martedì 27 ottobre 2020

‘La nostra piccola parte è fare qualcosa per il bene più grande:’ Le pizzerie locali offrono 2.700 pizze gratuite agli operatori sanitari

Martedì pomeriggio scorso, Matt Porter ha caricato un’auto con 40 scatole per pizza e guidato 15 blocchi vuoti nel quartiere Midtown East di New York City. La sua missione: consegnare torte dal Sofia Pizza Shoppe , la pizzeria che è comproprietaria con Tommy DeGrezia per quattro anni, allo staff ospedaliero del Memorial Sloan Kettering Cancer Center senza alcun costo.

La consegna fa parte di una nuova campagna di raccolta fondi chiamata Pizza vs. Pandemic . La sua missione è duplice: sostenere gli operatori sanitari che combattono contro la pandemia nelle loro comunità mentre aiutano i proprietari di piccole imprese mentre gli arresti del coronavirus interrompono la vita quotidiana di milioni di americani.

Pizza vs Pandemic è una partnership tra tre organizzazioni: Slice , una piattaforma di ordinazione e consegna per pizzerie locali; Slice Out Hunger , un’organizzazione no profit che raccoglie fondi per banche alimentari e dispense locali; e Pizza to Polls , un’organizzazione no profit che offre pizza gratis alle persone in attesa di votare.

I donatori contribuiscono attraverso la pagina di raccolta fondi della campagna e possono anche nominare un ospedale, clinica, rifugio o altro centro di assistenza per ricevere una consegna gratuita. Gli organizzatori accettano queste donazioni e le usano per ordinare la pizza per gli operatori sanitari nominati, effettuando l’ordine in una pizzeria vicina nella rete di consegna Slice, che comprende all’incirca 13, pizzerie indipendenti e Ristoranti italiani attraverso 3, Città degli Stati Uniti.

‘La nostra piccola parte è fare qualcosa per il bene più grande’

Le ultime settimane sono state confuse per Porter. A seguito del divieto di New York City di pranzare nel ristorante a marzo 16, Porter e DeGrezia hanno trasferito il loro negozio per fornire asporto e consegna solo. Le vendite sono diminuite di circa 22% entro una settimana. Sei membri dello staff, tra cui pizzaioli, messaggeri di consegna e cassiere, si sono preoccupati di prendere il trasporto pubblico per entrare al lavoro.

Domenica, Marzo 22, tutti e sei i dipendenti hanno detto alla direzione che sarebbe il loro ultimo giorno.

“Comprendiamo completamente e interamente”, dice Porter CNBC Make It . “Siamo nel mezzo di questa pandemia, e non ne sappiamo ancora molto. Devono fare ciò che è giusto per loro e le loro famiglie.”

Tuttavia, “come imprenditore, è una pillola difficile da ingoiare.”

Porter e DeGrezia hanno deciso di chiudere completamente Sofia al pubblico a partire da quella sera.

Il giorno seguente , tuttavia, l’occasione venne dall’amico e esperto di pizza Scott Wiener di Scott’s Pizza Tours , una guida completa alle pizzerie di New York City. Ha incoraggiato Porter e DeGrezia a mettersi in gioco con gli sforzi appena lanciati di Pizza vs. Pandemic.

I proprietari di Sofia sono saliti a bordo, con DeGrezia che ha accettato di girare l’impasto mentre Porter avrebbe fatto consegne in auto, a partire dall’ordine del pranzo del martedì per gli operatori ospedalieri di Manhattan.

Salute- gli operatori sanitari a livello nazionale stanno registrando innumerevoli ore stressanti nel trattamento di pazienti con coronavirus, come hanno raggiunto casi confermati negli Stati Uniti almeno 143, 055 lunedì mattina , secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University. L’afflusso di pazienti ha lasciato gli operatori sanitari a corto di maschere, abiti, ventilatori e altre attrezzature; rivenditori, le aziende manifatturiere e i cittadini hanno fatto un passo in avanti per aiutare.

Altre organizzazioni si sono date da fare per restituire direttamente agli operatori sanitari , incluso da donando pasti caldi e alloggio gratuito o scontato in modo che i lavoratori possano vivere più vicino al loro centro medico.

“Sappiamo quanto l’hanno apprezzato”, afferma Porter della consegna della pizza donata al Memorial Sloan Kettering. “È nostra piccola parte fare qualcosa per il bene più grande ad un certo livello, anche se è solo una pizza.”

Anche Porter ha consegnato 30 pizze per le famiglie che soggiornano a Ronald McDonald House a New York giovedì.

Le organizzazioni no profit forniscono ai malati di cancro pediatrici e alle loro famiglie un alloggio temporaneo vicino a ospedali e centri medici mentre cercano cure.

“È di fondamentale importanza che continuiamo a fornire assistenza alle famiglie mentre combattono contro il cancro e altre gravi malattie pediatriche “, ha dichiarato Ruth Browne, presidente e CEO di Ronald McDonald House di New York, in una dichiarazione a CNBC Make It. “Siamo molto grati a ciascuno dei nostri partner per il loro generoso contributo in modo da poter rimanere concentrati sul mantenimento di un ambiente sicuro e di supporto per le nostre famiglie”, ha detto delle donazioni da parte della comunità, come la consegna gratuita di pizza a New York .

2, 700 pizze consegnate e $ 150, 200 cresciuto finora

Ilir Sela, fondatore e CEO di Slice, ha guidato la Pizza contro Pandemic sforzi della campagna.

Sela racconta CNBC Make It che voleva aiutare I piccoli partner commerciali di Slice seguono i divieti statali di ristorazione all’interno del ristorante. Voleva anche sostenere gli operatori sanitari che sono in prima linea nella pandemia.

Sela ha convocato gli organizzatori con Slice Out Hunger e Pizza to the Polls nel pomeriggio di marzo 21, e entro le 18:00 avevano un sito di raccolta fondi attivo e funzionante. I soci dirigenti della società di capitali di rischio GGV Capital, che investe in Slice, hanno dato il via al finanziamento con $ 3, 000 donazione. La notizia si diffuse sui social media e arrivarono altri dollari di donazione.

“Entro la prima ora, avevamo raccolto oltre $ 5, 000 “, dice Sela. “Ogni centesimo che raccogliamo viene utilizzato per effettuare un ordine. Paghiamo la pizzeria o il ristorante per il cibo e quel cibo viene consegnato in prima linea.”

Aggiunge che i proprietari dei ristoranti si sono offerti volontari per scontare il prezzo delle loro pizze per consegnare ordini più grandi – fino a torte 150 in una volta sola – al personale ospedaliero nella loro zona.

A partire da lunedì, la campagna ha raccolto circa $ 150, 200 per consegnare 2, 600 pizze e contando in ospedali, cliniche e rifugi in tutto il paese.

Sofia Pizza Shoppe ha da allora ripreso il servizio di consegna e consegna con un menu limitato. Tuttavia, dato il calo delle vendite da parte del pubblico, Porter afferma che le donazioni di Pizza vs Pandemic stanno aiutando a mantenere il ristorante in funzione.

“Tutto aiuta adesso”, dice della campagna donazioni.

I comproprietari prevedono di continuare a soddisfare gli ordini gratuiti di consegna della pizza ai centri medici fino a quando saranno in grado.

“Vedere i sorrisi delle persone che si godono le torte – questo aiuta,” dice Porter.

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbe guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Da non perdere: Nuovo disegno di legge per aumentare l’assicurazione di disoccupazione di $ 600 una settimana per maestranze, liberi professionisti e altro

Articolo originale di CNBC