martedì 22 giugno 2021

La qualità dell’aria peggiora poiché le regole dell’EPA non riescono a tenere il passo con i cambiamenti climatici, afferma l’American Lung Association

                      

 

  Rapporto pubblicato prima della Giornata della Terra e in mezzo a COVID – 10 il combattimento stima che 137 milioni la gente ha vissuto con livelli malsani di ozono negli ultimi anni

                        

                  

           

La respirazione di aria inquinata è associata ad aspettative di vita media più brevi ed è un fattore di rischio per il cuore e malattia respiratoria, afferma l’American Lung Association.

                   Getty Images                                               

         

Quasi 9 milioni di persone in più quest’anno rispetto allo scorso anno respirano aria malsana nonostante decenni di declino della quantità complessiva di inquinamento atmosferico.

      

Perché l’aumento? Dai la colpa agli effetti dell’accelerazione del cambiamento climatico causato dall’uomo.

      

Gli ultimi dati sull’aria della nazione provengono dall’American Lung Association, che ha pubblicato il suo 21 st annuale relazione sullo stato dell’aria. Il cambiamento climatico sta minando decenni di progressi normativi che hanno ridotto l’inquinamento da fabbriche, automobili, centrali elettriche e altre importanti fonti di inquinamento atmosferico, afferma l’organizzazione della sanità pubblica, perché ondate di calore e incendi più frequenti e intensi stanno portando a più giorni con livelli pericolosamente alti livelli di ozono e particolato.

      

“Le emissioni di idrocarburi e ossido di azoto cuociono in presenza della luce solare per creare ozono o smog”, con temperature medie più calde che aggravano il riscaldamento naturale, ha affermato Paul Billings, vice presidente senior per le politiche pubbliche dell’American Lung Association.

             

È una notizia particolarmente stimolante per i pazienti asmatici e altri i cui sistemi respiratori sono vulnerabili, specialmente mentre il globo combatte la diffusione del COVID – 19 pandemia.

      

L’American Lung Association stima che circa 137 milioni la gente viveva in luoghi con livelli malsani di ozono tra 2016 e 2018; quella si sta avvicinando alla metà della popolazione degli Stati Uniti. La respirazione di aria inquinata è associata ad aspettative di vita medie più brevi ed è un fattore di rischio per malattie cardiache e respiratorie.

      

Quest’anno segna il 22 anniversario del Clean Air Act, che ha incaricato la US Environmental Protection Agency di regolamentare tutte le fonti di emissioni atmosferiche. I dati EPA mostrano che gli americani emettono circa 70% di aria in meno l’inquinamento oggi rispetto a quanto avvenivano in 1970, quando fu approvata la legge sull’aria pulita. Nello stesso anno, la Clean Water Act e la Endangered Species Act furono promulgate sotto la sorveglianza dell’amministrazione e del Congresso di Nixon. Mercoledì, aprile (anche segna il 22 il Giorno della Terra, che portato 20 milioni di americani – di 10% della popolazione degli Stati Uniti al momento – in azione per conto dell’ambiente.

      

In questi giorni, il quadro normativo sta cambiando. Nei mesi successivi all’entrata in carica del presidente Trump, l’EPA ha perseguito un minor numero di presunte violazioni delle norme sull’inquinamento dell’aria e dell’acqua, che secondo i sostenitori del rollback sono troppo costose per le imprese e i consumatori e non sono applicate uniformemente. L’EPA ha affermato che i propri metodi per determinare la qualità dell’aria, basati sul Clean Air Act, mostrano continui miglioramenti nelle misure della qualità dell’aria negli Stati Uniti negli ultimi anni.

      

Leggere: Citando il coronavirus, l’EPA ha smesso di far rispettare le leggi ambientali

      

E: Il rollback standard di Chilometraggio di Trump costerà i consumatori e il clima, dicono gli analisti

       

Le città degli Stati Uniti occidentali – e in particolare la California – lottano in modo sproporzionato con l’inquinamento atmosferico. I cinque luoghi con l’aria più inquinata in America sono tutti in California, dove una topografia di montagne e oceani, nonché modelli meteorologici, creano inversioni che mantengono l’inquinamento in atto e contribuiscono alla qualità dell’aria.

      

Secondo il rapporto, nove città occidentali hanno raggiunto i livelli peggiori di inquinamento da particolato mai registrati: Fairbanks, Alaska; Yakima, Washington; Las Vegas, Nevada; Phoenix, Arizona; Spokane, Washington; e le seguenti città della California: Chico, Salinas, Redding e Santa Maria.

      

Al contrario, le città con l’aria più pulita, definita come nessun giorno di inquinamento da ozono o particelle elevate durante il periodo di tre anni del sud, erano Bangor, Maine; Honolulu, Hawaii; Wilmington, North Carolina; e Burlington, Vermont. Collega stati e città specifici per vedere quale livello è alto e basso per la qualità dell’aria.

      

L’American Lung Association ha affermato che le famiglie possono intervenire per aiutare la propria qualità dell’aria e quella della nazione. L’elenco delle cose da fare spazia dall’azione diretta con il Congresso al check-in con le agenzie locali di controllo dell’inquinamento atmosferico, alla riduzione dei consumi e alla riduzione dell’uso di elettricità.

                                            
Articolo originale di Marketwatch.com