venerdì 26 febbraio 2021

La riduzione dell’IVA potrebbe portare benefici per le famiglie italiane

Il tagli all’IVA annunciati dal Premier Giuseppe Conte in chiusura della kermesse degli Stati Generali dell’economia potrebbe portare ad un risparmio di più di 4 milioni per i risparmiatori italiani.

Il calo di un punto nel tasso vale 4,5 miliardi di euro: una spesa inferiore a 250 euro all’anno per ciascun nucleo, fino a 400 euro per i più grandi.

L’associazione dei consumatori afferma  che

“ipotizzando uno scenario in cui l‘IVA ordinaria va dal 22% al 21% e dal 10% al 9%, con gli stessi consumi e solo per effetti diretti, si possono stimare i risparmi delle famiglie a circa 4,5 miliardi di euro all’anno ”.

La riduzione dell’IVA, secondo Codacons, comporterebbe ulteriori vantaggi: in primo luogo, “costi inferiori per le attività di produzione e per l’industria”, quindi, quando la misura sarà pienamente operativa “, produrrebbe innegabili vantaggi in termini di prezzi e tariffe, con un risparmio complessivo di circa 250 euro per famiglia all’anno. “Secondo l’Associazione, i gruppi più grandi beneficiano, quindi le spese più basse potrebbero raggiungere i 400 euro all’anno, risparmiando così molto più di quella della famiglia media.

“Siamo favorevoli alla riduzione dell’IVA perché, nella situazione attuale, ciò potrebbe dare una nuova spinta ai consumi e sostenere l’economia” – afferma il presidente di Codacons, Carlo Rienzi. “Tuttavia, affinché la riduzione fiscale abbia effetti veramente positivi sulle tasche dei cittadini e per il paese, è necessario che il governo combatta gli aumenti tariffari ingiustificati che, nella fase 3, sono già registrati in tutti i settori che sono già a rischio di annullare qualsiasi intervento sull’IVA “.

L’associazione imprenditoriale italiana Unimpresa, intervenuta agli Stati Generali per sostenere la proposta, si aspetta invece una riduzione dell’IVA di almeno 12 miliardi di euro, portando “l’aliquota principale dal 22% all’attuale 19% in ogni caso, meno di 20 % “, per consentire” attività produttive da vendere al pubblico a prezzi più bassi “e anche per un motivo psicologico:” per dare alla comunità un’iniezione di fiducia, un pilastro fondamentale per avviare il Paese condizioni ”

La prossima settimana sarà determinante per la mediazione tra posizioni opposte e la cosa a giudicare dagli esordi non è delle più semplici.