giovedì 05 agosto 2021

La lira turca tende al minimo storico dopo che i regolatori si sono mossi per fermare la speculazione valutaria

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (C) fa un gesto mentre pronuncia un discorso sul palco, con sullo sfondo le banconote della Lira turca, durante l’incontro annuale di valutazione dell’anno 2019. Ankara, gennaio 16, 2020 .

ADEM ALTAN | AFP

La valuta turca è precipitata al suo livello più basso nella storia giovedì, con il dollaro USA in rialzo contro la lira a un livello non visto in quasi due anni dopo che il regolatore bancario del paese si è mosso per limitare l’accesso degli investitori stranieri alle transazioni denominate in lira.

La valuta è stata sottoposta a crescenti pressioni tra l’inflazione in aumento, la crescente disoccupazione e la crescita lenta – e ora il maggior numero di casi di coronavirus nella regione del Medio Oriente. La banca centrale turca ha prelevato milioni di dollari dalle sue riserve di valuta estera per acquistare lira e sostenerla contro il dollaro, e alla fine di martedì il suo regolatore bancario ha annunciato nuove restrizioni sugli stranieri che effettuano transazioni denominate in lira nel tentativo di prevenire speculazioni e -vendita.

La mossa è fallita: la lira è calata nei due giorni seguenti, con il dollaro di giovedì che ha guadagnato lo 0,6% e ne ha acquistato momentaneamente 7. 49 lira durante le ore di trading mattutine di Londra – superando il minimo precedente della valuta, quando ha toccato un fondo intraday di 7. 236 al dollaro al culmine della sua crisi valutaria di agosto 2018.

Per riferimento, questa volta due anni fa, un dollaro ha acquistato circa 4 lire.

“Sembra solo una questione di tempo prima di andare oltre 7. 2500 e oltre,” Brad Betchel , capo globale di FX presso Jefferies LLC, aveva detto mercoledì in una nota dell’analista. “I funzionari assumono una faccia fiduciosa quando si rivolgono ai mercati, ma il mercato sta iniziando a pensare che l’imperatore non abbia vestiti.”

L’economia turca era già sotto pressione prima che il coronavirus colpisse. Ora, dopo quasi due anni di indebolimento della valuta, debito elevato e riserve estere a rapida scomparsa, il paese di 82 milioni è in un posto particolarmente brutto per resistere a una pandemia. Il suo tasso di disoccupazione era già quasi 14% a gennaio, prima che l’economia avvertisse l’impatto del coronavirus, e la sua enorme industria del turismo è in procinto di essere decimata per il prossimo futuro.

La Turchia ha riferito 129, 491 casi di coronavirus e 3 morti 520 a partire da mercoledì, colpendo quello che sembrava essere un picco di oltre 4, 000 nuovi casi al giorno fino a metà aprile prima che i casi quotidiani iniziassero a cono, ora a un livello di poco più di 2, 000 al giorno.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a metà aprile ha respinto vocalmente qualsiasi suggerimento di ottenere aiuto dal Fondo monetario internazionale, una decisione che un analista senior dei mercati emergenti ha chiamato “idiota” in un momento in cui gli economisti affermano che la Turchia non dispone delle risorse economiche e fiscali necessarie per resistere a tale recessione. Erdogan ha ripetutamente denunciato i critici e ha affermato che l’economia turca è resistente.

Il potenziale salvataggio della Fed è tutt’altro che certo

La mancanza di fiducia degli investitori nella lira deriva anche dall’incertezza sull’altra sua possibile linea di vita: linee di cambio del dollaro dalla Federal Reserve americana. Questo sembra improbabile finora; la Fed ha offerto accordi sulla linea di swap in dollari a diversi paesi a marzo, tra cui Messico e Brasile, e la Turchia non era tra questi.

Le persone indossano maschere mentre camminano lungo il viale Istiklal ad aprile 14, 2020 a Istanbul il giorno dopo che il presidente turco aveva ordinato un nuovo blocco il prossimo fine settimana, avvertendo che la mossa sarebbe stata imposta il tempo necessario per fermare la diffusione del COVID – 19 malattia causata dal nuovo coronavirus.

Ozan KOSE | AFP | Getty Images

“La Fed rimane riluttante a soddisfare la richiesta della Turchia di linee di swap in dollari a causa dell’elevato livello di politicizzazione della banca centrale turca “, ha detto a CNBC Agathe Demarais, direttore delle previsioni globali dell’Economist Intelligence Unit. Negli ultimi anni, la banca centrale turca è diventata sempre più sotto il controllo di Erdogan, rimandando gli investitori e minando la fiducia nell’indipendenza delle autorità monetarie del paese.

“La lira continuerà a indebolirsi finché gli investitori metteranno in dubbio la credibilità della banca centrale e la sua capacità di difendere la valuta”, ha dichiarato Demarais.

L’EIU prevede una recessione per l’intero anno in Turchia, il cui “grande settore turistico crollerà, il che alimenterà la pressione sui deficit gemelli e sulla lira già fragile” che a sua volta alimenterà l’inflazione, il gruppo ha avvertito nel mese di aprile.

È probabile che la lira continui a spargere valore ai nuovi minimi record, avvertono gli analisti.

“Quest’anno si possono prevedere cali più ripidi nel valore della lira man mano che l’espansione del credito continua, il disavanzo delle partite correnti si allarga e la banca centrale rimane incapace di ripristinare la sua credibilità verso investitori stranieri “, ha detto Demarais.

Articolo originale di CNBC