lunedì 14 giugno 2021

La Russia e l’Arabia Saudita sono “molto, molto vicine” a un accordo di produzione petrolifera, afferma il russo Dmitriev

Russia e Arabia Saudita sono “molto, molto vicini “a un accordo su tagli alla produzione di petrolio , secondo il direttore generale del fondo sovrano russo RDIF.

“Penso che l’intero mercato capisca che questo accordo è importante e porterà molta stabilità, stabilità al mercato, e siamo molto vicini”, ha affermato Kirill Dmitriev, CEO del Russian Direct Investment Fund.

Un incontro virtuale tra OPEC e i suoi alleati era previsto per lunedì, ma ora è “probabilmente” si svolgerà invece giovedì, fonti note alla vicenda hanno riferito alla CNBC. Durante la riunione si prevedeva che si sarebbero discusse riduzioni della produzione di petrolio che potrebbe porre fine alla guerra dei prezzi nel petrolio.

I future sul petrolio hanno ridotto le perdite precedenti dopo il rapporto di lunedì in Asia, con NOI West Texas Intermediate greggio giù 2. 86% a $ 27. 53 dopo essere caduto del 9% prima nella sessione e Brent grezzo giù 3. 31 da% a $ 32. 98 dopo essere diventato brevemente positivo.

Alla domanda se Riyad e Mosca si riuniranno entro la fine di questa settimana per un qualche tipo di accordo, Dmitriev ha detto: “Bene, guarda un messaggio molto positivo, io penso che siano molto, molto vicini. “

Ha indicato i commenti del presidente russo Vladimir Putin la scorsa settimana quando ha proposto un taglio combinato di produzione di 10 milioni di barili al giorno , secondo un rapporto Reuters.

“(Putin) ha parlato dell’importanza di questo accordo petrolifero, quindi la Russia è impegnata”, ha detto Dmitriev a CNBC “Capital Connection” di lunedì.

Quel sentimento è stato ripreso da Andrey Kostin, amministratore delegato della banca russa VTB.

“La Russia è decisamente molto interessata a stabilizzare i prezzi del petrolio e … c’è la volontà politica”, ha detto “Squawk Box Europe.”

“Nessuno è interessato ai bassi prezzi del petrolio. e gli Stati Uniti né la Russia, né i sauditi “, ha detto. “Da questo punto di vista, penso che dovrebbe esserci un ragionevole accordo raggiunto alla fine della giornata.”

Dmitriev di RDIF ha dichiarato che la Russia e l’Arabia Saudita hanno superato “molte difficoltà” e che le due parti sono “molto più vicine di quanto molti pensano”, osservando che molti avevano dubbi sul loro precedente accordo.

Ha anche detto che la Russia sta lavorando a stretto contatto con le autorità statunitensi per far partecipare i produttori americani al taglio della produzione.

“Penso che sia la Russia, l’Arabia Saudita, gli Stati Uniti e altri paesi che devono intervenire per stabilizzare i mercati e portare stabilità nel mondo che sta per vedere probabilmente la più grande recessione di sempre. “

L’attuale crisi del coronavirus potrebbe causare una “grave recessione globale “, soprattutto in considerazione degli elevati livelli di leva finanziaria, ha affermato. “È un esempio che dobbiamo collaborare con gli Stati Uniti per stabilizzare l’economia mondiale e la stabilizzazione dei prezzi del petrolio ne fa parte.”

Ma un analista ha detto a CNBC che Riyad e Mosca, non l’America, sono i protagonisti di questo accordo.

“Questa spaccatura tra Russia e Arabia Saudita, che è davvero la chiave dell’accordo,” Herman Wang, S&P Global Platts ‘ Medio Oriente e caporedattore OPEC, hanno raccontato “Capital Connection” Lunedì.

“Metti da parte se gli Stati Uniti parteciperanno o no”, ha detto. “Senza Arabia Saudita e Russia sulla stessa pagina, non c’è nessun accordo.”

– Pippa Stevens, Patti Domm e Brian Sullivan della CNBC hanno contribuito a questo rapporto.

Articolo originale di CNBC