giovedì 26 maggio 2022

L’ananas: rimedio dolce per la salute dello stomaco

L’ananas è un frutto esotico dall’effetto drenante, digestivo e dietetico, rinfrescante e gradevole, ha infatti molte proprietà benefiche sia per la circolazione che per l’epidermide

Un frutto che contiene bromelina, un enzima presente nello stelo che ha effetti antinfiammatori e che viene utilizzato nel trattamento della cellulite e per la ritenzione idrica: è l’ananas  capace di alleviare i dolori di stomaco, la sensazione di pesantezza, capace di agire come sedativo e capace di digerire cibi ricchi di proteine. Può essere utilizzata in modi differenti: da mangiare da solo, ideale per succhi e frullati e per arricchire le insalate.

Quali sono  punti di forza? Ha poche calorie (49 calorie/100 grammi),  stimola la sazietà, ha una polpa molto succosa, dolce e leggermente acida e un profumo intenso e caratteristico. L’ananas è ricca di antiossidanti e nutrienti essenziali: vitamine (C, B1, B6), sali minerali (sodio, potassio, calcio, magnesio e ferro)  e sono due enzimi particolari ovvero la perossidasi e la bromelina che hanno un effetto benefico sulla salute del nostro organismo, inibendo la crescita delle cellule maligne, inibendo l’aggregazione piastrinica e la coagulazione ed esercitando potenti effetti antinfiammatori e mucolitici.

L’ananas ci aiuta anche per l’aterosclerosi, la coagulazione del sangue e la pressione sanguigna instabile,  è un antinfiammatorio naturale perché aiuta a guarire le ferite agendo come un anticoagulante e aiuta la stimolazione della produzione di collagene, unita all’azione antinfiammatoria e ai nutrienti come aminoacidi e vitamina C.

Interagisce bene con le cellule facciali e i tessuti danneggiati infatti i  preparati per la pelle agiscono contro l’invecchiamento. Ed è utile anche per la prevenzione del cancro al seno e di alcuni tipi di leucemia. La bromelina ha dimostrato di avere un effetto significativo sulla dissoluzione delle secrezioni bronchiali, con il vantaggio di essere un componente alimentare e quindi una sostanza sicura anche per i bambini.