Entra in contatto con noi

Mercati americani

La narrativa S&P 500 2023 si sposta verso tassi più bassi e una recessione

Pubblicato

il

Torsten Asmus

2023 I due racconti di mercato di gennaio

a) I riccioli d’oro, L’inflazione ha raggiunto il picco narrativo e

Delos Gioielli
Delos Gioielli

b) La narrativa della recessione imminente

I riccioli d’oro, l’inflazione ha raggiunto il picco Rally

L’anno è iniziato con la narrativa “L’inflazione ha raggiunto il picco”, come evidenziato da un po’ Riccioli d’oro rapporti sull’occupazione con una crescita decente dei nuovi posti di lavoro, ma soprattutto un moderato aumento dei salari, rapporti favorevoli sull’IPC e sull’IPP e aspettative di inflazione inferiori dal sondaggio sui consumatori della Fed di New York e dal sondaggio sui consumatori dell’Università del Michigan.

Tutto ciò ha portato a un calo dei Treasury a 10 anni dal 3,745% al ​​3,337%, prima di risalire al 3,405% venerdì 21 gennaio.

Advertisement

Il rapporto sui lavori di Riccioli d’oro

Il 6 gennaio 2023 dicembre 2022, Buste paga non agricole è arrivato con una stampa di 223.000 nuovi posti di lavoro netti, che è stato il più piccolo guadagno in circa due anni. Ancora più importante, i guadagni orari sono aumentati solo il 4,6%, su base annua: l’aumento più basso dalla metà del 2021 e sostanzialmente al di sotto del picco di marzo 2022 del 5,6%

Aspettative di inflazione più basse Indagine sui consumatori dell’Università del Michigan positivo anche per i mercati con un aumento dell’indice del sentimento dei consumatori a 64,6, l’8% in più rispetto al 59,7 di dicembre. Era molto avanti sulle stime di 60,4. Fondamentalmente, le aspettative di inflazione annuale sono ora scese a solo il 4% dal 4,4% di dicembre. Anche questa è stata la lettura più bassa dall’aprile 2021.

Letture piuttosto benigne di CPI e PPI Il 12 gennaio, il rapporto CPI di dicembre ha anche mostrato che l’inflazione principale si stava moderando con un piccolo calo dello 0,1% rispetto a novembre e un aumento dello 0,3% dell’inflazione core. Niente di entusiasmante, ma rassicurante per i mercati, che hanno registrato un picco mensile di rialzo dell’1,3% a luglio dello scorso anno.

Advertisement

La causa principale del calo è stata un massiccio calo dell’indice della benzina, che è sceso del 9% da novembre e dell’1,5% su base annua. L’aumento annuo è stato del 7,3%, tuttavia anche quello è stato considerato positivo perché è stato l’aumento annuale più piccolo da febbraio 2021.

Tuttavia, il rifugio è stato il valore anomalo con un aumento mensile dello 0,8%. Sta ancora mostrando gli effetti ritardati del massiccio boom immobiliare pandemico. A meno che non ci siano cali significativi nell’indice di protezione, i federali potrebbero pensare che sarebbe troppo presto per rallentare i rialzi dei tassi. Credo che il calo delle vendite di case esistenti, del 18% su base annua e del 5,1% su base mensile a dicembre e l’aumento annuo più basso di solo il 2,3% dei prezzi medi delle case esistenti suggeriscono che l’inflazione al riparo, anche se ritardata, è in corso. I prezzi sono scesi di mese in mese per sei mesi consecutivi.

In tandem con la lettura dell’IPC, anche l’indice dei prezzi alla produzione ha mostrato un rallentamento dell’inflazione con un calo dello 0,5% a dicembre, che è stato il più grande dall’inizio della pandemia. È importante sottolineare che l’indicatore degli alimenti è sceso dell’1,2% su base mensile, il calo maggiore da dicembre 2020. Prima di iniziare a festeggiare troppo, questo era ancora 6,2% superiore all’anno precedente, ma per fortuna il più debole da marzo 2021.

L’indagine sui consumatori della Fed di New York ha aggiunto altra benzina sul fuoco, con le aspettative di inflazione mediana per l’anno in corso che sono scese al 5% e quelle per i prossimi 3 anni che si sono attestate solo al 3%.

Advertisement

Guardando ogni indicatore economico isolatamente, non c’era davvero molto da festeggiare, ma quando ogni indicatore supera le aspettative ha provocato un solido rally del 5% per l’S&P 500 (SPX) e 9% per il Nasdaq Composite (COMP.IND).

S&P 500 e Nasdaq Composite (Cerco Alfa)

Non sorprende che il Nasdaq Composite, sensibile ai tassi di interesse, abbia battuto facilmente l’S&P 500 dal 9% al 5%.

Anche la riapertura del mercato cinese ha gettato benzina sul fuoco. Quando le autorità cinesi hanno finalmente rinunciato alla tanto disprezzata politica COVID Zero e hanno aperto l’economia, le azioni sono aumentate sperando che la domanda cinese riprendesse finalmente dopo quasi tre anni, aiutando l’economia mondiale e rimuovendo anche i colli di bottiglia della catena di approvvigionamento.

Advertisement

La narrativa della recessione imminente

Approvvigionamento di riserve elevate A gettare le basi per il rally sono stati gli indicatori recessivi, guidati dagli utili delle banche, con i primi quattro, JPMorgan Chase (JPM), Banca d’America (BAC), Citibank (C) e Wells Fargo (WFC) fornito un enorme $ 6,2 miliardi valore delle riserve per prestiti per il quarto trimestre del 2022. JPMorgan da sola ha tenuto da parte 2,6 miliardi di dollari. Non credo che questo sia interamente sandbagging: i banchieri vedono chiaramente i rischi futuri per i mutuatari sottoposti a pressioni sull’inflazione.

Debolezza delle vendite al dettaglio Le vendite al dettaglio sono diminuite dell’1,1% a dicembre, il più grande calo in un anno. Aggiungendo la beffa al danno, il dipartimento del commercio ha rivisto al ribasso il calo di novembre.

Il marciume è stato su tutta la linea: solo tre delle 13 categorie hanno registrato un aumento, con ex automobili e rivenditori al dettaglio non in negozio, ciascuno in forte calo al -1,1%, mentre i servizi di ristorazione e i locali per bere sono diminuiti dello -0,9%.

Crollo della produzione In tandem con le vendite al dettaglio più deboli, secondo i dati della Fed, la produzione industriale è scesa dello 0,7% a dicembre, molto al di sopra del consenso e vicino al fondo della gamma di diversi economisti. Questo è stato il terzo calo mensile consecutivo, a sottolineare quanto l’economia statunitense si sia già indebolita di fronte alle sfide della domanda e ai tassi di interesse più elevati nel 2022. Potremmo già essere in recessione? James Knightley di ING la pensa così

Advertisement

Sulla scia di un rapporto sulle vendite al dettaglio così scadente, [the production plunge] rafforza il messaggio che la recessione è in arrivo e che in effetti potremmo già esserci”, ha affermato.

La debolezza degli alloggi Il calo del 18% nelle vendite di case esistenti e 6 diminuzioni mensili consecutive dei prezzi delle case, sottolineano che la bolla creata dalla domanda di abitazioni e dagli alti prezzi medi delle case durante la pandemia si sta finalmente spezzando e probabilmente trascinerà con sé l’economia.

Il rallentamento dei mercati del lavoro Anche se abbiamo continuato a circa 223.000 nuovi posti di lavoro netti a dicembre, il Wall Street Journal ha riferito che il numero di lavoratori senza lavoro da circa 3½ a 6 mesi è aumentato notevolmente dalla scorsa primavera.

A dicembre, 826.000 lavoratori disoccupati erano senza lavoro da circa 3½ a 6 mesi, rispetto ai 526.000 dell’aprile 2022, secondo il Dipartimento del lavoro. All’inizio di questo mese, il numero di persone in cerca di indennità di disoccupazione in corso, noto come rivendicazioni continueera del 26% superiore ai minimi di mezzo secolo raggiunti la scorsa primavera.

Advertisement

A questa debolezza si aggiunge il gran numero di licenziamenti tecnologici altamente remunerativi, come mostrato nel grafico sottostante. Mi aspetto che questo numero continui ad aumentare man mano che le aziende tecnologiche più gonfie si rendono conto che il rubinetto della crescita è stato chiuso.

Licenziamenti nel settore tecnologico (L’Heisenberg Rapporto)

Un probabile crollo degli utili Secondo FactSet, il L’S&P 500 ora dovrebbe segnalare un calo degli utili anno su anno nel primo trimestre del 2023 e nel secondo trimestre del 2023, gli analisti stanno rivedendo gli utili al ribasso, si aspettano che gli utili S&P 500 del quarto trimestre 2022 diminuiscano del 3,9%. Si aspettano che gli utili continuino a peggiorare ulteriormente nel primo trimestre del 2023 e nel secondo trimestre del 2023, scendendo rispettivamente dello 0,6% e dello 0,7%.

Secondo FactSet, a livello di singolo settore:

Advertisement

A livello di settore, 10 degli 11 settori hanno registrato un calo degli utili stimati per la prima metà del 2023 dal 30 settembre, guidati dai settori dei beni di consumo voluttuari, dei servizi di comunicazione e dei materiali. Complessivamente, si prevede che sei settori riporteranno una diminuzione anno su anno degli utili per il primo trimestre e tre settori riporteranno una diminuzione anno su anno degli utili per il secondo trimestre. I settori dei materiali e dell’assistenza sanitaria sono gli unici due settori previsti per riportare un calo anno su anno degli utili per entrambi i trimestri.

Punti chiave

A mio parere, sulla base dei segnali di cui sopra, i timori di recessione dovrebbero occupare il centro della scena per il 2023.

Credo che l’inflazione abbia raggiunto il picco e penso che un obiettivo di inflazione dal 3,5 al 4% per il 2023 sia realizzabile. L’anno scorso ho scritto che la Fed abbandonerà implicitamente o esplicitamente il suo obiettivo di inflazione del 2%. Lo sostengo. Mohamed-El-Erian certamente la pensa così. È improbabile che inseguire l’inflazione dei salari e mettere le persone senza lavoro sia una strategia della Fed poiché l’economia continua a indebolirsi. E come puoi vedere dai licenziamenti del settore tecnologico, è probabile che sia in corso molta inflazione salariale anche mentre andiamo in stampa. I licenziamenti tecnologici confermano la mia convinzione che sopravvalutare la necessità di abbassare i salari sia inutile e controproducente. Cali diffusi nelle vendite al dettaglio, i crolli della produzione e dell’edilizia abitativa e anche gli utili attesi diminuiscono dovrebbero essere chiari indicatori del fatto che dovremmo essere più preoccupati per una recessione che pensare a ulteriori aumenti dei tassi di interesse per colpire l’economia.

JPMorgan Chase, Citicorp, Bank Of America e Wells Fargo per la maggior parte non stanno facendo sacchi di sabbia, i clienti sono allungati quando pagano aumenti a due cifre per la spesa.

Advertisement

Inseguire l’S&P 500 sullo slancio attuale e esclusivamente sulla base di tassi di interesse più bassi non è una buona strategia. Una recessione ha la sua serie di problemi: pensa alla ripresa senza lavoro dopo il grande crollo finanziario. Confermo la mia stima di guadagni inferiori del 5% su 211 per l’S&P 500 per il 2023.

Oltre alla corsa all’acquisto a causa del calo dei tassi di interesse, credo anche che l’attuale rally possa essere attribuito in parte alla copertura allo scoperto, alle nuove allocazioni dalla liquidità del 2023 e alla FOMO (Fear of Missing Out). A un S&P 500 di quasi 4.000 non credo che i mercati abbiano scontato una recessione.

Ritengo inoltre che un calo dell’inflazione tolga parte del potere di determinazione dei prezzi alle imprese, che si tradurrà in utili più deboli nel 2023.

Fai attenzione a ciò che desideri è un articolo che vale la pena leggere dallo stratega di Morgan Stanley Mike Wilson, che spiega categoricamente perché “Bad News Is Bad News”. I minori ricavi e le liquidazioni dovute a tutti i licenziamenti finiranno per comprimere i margini, il che non fa ben sperare per gli utili societari nel 2023.

Advertisement

Come abbiamo visto dall’IPC, dal sentimento del Michigan, dai libri paga non agricoli e dagli indici dei prezzi alla produzione, le stampe sull’inflazione mese su mese stanno diminuendo rispetto al 2022. Ciò rafforza la tesi del picco dell’inflazione. Ad esempio, gli aumenti mensili dello 0,3% equivalgono al 3,67% annuo. Finché gli aumenti dell’IPC rimarranno costantemente al di sotto dello 0,3% o dello 0,35% al ​​mese, l’inflazione non supererà il 4% su base annua.

Tuttavia, l’inflazione potrebbe rialzare la sua brutta testa se la domanda cinese di petrolio farà salire nuovamente i prezzi del gas. Ricordate, la stragrande maggioranza delle aspettative di inflazione e dei passaggi dei costi sono legati al petrolio.

Non credo che la recessione sarà grave o lunga. I massicci aumenti del Fed Fund nel 2022 da Da 0-0,25% a 4,25% a 4,5% sono stati un evento unico ad alto impatto. Mi aspetto che la Fed aggiunga al massimo 2 aumenti dello 0,5% o lo distribuisca più a lungo con aumenti minori dello 0,25% nella prima metà del 2023. E come ho affermato in questo articolo lo scorso dicembre, la Fed è riuscita a far scoppiare la bolla del mercato azionario, ha abbassato i prezzi e ha iniziato a contenere la bolla immobiliare con le sue azioni. I conseguenti licenziamenti indicano inoltre che la dura medicina sta funzionando. Goldman Sachs è una delle poche che ha effettivamente una stima bassa (solo il 35%) per una recessione nel 2023 – Perché gli Stati Uniti possono evitare una recessione nel 2023. Il loro ragionamento è plausibile, dato uno shock così massiccio, gran parte di esso ha già colpito l’economia, rendendo quindi improbabile che il suo impatto recessivo sia profondo o lungo.

Dall’articolo di Goldman Sachs:

Advertisement

Parte del nostro disaccordo con il consenso deriva dalla nostra visione più ottimistica sulla necessità di una recessione per domare l’inflazione. Riteniamo che un periodo continuato di crescita al di sotto del potenziale possa gradualmente riequilibrare domanda e offerta nel mercato del lavoro e attenuare le pressioni su salari e prezzi con un effetto molto più limitato aumento del tasso di disoccupazione rispetto a quanto suggerirebbero le relazioni storiche. Inoltre, mentre lo scorso anno la Fed ha notevolmente inasprito le condizioni finanziarie, quest’anno è probabile che l’impatto sulla crescita del PIL diminuisca. Come altri modelli macro, la nostra analisi mostra che l’impatto massimo degli aumenti dei tassi sulla crescita del PIL è anticipato. In altre parole, il freno alla crescita del PIL statunitense dovuto alla recente politica aggressiva della Federal Reserve svanirà con l’avanzare del 2023.

Investire nel 2023

I mercati sono tornati indietro dopo aver flirtato con il 200 DMA: questa è la terza resistenza di questo tipo nel mercato ribassista, che ha attraversato un anno.

Dati per Grafici Y Anche se attraversiamo il 200DMA, rimarrò cauto e manterrò ancora circa il 15% in contanti, perché credo che gli utili del primo e del secondo trimestre saranno il vero banco di prova per il mercato – sostengo che possiamo ancora testare i 3.600 S&P livelli di supporto da cui l’S&P 500 è rimbalzato due volte nel 2022.

Ho intenzione di investire di più nella crescita del Nasdaq e nei titoli tecnologici per due motivi.

Advertisement

a) In uno scenario di tassi di interesse più bassi, i multipli dei titoli tecnologici e di crescita aumenteranno. Quando il decennale rimane al 3,4%, ti dà alcuni punti multipli in più o P/E più alti rispetto al massimo del 4,5% dello scorso anno.

b) Ci sono molte più occasioni nel Nasdaq, che è ancora inferiore al suo massimo storico di 16.057 di circa il 30%.

I titoli tecnologici con storie di crescita più secolari hanno più rialzi a lungo termine in uno scenario recessivo, rispetto ai titoli ciclici che avranno maggiori difficoltà con prezzi più bassi e compressione dei margini.

È probabile che ottenga un rapporto qualità-prezzo molto più alto dal Nasdaq e dai titoli tecnologici e anche se alcuni si sono ripresi dai minimi, molti sono del 60-80% al di sotto dei loro massimi storici.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Analisi finanziaria, ricerca, scrittura, gestione del portafoglio Budgeting, pianificazione e strategia Controller, Chief Financial Officer ESPERIENZA 12/2001 – Presente Fountainhead Consulting New York Research Director Responsabilità Scrivere rapporti di ricerca azionaria indipendenti e imparziali Gestire progetti di ricerca, scrivere rapporti strategici sulle dimensioni del mercato Sviluppare processi di ricerca per la compilazione e l’integrazione dei dati Internet Formare gli analisti junior sull’utilizzo e modificare i loro report Consultare i clienti sull’allocazione del capitale per nuovi progetti Gestire i portafogli per i clienti Incarichi di ricerca e progetti Intelligenza competitiva per il settore dei mutui – progetto di sette mesi Intelligenza competitiva per il servizio dei mutui industria – progetto di tre mesi Intelligenza competitiva per il settore delle forniture industriali – progetto di tre mesi Intelligenza competitiva per il settore dell’analisi dei dati e della pubblicità online Profilazione aziendale di società di telecomunicazioni globali per un fornitore di ricerca sulle telecomunicazioni s e intelligenza competitiva del mercato delle applicazioni aziendali Profilazione della società e valutazione della concorrenza del mercato dell’elaborazione delle carte di credito Profilazione della società e analisi finanziaria di tre concorrenti nel mercato al dettaglio Analisi della concorrenza del mercato sudafricano delle carte di credito e dei prestiti immobiliari Analisi della concorrenza del mercato dell’Asia meridionale mercato delle telecomunicazioni Dimensionamento del mercato, prezzi e strategie di posizionamento per il mercato dei saloni di bellezza in India 01/2005 – 06/2006 Contributor The Motley Fool New York Ha scritto commenti sugli investimenti su aziende, come Adobe e Pier 1

Divulgazione: Ho/abbiamo una posizione lunga vantaggiosa nelle azioni di JPM attraverso la proprietà di azioni, opzioni o altri derivati. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Advertisement
Advertisement

Trending