lunedì 23 novembre 2020

La pandemia di COVID-19 dimostra la necessità di “robot sociali”, “avatar robotici” e altro ancora, affermano gli esperti

Una delle conseguenze delle persone a cui viene detto di restare a casa per rallentare la diffusione del coronavirus è la solitudine. E una raccolta di 13 esperti di robotica di tutto il mondo hanno un suggerimento per come risolverlo: un amico robot.

L’innovazione è solo una delle tante citate in una lettera aperta dal contingente globale di esperti di robotica che suggeriscono che la pandemia di coronavirus dovrebbe servire da catalizzatore per il maggiore uso e sviluppo di robot.

“Ora l’impatto di COVID – 19 potrebbe guidare ulteriori ricerche in robotica per affrontare i rischi di malattie infettive “, afferma la dichiarazione, pubblicata a marzo 25 nella rivista Science Robotics .

La dichiarazione mira a ispirare maggiori finanziamenti per lo sviluppo di queste varietà di robot, molti dei quali è diventato chiaro erano necessari durante il 2015 Crisi dell’Ebola.

“[W] senza sforzi di ricerca sostenuti i robot, ancora una volta, non saranno pronti per il prossimo incidente “, afferma la dichiarazione. “Promuovendo una fusione di professionisti dell’ingegneria e delle malattie infettive con finanziamenti dedicati possiamo essere pronti quando (non se) arriva la prossima pandemia.”

Ecco alcuni dei modi in cui i robot sono in uso e potrebbe essere utilizzato in future pandemie.

Luce ultravioletta controllata da robot per disinfettare le superfici

Uno dei modi in cui le persone possono essere infettate dal coronavirus è toccando una superficie contaminata e quindi toccandone il viso, poiché il virus può vivere per giorni su superfici di metallo, vetro o plastica. Secondo la dichiarazione degli scienziati, la luce ultravioletta ha dimostrato di “essere efficace nel ridurre la contaminazione” sulle superfici degli ospedali.

In effetti, secondo altri esperti , l’intensità dei raggi UV la luce necessaria per uccidere il coronavirus può essere dannosa per l’uomo. Ma gli scienziati affermano che potrebbero essere sviluppati robot autonomi o telecomandati grandi e piccoli per localizzare e sterilizzare costantemente le superfici frequentemente toccate con luce ultravioletta.

Rilevamento automatico della temperatura in luoghi pubblici

La febbre è un sintomo estremamente comune di COVID – 19. Gli scienziati affermano che i sistemi di telecamere automatizzati utilizzati in combinazione con sensori termici e algoritmi di visione su robot autonomi o remoti potrebbero essere utilizzati per monitorare le temperature dei pazienti negli ospedali.

CNBC Crealo in precedenza riportato su robot usati in un ospedale da campo a Wuhan, in Cina, epicentro del COVID – 19 pandemia. La società di robotica CloudMinds con sede a Pechino ha inviato 14 robot per aiutare nella cura del paziente e uno di quei sistemi ha misurato le persone temperature quando sono entrate (video sotto).

Tracciamento del movimento delle persone verso per “contact tracing”

Sebbene non vi siano dubbi sulla privacy con qualsiasi tecnologia di tracciamento, i robotisti affermano che la combinazione di sistemi di sicurezza esistenti con software di riconoscimento facciale potrebbe consentire alle autorità per ripercorrere le fasi dei pazienti che si sono dimostrati positivi per COVID – 19 e contattare altri che potrebbero essere a rischio, noto come traccia dei contatti.

Esecuzione di tamponi nasali

Il test per coronavirus comporta l’inserimento di un tampone abbastanza in profondità nella cavità nasale di un paziente.

Esistono parti del processo che mettono a rischio l’uomo di contrarre il virus, incluso la raccolta del campione, la manipolazione del campione, il trasferimento del campione alla posizione del test e al test stesso.

“Durante uno scoppio grave, una sfida chiave è la mancanza di personale qualificato per tamponare i pazienti ed elaborare i campioni di test”, affermano gli scienziati. “Il tampone rinofaringeo e orofaringeo automatizzato o assistito da robot può accelerare il processo, ridurre il rischio di infezione e liberare personale per altre attività.”

Prelievo di sangue per verificare la presenza di anticorpi

I pazienti possono eseguire il test positivo per COVID – 19 prima che abbiano sintomi. Un esame del sangue per gli anticorpi (la proteina prodotta quando viene rilevato un agente patogeno nel flusso sanguigno che viene utilizzato dal sistema immunitario), consentirebbe il test prima dei sintomi presenti, quella che gli scienziati chiamano “infezione silenziosa”

I robot che automatizzano il processo di prelievo del sangue potrebbero ridurre i rischi per il personale medico in prima linea. La ricerca è già in corso su sistemi che utilizzano l’imaging ad ultrasuoni per identificare le vene nell’avambraccio per il prelievo di sangue.

Droni che forniscono medicine

Droni autonomi e robot di terra possono essere utilizzati per fornire medicine a pazienti affetti da coronavirus.

Anche nell’ospedale da campo di Wuhan, in Cina, i robot CloudMinds sono stati usati per consegnare cibo, bevande e medicine per i pazienti.

I robot sociali rendono le persone meno sole

Le persone che stanno a casa per “appiattire la curva” della pandemia possono significare meno interazioni sociali per alcuni “, che possono avere un impatto negativo sulla salute mentale”, affermano gli scienziati. I “robot sociali” fornirebbero stimolazione e interazioni sociali, oltre a fornire promemoria per seguire i regimi di trattamento.

Lo sviluppo di un robot sociale è tuttavia complicato. “Questa è un’area stimolante di sviluppo perché le interazioni sociali richiedono la costruzione e il mantenimento di modelli complessi di persone, comprese le loro conoscenze, credenze, emozioni, nonché il contesto e l’ambiente dell’interazione”, affermano gli scienziati.

Partecipare alle conferenze praticamente con “avatar robot”

Articolo originale di CNBC