domenica 28 febbraio 2021

La visione della TV aumenta durante il coronavirus, soprattutto la tecnologia Smart TV

Dato che ci ritroviamo in gran parte confinati nelle nostre case, non sorprende che la visione della televisione sia schizzata alle stelle. Guardare le trasmissioni in diretta nel Regno Unito è aumentato del 17% dal blocco coronavirus.

E proprio mentre il governo britannico ha lanciato la sua ultima inchiesta sul futuro delle trasmissioni di servizio pubblico, il Regno Unito si è rivolto a quegli stessi servizi per notizie, intrattenimento e rassicurazione. Nelle prime tre settimane di blocco, la BBC ha visto aumentare il numero degli spettatori di 23%, con oltre un terzo di tutta la visione televisiva sulle piattaforme dell’azienda.

Né sono solo le emittenti tradizionali a beneficiare del blocco. All’inizio di aprile, il nuovo servizio di streaming Disney, Disney +, aveva quasi raddoppiato i suoi numeri globali di abbonati a 50 milioni, con un lancio programmato per caso nella maggior parte dei principali mercati occidentali a marzo. C’è stato anche un notevole picco nella visualizzazione di “contenuti non trasmessi” sui televisori ogni giorno alle 9:00, il che probabilmente è correlato agli allenamenti YouTube di enorme successo per i bambini di Joe Wicks.

Nel frattempo, mentre teatri, cinema e musei si trovano ad affrontare chiusure forzate, c’è stata un’ondata di spettacoli teatrali, opere, balletti ed esibizioni trasmessi su Internet. Per molti pubblici questo porta esperienze culturali precedentemente inaccessibili nel comfort delle loro case.

Ma tali esperienze arricchenti, divertenti e di amicizia non sono disponibili per tutti. Ci sono case nel Regno Unito senza le connessioni a banda larga superveloce o i dispositivi necessari per accedere ai servizi di streaming. Ofcom stima che in giro 53, 000 le case nel Regno Unito non sono in grado di accedere né a un servizio decente a banda larga fisso né a una buona copertura 4G.

E mentre la copertura della banda larga superveloce nel Regno Unito è aumentata al 95%, solo 57% delle case del Regno Unito in grado di accedere alla banda larga superveloce lo aveva fatto da 2018. Anche la proprietà della Smart TV è schizzata alle stelle, ma sono di proprietà di poco meno della metà delle famiglie del Regno Unito. E sebbene otto adulti su dieci possiedano ora uno smartphone, la proprietà domestica di laptop, tablet e PC è diminuita da 2019 a 63%, 54% e 24% rispettivamente.

Tuttavia, ciò che viene considerato meno spesso sono le competenze necessarie per utilizzare le tecnologie necessarie per accedere alla televisione contemporanea. A settembre 2019 abbiamo intrapreso uno studio approfondito di un campione rappresentativo demograficamente di 30 partecipanti per scoprire come le persone trovano e accedono alla televisione e ai contenuti in streaming che guardano.

Accesso remoto
Anche se è importante non generalizzare da un piccolo campione, siamo rimasti colpiti dalla storia ripetuta che abbiamo sentito dalle partecipanti donne di età compresa 35 e oltre. Questo è forse incapsulato da uno 54 – di un anno, che ha iniziato la nostra intervista affermando che la sua visione della TV era notevolmente diminuito nell’ultimo anno.

Mentre esploravamo le sue abitudini di visione della TV e le chiedevamo di mostrarci come ha trovato qualcosa da guardare, è diventato evidente che il suo tempo trascorso a guardare la televisione era diminuito perché ha lottato per far funzionare la nuova smart TV acquistata un anno prima. Come ha spiegato: “Non mi preoccupo più della televisione. È diventato troppo tecnico che non so come usarlo. ”

Invece, si è trovata a letto prima, trascorrendo più tempo a guardare le e-mail e Facebook sul suo telefono o affidandosi a suo marito per trovare contenuti TV per lei.

E non era sola. Alcune delle nostre donne anziane partecipanti hanno fatto affidamento sui loro partner per accedere ai programmi televisivi. Quando le è stato chiesto di mostrarci come ha trovato qualcosa da guardare, uno 55 – la donna di un anno ha risposto: “ Uso raramente il telecomando. È soprattutto mio marito che fa il telecomando. ” A 35 – la donna di un anno ha anche affermato che “nove volte su dieci” è suo marito che tiene il telecomando.

Le nostre donne anziane partecipanti a volte hanno anche lottato con servizi on-demand e streaming. Uno ha detto che non aveva ancora capito come creare un account Netflix. Un altro non capiva cosa fossero BBC iPlayer e ITV Hub, lamentandosi: “Non ti viene insegnato come fare queste cose tu, sai, come persone anziane.”

Spegnimento tecnico
La manipolazione di più telecomandi, l’accensione di televisori intelligenti e l’utilizzo di servizi di streaming hanno impedito a queste donne anziane partecipanti di accedere a interi percorsi verso i contenuti e hanno posto il controllo sulla visione televisiva nelle mani dei loro partner.

Le esperienze delle donne nel nostro campione concordano con una più lunga storia di ricerche che rivelano che gli uomini dominano l’uso delle tecnologie dei media in casa. Le sfide che le nostre donne anziane partecipanti hanno dovuto affrontare hanno probabilmente a che fare tanto con le dinamiche culturali di vecchia data quanto con le capacità tecnologiche.

In definitiva, non è solo l’accesso alla banda larga superveloce e ai dispositivi tecnologici che limita la capacità delle persone di sperimentare i benefici della televisione in tempi di crisi, ma anche la loro alfabetizzazione tecnologica e mediatica. E questo, suggerisce la nostra ricerca, è probabilmente una questione di genere, oltre che generazionale.

Quindi, mentre la televisione potrebbe assumere un ruolo sempre più importante durante il blocco del coronavirus, il comfort, l’informazione e l’intrattenimento che offre non sono così ampiamente accessibili come potremmo pensare.

Non ci sono soluzioni semplici a questo problema. Ma ci sono passi che potrebbero essere presi. Ad esempio, i produttori di dispositivi dovrebbero essere incoraggiati a migliorare l’usabilità dei televisori intelligenti e coinvolgere le donne più anziane nella loro progettazione.

Le emittenti e i governi potrebbero investire in media e iniziative di alfabetizzazione tecnologica rivolte in particolare alle donne anziane. Nel proclamare i vantaggi dei nuovi servizi di streaming, l’industria e il governo devono riconoscere le sfide che le donne anziane possono affrontare.