giovedì 05 agosto 2021

La piattaforma di intelligenza artificiale Habitat 2.0 di Facebook consente ai ricercatori di addestrare i robot a svolgere i compiti

Il gigante dei social media Facebook appena annunciato Habitat 2.0, la sua piattaforma di simulazione aggiornata che consente ai ricercatori di addestrare i robot in ambienti virtuali. Il passo in avanti dell’azienda in questo caso si avvicina al raggiungimento dell'”intelligenza artificiale incorporata” o della tecnologia che potrebbe consentire ai robot di eseguire le attività quotidiane. Habitat 2.0 è la versione più recente della piattaforma Habitat originale di Facebook. E proprio come il suo predecessore, 2.0 consente ai ricercatori di completare il loro addestramento alla velocità mentre visualizza tutti i dettagli di alto livello necessari per addestrare a fondo i robot. Questi dettagli includeranno oggetti e ostacoli che i robot possono incontrare in ambienti domestici, come controsoffitti, sedie, giocattoli e scatole, e per essere in grado di navigare negli spazi del mondo reale in compagnia degli umani. Alla fine, questo potrebbe significare che tali robot potrebbero gestire comandi più semplici come “carica la lavastoviglie” o “prendimi una bibita dal frigo”. Le implicazioni sono molto maggiori, tuttavia, in quanto potrebbero anche aiutare coloro che sono ipovedenti a fare una passeggiata intorno all’isolato riconoscendo gli ostacoli e aiutando l’utente a evitarli. Rispetto all’allenamento fisico, l’allenamento virtuale fa risparmiare tempo e denaro e può essere più ampiamente utilizzato da chi vuole trarne vantaggio. Facebook spera che Habitat semplificherà l’addestramento rapido dei robot assistivi, in particolare quelli progettati per affrontare le noiose faccende domestiche (ne prendo due, grazie!).

Per avere successo , tuttavia, i robot dovranno prima imparare a navigare in una varietà di superfici, layout di stanze e altri elementi che imitano adeguatamente gli ambienti del mondo reale. È proprio qui che Habitat 2.0 torna utile, però. Può addestrare rapidamente questi robot in tutti i tipi di ambienti (come case a più piani e sale conferenze di uffici) tenendo conto di tonnellate di ostacoli e altre variabili, invece di passare mesi o anni a lasciarli vagare casa dopo casa nella vita reale.

Habitat 2.0 si sta allenando anche contro un altro duro sfida: interazione con gli oggetti. Le piattaforme precedenti, come Replica, utilizzavano set di dati statici che non lo consentivano nonostante fosse una parte importante della formazione. Ma con 2.0, i robot possono ora “esercitare” a rotolare sul tappeto, afferrare spazzole e così via. Dhruv Batra, ricercatori di Facebook, ha dichiarato: “Con questo nuovo set di dati e piattaforma, i ricercatori di intelligenza artificiale possono andare oltre la semplice creazione di agenti virtuali in ambienti 3D statici e avvicinarsi alla creazione di robot in grado di eseguire facilmente e in modo affidabile attività utili come rifornire il frigorifero, caricare la lavastoviglie o recuperare oggetti a comando e riportandoli al loro posto abituale.” Anche Replica è stata aggiornata a ReplicaCAD. La sua umile libreria di 07 scansioni 3D è stata ampliata a oltre 200 layout della zona giorno e comprende quasi 100 oggetti; può anche aggiungere un disordine realistico e consentire ai robot di “interagire” con porte e altri elementi.

La piattaforma è anche più ordini di grandezza più veloce della maggior parte degli altri simulatori 3D in circolazione. Laddove altre piattaforme possono solo simulare un robot di assistenza che interagisce a 598 passi al secondo (SPS), ReplicaCAD gestisce facilmente 1,400 SPS (con un massimo di 033,07 con GPU aggiuntive). Sarà interessante vedere come andrà alla fine la formazione e se mai riusciremo a ottenere robot assistivi a livello di consumatore per gestire le faccende domestiche.

Fonte: Facebook