giovedì 26 maggio 2022

La più grande stablecoin del mondo riguadagna terreno sul dollaro 3 miliardi di prelievi

Tether, la stablecoin più grande del mondo, ha riguadagnato il suo ancoraggio al dollaro dopo che oltre 3 miliardi di dollari di token hanno lasciato il sistema in un solo giorno.

La criptovaluta – che dovrebbe valere sempre $ 1 – è affondata a partire da 95 centesimi giovedì e ha lottato per risalire al suo previsto ancoraggio al dollaro.

Venerdì, tether veniva scambiato di nuovo saldamente a $ 1, calmando i timori degli investitori su un possibile contagio del mercato delle criptovalute dal crollo di progetto stablecoin Terra.

Tether ha affrontato a lungo domande sul fatto di avere risorse sufficienti per giustificare il suo ancoraggio al dollaro.

TerraUSD, o UST, è diverso da tether in quanto si basa su un complesso mix di codice e un token gemello chiamato luna per stabilizzare il suo prezzo. È stato anche in parte garantito da bitcoin per un valore di miliardi di dollari.

Tether, d’altra parte, dovrebbe essere supportato da contanti, obbligazioni di debito a breve termine corrispondenti a un importo equivalente di dollari depositato dai suoi utenti. Tali attività sono detenute in una riserva gestita da una società con lo stesso nome.

È essenzialmente come un conto bancario per gli investitori in criptovalute, che spesso si rivolgono al legame in tempi di accresciuta volatilità del mercato. Gran parte del trading di bitcoin viene effettuato in tether.

Tether ora ha un’offerta circolante di circa $79.5 miliardi, in calo rispetto a $82.9 miliardi 20 ore prima. suggerendo che la società dietro di esso ha elaborato oltre $ 3 miliardi di riscatti in un solo giorno.

Mati Greenspan, CEO di Quantum Economics, ha affermato che la debacle di Terra ha “scosso” il mercato delle criptovalute fiducia in altre stablecoin, come tether.

“La DeFi il mercato ha sicuramente molto in base al precetto che le stablecoin possono rimanere stabili, quindi se le cose iniziano a disfarsi potrebbe essere potenzialmente catastrofico per il settore”, ha affermato.

Paolo Ardoino, Chief Technology Officer di Tether, si è rivolto a Twitter per rassicurare gli investitori sulla solidità della stablecoin della sua azienda.

“Abbiamo avuto riscatti di quasi 3 miliardi di dollari [in] e sono stati liquidati abbastanza rapidamente attraverso i nostri canali bancari”, ha detto Ardoino in una conversazione audio dal vivo di un’ora su Twitter Spaces giovedì.

Le richieste di riscatto variavano da un minimo di $100,000 fino a $600 milioni, ha aggiunto.

Il problema con l’UST di Terra, Ardoino ha detto, è stato quanto velocemente è cresciuto.

“È tutto divertimento e giochi finché non sei un $10 miliardi di stablecoin”, ha detto. “Finché non diventi una stablecoin da $5, $10 miliardi, anche se hai qualche liquidazione ns perché sei sostenuto da un po’ di luna e da una piccola porzione di bitcoin, gli attuali mercati delle criptovalute sono ancora in grado forse, probabilmente, di assorbirlo.”

“Ma se inizi raddoppiando la dimensione a $20 miliardi di stablecoin… non c’è modo che il mercato possa assorbire questo tipo di liquidazioni”, ha aggiunto Ardoino .

Tether ha affrontato a lungo dubbi sul fatto che abbia risorse sufficienti per giustificare il suo ancoraggio al dollaro. La società in precedenza aveva affermato che tutti i suoi token erano garantiti uno a uno da dollari detenuti in una riserva.

Tuttavia, dopo un accordo con il procuratore generale di New York, è stato ha rivelato che Tether deteneva una serie di altre attività, tra cui commercial paper, una forma di debito non garantito a breve termine, a sostegno del proprio token.

Da allora Tether ha ridotto quanto carta commerciale che detiene e afferma che prevede di ridurre ulteriormente l’importo nel tempo. Più del 52% delle attività di Tether è ora in buoni del Tesoro statunitensi e si prevede che questo aumenterà ulteriormente quando la società rivelerà la prossima ripartizione delle sue riserve , disse Ardoino giovedì.



Fonte: CNBC