sabato 17 aprile 2021

La pandemia è stata un affare d’oro per i produttori di videogiochi

AGI – L’emergenza Covid-19 ha fatto bene ai conti del settore dei videogiochi in Italia. È quanto emerge dall’ultimo rapporto di IIDEA, l’associazione che riunisce sviluppatori e produttori nel nostro Paese, e che ogni anno descrive lo stato di salute del comparto.

Costretti in casa per settimane o mesi, e con tutti i limiti agli spostamenti e alle attività sociali causati dai lockdown, gli italiani nel 2020 hanno consumato molti più videogame dell’anno precedente. Un fenomeno che si è registrato anche negli altri paesi e ha riguardato diversi settori, come quello dell’intrattenimento in streaming o l’e-commerce.

Le cifre del giro d’affari parlano chiaro: per la prima volta i videogiochi in Italia hanno mosso più di due miliardi di euro: 2 miliardi e 179 milioni per la precisione, corrispondenti a un incremento del 21,9 per cento rispetto al 2019. Pe

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo