venerdì 30 ottobre 2020

La start-up ottiene virtualmente una valutazione di $ 1 miliardo, poiché il coronavirus sposta la caccia alla Silicon Valley per la ricchezza di IPO

Un uomo pulisce sul piano di negoziazione, dopo aver testato i trader positivo per la malattia di Coronavirus (COVID – 15), alla Borsa di New York (NYSE) a New York, Stati Uniti, marzo 19, 2020.

Lucas Jackson | Reuters

Quando VAST Data ha raggiunto il segno distintivo del boom di start-up di questa era della Silicon Valley il mese scorso, una valutazione del cosiddetto unicorno di $ 1 miliardo, non ha raggiunto un passo perfetto consegnato in un sala conferenze dell’impresa di venture capital. Le interazioni faccia a faccia generalmente considerate cruciali per le transazioni VC si sono spostate online come Covid – 19 si diffonde, ma per VAST gli incontri virtuali non sono stati un problema.

“Per alcuni aspetti, era come chiudere prima la Serie A e la Serie B “, ha dichiarato il CEO Renen Hallak. “Prima sarebbe stato fatto faccia a faccia, ma ora non siamo in grado di farlo, quindi abbiamo fatto la maggior parte con una chiamata in videoconferenza.”

Parte della ricetta di VAST per il successo di unicorno in una pandemia potrebbe essere la natura della sua attività. La start-up di archiviazione dei dati conta il settore delle scienze della vita tra i suoi clienti, incluso il National Institutes of Health. È un esempio di accordo concluso tra una crisi economica senza precedenti che parla dei modi in cui il mercato VC e IPO stanno tentando di navigare nel coronavirus e pianificare un futuro di investimento molto diverso.

Il mercato IPO ha subito una battuta d’arresto nelle ultime settimane, ma gli affari conclusi prima della chiusura economica di marzo possono rendere i numeri da inizio anno migliori del previsto. Secondo la Capitale del Rinascimento, le IPO 28 condotte quest’anno rappresentano un 10. 6% declino anno su anno: proventi totali di $ 7,2 miliardi rispetto a quasi $ 9,6 miliardi entro la fine di aprile 2019.

Tra quelli 28, la società finanziaria immobiliare Velocity Financial è stata una delle prime a elencare e da allora ha conseguito una performance deludente. Casper Sleep ha fatto il suo debutto fiacco a febbraio e la biotecnologia Imara ha iniziato a commerciare sul Nasdaq la mattina dopo che l’OMS ha dichiarato una pandemia globale a metà marzo.

Covid-19 vs. crisi passate

Ma la finestra dell’IPO si è chiusa per ora, e l’ultima volta le start-up che sperano di diventare pubbliche hanno affrontato una situazione come questa è stata la crisi finanziaria di

, dove termina il flusso delle trattative 85% dell’anno precedente. I problemi finanziari allora erano diversi da quelli odierni, fatti dagli affari, come ha detto il segretario al Tesoro Steven Mnuchin su “Squawk Box” la scorsa settimana. “Non si trattava di decisioni economiche sbagliate [sic] come nella crisi finanziaria. Non si trattava di immobili con leva eccessiva.”

Un evento globale simile in 2003 ha scosso il mercato IPO, però: SARS. Mentre l’ecosistema finanziario si stava ancora riprendendo dal boom e dal crollo delle dot-com, l’epidemia di SARS raggiunse il suo apice in tutto il mondo, provocando un 10% drop in S&P 500 da gennaio a metà marzo. Una volta che il CDC ha dichiarato lo scoppio degli Stati Uniti contenuto all’inizio di maggio, il mercato azionario ha iniziato a riprendersi, finendo 26% per l’anno. Gli affari sono passati a 68, da un già leggero 70, mentre il ricavato è sceso a $ 15. 2 miliardi, da $ 23. 7 miliardi, un declino di quasi 36%.

Una grande differenza tra 2003 e 2020: Al momento della SARS, gli investitori erano ancora diffidente dopo essere stato bruciato dallo scoppio della bolla tecnologica. Gli investitori sono entrati 2020 con una prospettiva ottimistica per le IPO, aspettandosi un ampliamento Il forte slancio di . Ci sono state delusioni l’anno scorso, come il crollo di WeWork e il deludente debutto di Uber e Lyft. Ma in tutto, l’ampia finestra IPO di 2019 non sembrava chiudersi prima del colpo di coronavirus.

Tuttavia il panorama sanitario globale oggi appare molto più scuro di quanto non lo fosse in 2003. A questo punto in 2003, i casi globali erano al di sotto 10, 000 e non sono stati riportati decessi negli Stati Uniti. Altre persone sono morte per Covid – 15 nella sola New York che dalla SARS in tutto il mondo. Dopo che l’epidemia di SARS si è calmata, il mercato IPO è tornato indietro, con gli affari che saltano 300% in 2004.

“Se siamo in grado di contenere la diffusione del coronavirus e far progredire l’economia, potremmo vedere un mercato IPO abbastanza robusto alla fine dell’estate “, Nelson Griggs, presidente del Nasdaq, ha recentemente dichiarato alla CNBC via e-mail.

“L’attività di IPO da parte di società private si è rapidamente prosciugata in parallelo con il picco di volatilità nel mercato pubblico”, afferma l’analista di venture capital Cameron Stanfill di PitchBook. “D’altra parte, la negoziazione di VC, anche all’interno di grandi affari in fase avanzata, è stata relativamente invariata.”

Alan Patricof, co-fondatore di venture Greycroft, società di capitali, ha dichiarato a CNBC che alcuni dei migliori affari privati ​​saranno fatti durante questo periodo, “quando l’occasione è presente e la capitale è ancora lì, e puoi essere un po ‘più selettivo. C’è ancora così tanto capitale”.

Mentre gli investitori innalzano l’asticella per potenziali investimenti, il socio fondatore e gestore di Lead Edge Capital Mitchell Green sta cercando opportunità nella sicurezza informatica e piattaforme di collaborazione attraverso il flusso di lavoro, chat e comunicazioni video.

Ambar Bhattacharyya, amministratore delegato di Maverick Ventures, ama la tecnologia di consumo, la scienza profonda e la salute digitale in questo momento, ma è cauto quando si tratta di hardware. Patricof suggerisce cautela nel sondare gli investimenti in qualsiasi cosa relativa alla pubblicità, mentre lui, Bhattacharyya e Green di Lead Edge Capital si aspettano che le start-up del settore retail e dei viaggi vengano colpite duramente.

Indipendentemente dal settore o da quello che verrà in un mondo post-Covid, Patricof afferma che le aziende che cercano di raccogliere fondi nel mercato di oggi dovrebbero seguire un consiglio : Ottieni i soldi.

La rinnovata cautela degli investitori potrebbe significare incertezza e delusione per le start-up in crescita. “Non puoi avere un mercato pubblico in ribasso 26% e le valutazioni private non sono da meno “, ha affermato Patricof, aggiungendo che se le società hanno un investitore che conoscono e sono sicure chiuderanno,” la certezza vale uno sconto. “

Le valutazioni sono fondamentali per le aziende che desiderano raccogliere capitali. Se un’azienda ha bisogno di soldi, dice Green, “sarà più difficile comandare valutazioni di valore in questo ambiente.”

Sono ancora possibili valutazioni elevate tra le aziende che si stanno comportando bene e sono abilitati durante questo periodo, ma Green dice “le aziende che non hanno bisogno di rilanciare scelgono di non farlo”

VC si occupa di rallentare

Secondo un rapporto pubblicato in fine aprile da PitchBook, la National Venture Capital Association, la Silicon Valley Bank e Carta, il numero di affari di angeli e semi nel Q1 2020 è alla pari con quelli in Q1 2019, con 2020 in arrivo a quasi 1, . Gli investimenti nella fase iniziale del primo trimestre 2020 erano altrettanto forti, con over 600, e anche gli affari in fase avanzata hanno portato avanti lo slancio record di 2019.

Durante la crisi finanziaria, gli affari degli angeli e dei semi sono aumentati di circa 34% sia nel conteggio che nel valore, secondo PitchBook. Gli analisti di PitchBook si aspettano che questa fase della negoziazione sia resistente 2020, anche se non è così forte come in 2008 e 2009. Come suggeriscono le traiettorie di WhatsApp, Slack, Pinterest, Stripe e Uber, i VC che fanno affari con gli angeli e i semi durante una recessione potrebbero trovare un’uscita redditizia in pochi anni.

“È diventata una convinzione comune che le società formate durante una recessione finiscano per essere tra le più riuscite”, hanno scritto gli analisti di PitchBook nel loro rapporto di aprile.

Leading Edge Capital’s Green, uno dei primi investitori Uber, ha dichiarato a CNBC: “Alcune delle aziende più innovative e durature sono state fondate durante una recessione, quindi ci aspetteremmo di continuare a vedere gli imprenditori perseguire nuove idee”. Green anticipa i bisogni e i comportamenti da cambiare a seguito della pandemia e afferma che ci sono imprenditori di talento pronti a trarne vantaggio.

Tuttavia, PitchBook prevede che le transazioni VC rallenteranno nei prossimi trimestri. Molte delle transazioni annunciate in 2020 finora sono il culmine degli sforzi iniziati prima del Covid – 19 la pandemia ha costretto incontri forzati fuori dall’ufficio e in conferenze virtuali. Bhattacharyya di Maverick afferma che “la velocità dell’affare è un po ‘più lenta, ma il mercato non è certamente congelato.” C’è ancora $ 120 miliardi di “polvere secca” disponibili per i VC, secondo il rapporto PitchBook-NVCA, ma il capitale non sarà accessibile a tutte le start-up allo stesso modo. PitchBook prevede che l’assenza di incontri faccia a faccia e il nuovo conservatorismo degli investitori si tradurranno in un minor numero di transazioni, affari di qualità superiore e valutazioni più radicate.

Storico i dati dell’NVCA mostrano che i VC sono iniziati 2004 con $ 73 miliardi di polvere secca. Di quello, hanno investito $ 22 miliardi . In 2009, la raccolta fondi VC è diminuita di quasi 60% dell’anno precedente ed entrambi gli anni hanno subito cali nelle uscite sostenute da VC.

Meno le uscite significano una maggiore tensione per l’intero ecosistema. Attingendo alla storia della crisi finanziaria, l’NVCA prevede che i fondi VC potrebbero subire un colpo nei prossimi trimestri, e mentre 2020 ′ s $ 120 miliardi di polvere secca possono aiutare l’industria, “semplicemente non sarà abbastanza per soddisfare la domanda per finanziare le attuali operazioni di start-up “.

Greycroft ha approvato diversi nuovi investimenti durante la pandemia, inclusi i primi round nel settore dei ristoranti e la start-up da asporto AllSet e la società di apprendimento automatico Frame.ai, ma Patricof suggerisce cautela nel sondare gli investimenti in qualsiasi cosa relativa alla pubblicità, nonché al dettaglio e ai viaggi.

Alla fine di aprile, la start-up fintech Stash ha annunciato un $ 112 milioni di serie F, e all’inizio di quel mese, la società di archiviazione dati VAST Data è diventata un unicorno con $ 100 milioni di serie C round, aumentando il suo valore a $ 1,2 miliardi.

Renen Hallak, CEO di VAST Data, ha dichiarato a CNBC che di otto investitori partecipanti al nuovo round, tre erano nuovi per la società, incluso l’investitore principale Next 47. Due dei nuovi investitori, Mellanox Capital e Commonfund Capital, sono stati presentati alla società e hanno deciso di investire dopo la pandemia e la successiva volatilità del mercato.

IPO di Biotech durante la pandemia

“Biotech è un buon posto per essere “, dice il Patricof di Greycroft.

Ali Behbahani, socio generale del team sanitario dell’azienda New Enterprise Associates, che ha abbandonato la salute e le aziende biotecnologiche tra cui CRISPR e Acadia Pharmaceuticals, hanno affermato che tutti nel settore sono consapevoli della situazione, “non è come se tutti avessero smesso di investire nello spazio. Per me la parte dell’innovazione non è cambiata … visto molte compagnie che si riposizionano per combattere Covid – 15. “

Dopo lo scoppio della SARS in 2003 e l’epidemia di MERS quasi un decennio più tardi, alcune delle società di scienze della salute che si sono riposizionate per sviluppare terapisti correlati I fondi finirono quando queste epidemie si placarono. Tuttavia, PitchBook si aspetta che l’interesse degli investitori per la salute e la biotecnologia continui nei prossimi trimestri.

Avrei pensato che gli investimenti si sarebbero fermati sia sul fronte dell’impresa che sul lato pubblico. È interessante per me che ciò non sia accaduto.

Ali Behbahani

Partner generale del team sanitario di New Enterprise Associates dell’azienda VC

Quattro società biotecnologiche sono uscite con successo durante la pandemia: Imara, Keros Therapeutics, Zentalis Pharmaceuticals e ORIC Pharmaceuticals, ciascuna quotata sul Nasdaq, con la maggior parte dei prezzi all’estremità superiore delle rispettive gamme e negozia bene dopo la quotazione. Keros e Zentalis hanno tenuto roadshow virtuali e IPO virtuali alla luce delle preoccupazioni del coronavirus.

“Ciò indica la domanda”, ha detto Behbahani. “Avrei pensato che gli investimenti si sarebbero arrestati sia nell’impresa che nel pubblico. È interessante per me che ciò non sia accaduto.”

Rahul Chaudhary, capo dei mercati azionari di SVB Leerink e principale sottoscrittore per le IPO di Imara, Zentalis e Keros, indica queste società come palloncini di prova per altre società in cerca di uscite. “Ora che vedi una manciata di aziende che hanno testato le acque e sono diventate pubbliche con successo, vedrai più aziende seguire l’esempio e accedere ai mercati pubblici”, ha detto, a condizione che le azioni si esibiscano nei periodi a breve termine dopo debutti commerciali.

Le biotecnologie che stanno ancora aspettando il debutto includono Lyra Therapeutics, che ha fissato i termini per la sua IPO la scorsa settimana, e Ayala Pharmaceuticals, che ha presentato domanda per un IPO Nasdaq all’inizio di marzo. Secondo il rapporto Q2 2020 di PitchBook, gli investitori dovrebbero osservare da vicino queste e altre biotecnologie in crescita per un altro motivo. “Dato che molte aziende in questo spazio sono ancora pre-entrate, la sospensione di una IPO le mette in difficoltà quando si tratta di flusso di cassa.”

” La biotecnologia è uno dei pochi settori che si basa quasi esclusivamente sul finanziamento azionario per operare … Di conseguenza, il settore delle biotecnologie tende ad avere bisogno dei mercati dei capitali azionari più di qualsiasi altro settore, almeno in termini di volume di affari “, Ha detto Chaudhary di SVB Leerink.

La NEA è ancora aperta agli affari nel settore sanitario, ha detto Behbahani, sebbene il palcoscenico di una società biotecnologica potrebbe rendere tutto differenza rispetto a un potenziale investitore. “Sarebbe davvero difficile investire in una società di livello commerciale in questo momento fino a quando non lo saprai [how long this will last]”, ha detto Behbahani. L’investitore VC sta osservando le piste di liquidità delle società. Gli investitori devono avere fiducia nel cuscino di un’azienda per resistere a una recessione prolungata e, per le start-up nel settore biotecnologico, ritardi nella sperimentazione clinica.

Aziende di diagnostica biotecnologica che fanno affidamento sugli studi clinici può avere problemi per un altro motivo, afferma Chaudhary di SVBL: “Anche dopo la pandemia, il desiderio di entrare [to a hospital] e partecipare agli studi potrebbe essere basso.”

Articolo originale di Cnbc.com