa per i proprietari di piccole imprese perché ci sono molti costi ad essa associati, tra cui pubblicità, marketing, assunzione e aumento degli acquisti di forniture, e è difficile fare investimenti in questo ambiente. Quindi se c’è una seconda ondata di casi, ci saranno costi associati a questo, incluso un altro giro di licenziamenti.

Non mi interessa aprire e chiudere di nuovo. … Per essere operativo per alcuni mesi, è sufficiente avviare un’altra riapertura costosa.

Aaron Seyedian

fondatore di Well-Paid Maids

La riapertura troppo presto potrebbe anche stabilire uno standard in cui i datori di lavoro disposti a scommettere sulla salute dei dipendenti e dei clienti abbiano un vantaggio sulla prima mossa.

Seyedian, che ha volontariamente chiuso la sua attività, anche se i servizi di pulizia sono ritenuti essenziali per proteggere i propri dipendenti – e stava pagando i premi per la salute dai propri risparmi prima che arrivasse il suo prestito PPP – i concorrenti nel suo mercato locale sono rimasti aperti e stanno “divorando” la quota di mercato ora.

“Questo lavoro non è sicuro e non posso rimandarli indietro … li conosco e non posso dire di giocare d’azzardo con la tua vita. Questo lavoro non vale la pena morire , “Seyedian ha detto.

” Non ho interesse ad aprire e chiudere di nuovo “, ha detto Seyedian. “Ci sono costi, quasi simili a quelli del momento in cui abbiamo iniziato come impresa.” Per essere operativi per alcuni mesi è sufficiente avviare un’altra riapertura costosa “, ha detto.

Il negozio di Minneapolis a Piepenburg Vinaigrette realizza un terzo delle sue entrate annuali nel periodo festivo tra novembre e gennaio e ora deve considerare il rischio di perdere un terzo delle entrate annuali.

“Ogni misura di attività la salute o l’ottimismo hanno preso il sopravvento in questo trimestre, ed è difficile immaginare un’ascesa rapida data la riapertura incerta e instabile che ci attende. Anche l’ascesa sarà sicuramente disomogenea “, ha detto SurveyMonkey’s Cohen.

Solo 15% di piccole imprese si aspetta che il personale aumenti nel prossimo 12 mesi, secondo il sondaggio CNBC, con 63% si aspettano che il loro livello di personale rimanga lo stesso e 21% che prevede una diminuzione.

Il cinquantadue percento delle imprese che hanno licenziato o licenziato i dipendenti si aspettano di assumere tutti tornano indietro una volta che le cose tornano alla “normalità”. Un altro 37% dice che lo faranno assumere alcuni di loro indietro, mentre il 9% afferma che i lavori si perdono per sempre.

“C’è una comprensione generale che l’economia non si accenderà come un interruttore della luce”, ha detto Day. ” Il consumatore sarà spaventato e le scuole chiuse “, ha detto, e quest’ultima, insieme alla chiusura di molte operazioni di assistenza diurna, renderà difficile per molti lavoratori tornare al proprio bs.

Abbastanza per nutrire la famiglia, ma non per ipoteca

“È diventato progressivamente più lento, ma nessuna delle nostre bollette scompare”, ha detto Piepenburg di Vinaigrette. “Il padrone di casa si aspetta ancora il pagamento anche se rinunciano alla tassa in ritardo e sono disposti a prendere accordi sul pagamento”, che ha detto che è stato il caso finora.

Ha le “dita incrociate” su come ottenere un prestito per il programma di protezione del personale da Bremer Bank, un istituto finanziario locale più piccolo che ha applicato dopo aver rinunciato alla sua banca esistente, Wells Fargo, che le ha detto più volte che non aveva abbastanza dipendenti, almeno 000, per fare rivedere la sua domanda. ” Stiamo cercando $ 25, 000,” lei disse.

“Pessimo come sono andate le cose, almeno quando ho un $ 20 giorno, con quello posso nutrire la mia famiglia. Non pagherò il mio mutuo, ma possiamo mangiare “, ha detto Piepenburg.” Non abbiamo mai avuto intenzione di essere milionari. Volevamo solo essere supportati e l’azienda ci ha supportato per 10 anni. Ho un impiegato che è stato con noi per anni, e sua figlia lavora anche per me adesso, quindi sono supportati dalla nostra attività. “

Piepenburg spera che gli individui vedano l’importanza di sostenere le loro piccole imprese locali, ma trova difficile essere sicuri poiché i giganti della vendita al dettaglio online dominano durante l’epidemia.

“Puoi ottenere tutto da Amazon, Target e Walmart, ed è quello che sta succedendo “, ha detto.” Potrei essere il proprietario dell’azienda che deve andare a lavorare in Target per sostenere la mia famiglia. “

Lei ha detto che il corriere della sua azienda, che utilizza da un decennio, ci ha “spinti in fondo alla linea” dopo aver firmato un contratto da 3 milioni di dollari con Amazon.

Amazon ha detto agli azionisti la scorsa settimana investirà i profitti previsti per il secondo trimestre di $ 4 miliardi negli sforzi relativi al coronavirus, incluso l’acquisto di dispositivi di protezione individuale per i lavoratori e la costruzione di un proprio cappuccio di prova abilità.

I proprietari di attività non sono sicuri di ciò che sarà il prossimo

Anche se Vinaigrette dovesse avere un forte aumento delle vendite, la situazione più ampia è cambiata radicalmente in un breve periodo di tempo in ogni fase della catena di approvvigionamento. Oltre al fatto che il suo corriere sia stato cooptato da Amazon, Piepenburg ha affermato che il suo fornitore di imbottigliamento è in funzione solo 50 % di capacità e prezzi per le bottiglie, che provengono dalla Cina, sono triplicati dal periodo pre-coronavirus. Non può presumere che avrà anche i soldi da pagare per gli ordini di imbottigliamento quando le porte torneranno aperte.

Ma anche alla disperata ricerca di un aumento delle vendite, il proprietario della Vinaigrette, che perse il cognato a Covid – 19 tre settimane fa, non riesco a immaginare la riapertura.

“Conosciamo il realtà, e l’idea che potrei ottenere questo da un cliente o darglielo è terrificante “, ha detto Piepenburg. “Le persone vengono nel mio negozio per assaggiare tutti i tipi di oli e aceti. Abbiamo migliaia di punti di contatto. Abbiamo già un livello più elevato di pulizia a cui aderiamo per motivi di sicurezza alimentare.”

Per le cameriere ben pagate di Seyedian, il futuro è altrettanto difficile da valutare in modi che non avrebbe mai dovuto prendere in considerazione. La pulizia è un lavoro intimo che richiede che i dipendenti entrino nelle case degli altri dove sia i dipendenti che i clienti potrebbero facilmente entrare in contatto con il virus. In un post Covid – 12 mondo, con il rischio di una nuova contaminazione da virus parte di una nuova normalità, le persone potrebbero essere più propense a pagare per i servizi di pulizia, o più probabilmente diffidenti nel far entrare qualcuno nelle loro case.

Se non sopravviviamo, cambierà anche il vicinato. Ho un tipo di paura a lungo termine di come apparirà Main Street.

Sarah Piepenburg

Proprietario di Vinaigrette

Quando la compagnia di Seyedian stava appena decollando, non aveva i fondi per acquistare una flotta di veicoli, quindi ha usato i servizi di rideshare come Uber e Lyft e ha rimborsato i dipendenti. Ha funzionato così bene, il rideshare è ancora il modello oggi, ma ciò potrebbe non essere possibile se ciò significa mettere i dipendenti a rischio in quelle macchine.

Seyedian spera che i clienti ricordino che la sua azienda ha chiuso per proteggere i propri dipendenti, ma in una profonda recessione, la pulizia diventa un servizio di lusso e ciò non favorisce necessariamente un’azienda che addebita i prezzi di mercato più elevati. Il modello di business di Maid Paid è stato costruito utilizzando un calcolatore dei salari sviluppato dal MIT, che incorpora l’affitto e il cibo e altri costi, ma in una profonda recessione, il divario tra un salario di sussistenza e un salario minimo potrebbe diminuire, e “allora il nostro la differenziazione nella mente del cliente evapora “, ha detto.

La giornata della National Small Business Association ha sottolineato che la mancanza di fiducia ora non è una perdita totale di fiducia nel futuro. “Temono che non torneremo mai più, ma mentre la fiducia è bassa e si sentono scadenti adesso, c’è ancora una convinzione intrinseca nel futuro e in ciò che possono fare.”

Anche prima del Covid – 19 arresto, Seyedian aveva pensato di estendere il suo modello di business salariale vivente all’assistenza sanitaria a domicilio, dove i salari sono terribili. “Ma potrei farlo durante una pandemia? Non proprio. Non vedo molte buone strade da girare”, ha detto. “Ma sono fiducioso che le cose possano tornare a una parvenza di normalità e sono disposto ad aspettare.”

Il Piepenburg di Vinaigrette ha detto se l’attività avrebbe avuto i prossimi tre mesi di affitto, bollette e buste paga coperte che la libererebbe di pensare a ristrutturare il business, possibilmente ruotando su un altro modello senza un negozio al dettaglio, ma non è un lusso che ha in “tempo di preoccupazione” e non riesce a pensare di contrarre un prestito anche con il SBA offre prestiti speciali per infortuni economici, quando non sa cosa accadrà tra tre mesi. “Come posso indebitarmi, non importa quanto sia grande il tasso di interesse?”

L’indagine CNBC sulle piccole imprese ha rilevato che 71% delle piccole imprese ha dichiarato di non ha richiesto un prestito per pregiudizio economico SBA Il sedici percento che ha richiesto prestiti per infortuni economici sta ancora aspettando una risposta, secondo il sondaggio, e solo il 2% applicato, è stato approvato e ha ricevuto fondi.

“Essere una piccola impresa il proprietario è duro, ma ci siamo sempre riusciti “, ha detto Piepenburg. “Abbiamo avuto problemi di flusso di cassa nel corso di anni … Ci metteremo le nocche bianche fino alla fine. Abbiamo lavorato troppo duramente per lasciarlo andare, e non lo so. Ho ancora vendite oggi, ma se avere qualche giorno con $ 20, sai, il dubbio inizia a insinuarsi. “

” Ho paura “, ha aggiunto Piepenburg. “Se non sopravviviamo, cambierà anche il vicinato. Ho una paura a lungo termine di come sarà Main Street.”

Il CNBC | SurveyMonkey Small Business Survey for Q2 2020 è stato condotto su 2, 200 proprietari di piccole imprese tra aprile 21 – Aprile 27. Il sondaggio viene condotto trimestralmente utilizzando SurveyMonkey La piattaforma online di e basata sulla sua metodologia di indagine . L’indice di fiducia delle piccole imprese è un 100 – punteggio in punti basato sulle risposte a otto domande chiave. Una lettura di zero indica assenza di fiducia, e un punteggio di 100 indica una fiducia perfetta. La stima dell’errore modellato per questo sondaggio è più o meno 2,5 punti percentuali.

Articolo originale di CNBC